Chiesa delle Santissime Stimmate di San Francesco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°53′46.75″N 12°28′39.65″E / 41.89632°N 12.47768°E41.89632; 12.47768[1]

SS.Stimmate di San Francesco
Esterno
Esterno
Stato Italia Italia
Regione Lazio
Località Roma
Religione Cattolica
Diocesi Diocesi di Roma
Inizio costruzione 1708
Completamento 1721

La chiesa delle SS. Stimmate di San Francesco, è una chiesa di Roma, nel rione Pigna, situata in via dei Cestari, all’angolo con il Largo di Torre Argentina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa attuale è costruita sul luogo di una preesistente, intitolata Santi Quaranta Martiri de calcarario, come ricorda una lapide conservata in sacrestia e risalente al 1298. Nel 1597 la chiesa passò all’Arciconfraternita delle Sacre Stimate di San Francesco, che la fece ricostruire sotto il pontificato di Clemente XI nel Settecento e le diede il nuovo nome.

Il progetto fu affidato all'architetto Giovan Battista Contini che iniziò i lavori nel 1714.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La facciata, opera di Antonio Canevari, è su due ordini, di cui quello inferiore con portico retrostante; è costruita prendendo ad esempio quella di Santa Maria in Via Lata progettata da Pietro da Cortona; nella facciata è inserita la statua di San Francesco stigmatizzato, attribuita a Antonio Raggi.

L’interno è ad una navata unica con tre cappelle per lato. Vi si possono ammirare:

  • nella volta, Gloria di San Francesco di Luigi Garzi
  • un Crocifisso d’avorio attribuito ad Alessandro Algardi;
  • Flagellazione di Marco Benefial;
  • all’altare maggiore, San Francesco stigmatizzato di Francesco Trevisani;
  • Santi Quaranta Martiri di Giacinto Brandi, autore anche del San Francesco stigmatizzato nell’oratorio dell’Arciconfraternita al primo piano della chiesa;
  • in sagrestia si conserva un prezioso reliquiario in argento.

Nel sotterraneo della chiesa esiste un ossario che risale al Cinquecento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Coordinate prese da OpenStreetMap.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Testi online di dominio pubblico:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Rendina, Le Chiese di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000, p. 353-354
  • C. Villa, Rione IX Pigna, in AA.VV, I rioni di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000, Vol. II, pp. 556-618

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]