Cimitero militare polacco di Casamassima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cimitero militare polacco di Casamassima
Il cimitero militare polacco di Casamassima
Il cimitero militare polacco di Casamassima
Tipo militare
Confessione religiosa cattolico
Stato attuale in uso
Ubicazione
Stato Italia Italia
Città Casamassima
Costruzione

Il cimitero militare polacco di Casamassima (in polacco polski cmentarz wojenny w Casamassima) si trova a Casamassima. Oltre a questo si ricordano i cimiteri militari polacchi di Montecassino, Loreto e Bologna.

Custodisce le tombe dei 429 soldati polacchi caduti nei combattimenti lungo la Linea Gustav sul fiume Sangro o deceduti nell'ospedale militare di Casamassima e in altri ospedali di Bari e di Napoli a seguito delle ferite riportate in diverse battaglie della campagna d'Italia. I lavori di costruzione furono coordinati dal capomastro Fedele Camardella. Il cimitero ha una pianta rettangolare e non è diviso in settori interni.

Questo significa che le tombe ortodosse, ebraiche e musulmane si trovano insieme a quelle cattoliche, a riprova del fatto che tra i soldati del 2º Corpo le differenze di religione non avevano importanza. Al centro si trova un altare con l'immagine della Madonna della Porta dell'Aurora di Vilnius e l'iscrizione in latino "NE VI IUS OPPRIMATUR FORTITER ET NOBILITER CECIDERUNT". Un elemento caratteristico è anche il cancello principale con i simboli del 2º Corpo, le date 1943-1946 (quando i soldati vennero sepolti nel cimitero) e una citazione in latino tratta dalla seconda lettera di San Paolo a Timoteo: "BONUM CERTAMEN CERTAVI, FIDEM CONSERVAVI – IDEO REPOSITA EST MIHI CORONA IUSTITIAE".