Charles Oman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sir Charles William Chadwick Oman (12 gennaio 186023 giugno 1946) è stato uno storico e numismatico inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque in India, figlio di un piantatore inglese, e frequentò la Oxford University, dove nel 1905 ricevette la cattedra di storia moderna succedendo a Montagu Burrows. Oltre a questo, ricevette moltissimi riconoscimenti, ma la sua carriera accademica fu interrotta dalla prima guerra mondiale poiché fu impiegato al Foreign Office e al Press Bureau.

Terminato il conflitto proseguì la carriera ad Oxford ricevendo numerosi riconoscimenti ed ove vi morì. Nel 1928 gli fu conferita la medaglia della Royal Numismatic Society[1].

Importanti e pionieristiche furono le sue ricostruzioni delle battaglie medievali, che ricavò dalle confuse e frammentarie testimonianze che erano giunte fino a lui. Il suo stile di scrittura è un misto tra accuratezza storica e racconti emozionanti, il che rese i suoi testi, benché fondati su anni di profonde ricerche, leggibili anche come opere di narrativa.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • The Art of War in the Middle Ages (L'arte della guerra nel Medioevo) (1885)
  • A History of Greece From the Earliest Times to the Death of Alexander the Great (Storia della Grecia dai tempi antichi alla morte di Alessandro il Grande) (1888)
  • Warwick the Kingmaker (1891)
  • The Story of the Byzantine Empire (La storia dell'Impero Bizantino) (1892)
  • The Dark Ages: 476-918 (Gli anni bui: 476-918) (1893)
  • A History of England (Storia dell'Inghilterra) (1895)
  • A History of the Art of War in the Middle Ages (Storia dell'arte della guerra nel Medioevo) (1898)
  • England in the Nineteenth Century (L'Inghilterra nel Diciannovesimo secolo) (1900)
  • History of the Peninsular War (Storia della guerra peninsulare) (1902-1930)
  • Seven Roman Statesmen of the Later Roman Republic (Sette statisti romani della tarda repubblica di Roma) (1902)
  • England and the Hundred Years War (L'Inghilterra e la Guerra dei Cent'anni) (1903?)
  • The Hundred Days, 1815 (I Cento Giorni, 1815) (1906)
  • Inaugural lecture on the study of history (1906?)
  • A History of England in Seven Volumes (Storia dell'Inghilterra in sette volumi) (1904)
  • Wellington's Army, 1809-1814 (L'esercito di Wellington) (1912)
  • The Outbreak of the War of 1914-18: A Narrative Based Mainly on British Official Documents (Lo scoppio della Guerra del 1914-18: una descrizione basata principalmente sui documenti ufficiali britannici) (1919)
  • The Unfortunate Colonel Despard & Other Studies Lo sfortunato colonnello Despard e altri studi) (1922)
  • British Castles (Castelli inglesi) (1926)
  • Political Principles of Some Notable Prime Ministers of the Nineteenth Century (Principii politici di alcuni notabili Primi Ministri del Diciannovesimo secolo) (1926)
  • Studies in the Napoleonic Wars (Studi delle guerre napoleoniche) (1929)
  • The Coinage of England (La monetazione dell'Inghilterra) (1931)
  • Things I Have Seen (Cose che ho visto) (1933)
  • A History of the Art of War in the Sixteenth Century (Storia dell'arte della guerra nel Sedicesimo secolo) (1937)
  • The Sixteenth Century (Il Sedicesimo secolo) (1937)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito ufficiale

Controllo di autorità VIAF: 27096611

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie