Centrale termoelettrica di Trbovlje

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La centrale termoelettrica di Trbovlje con l'alta ciminiera che supera le montagne della valle.

La centrale termoelettrica di Trbovlje (in sloveno: Termoelektrarne Trbovlje-TET)[1] è un impianto industriale volto alla produzione di energia elettrica, situato a Trbovlje, in Slovenia, lungo il fiume Sava. Costruita in due anni, dal 1964 al 1966, è una delle tre centrali a carbone del Paese [2] ed è principalmente famosa per l'altezza della ciminiera, che con i suoi 360 metri detiene il record per la costruzione più alta d'Europa e che era tale fino al completamento del Federation Tower di Mosca.[1]

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Un'immagine della ciminiera.

La centrale elettrica, che è gestita dalla Termoelektrarna Trbovlje d.o.o., sfrutta il vapore generato dalla combustione della lignite, di cui è estremamente ricco il territorio circostante; tuttavia è alimentata, come combustibile secondario, anche da gas naturale. A tal proposito, essa è composta da due stabilimenti diversificati proprio per tipologia di carburante: quello principale, a lignite, da 125 MW e quello secondario, a gas naturale, da 63 MW.[3] La centrale produce il 6% del fabbisogno totale della Slovenia,[4] configurandosi come l'impianto sloveno più efficiente per la produzione di energia da lignite, in questo avvantaggiato sia dall'ubicazione, per la vicinanza di una miniera[5], sia da un processo di gestione della materia prima ben organizzato per gli standard locali.[6]

La ciminiera[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente la centrale aveva una ciminiera di 80 metri; quella attuale, invece, è quattro volte e mezzo più alta: 360 metri. La sua realizzazione ha richiesto 210 giorni di lavoro, 11.866 metri cubi di calcestruzzo, 1.079 tonnellate d'acciaio e 960 tonnellate di materiale isolante.[1] Alla base, il camino ha un diametro di 55 metri.[3] I lavori, ultimati nel 1976[7], hanno comportato una spesa di oltre 100 milioni di dinari jugoslavi.[3] L'opera è stata definita necessaria per via della conformazione del territorio, una valle, tendente a non disperdere l'inquinamento atmosferico generato. È stato scelto, pertanto, di far raggiungere alla bocca della ciminiera un'altezza tale da non creare problemi d'inquinamento a livello locale.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (SL) Trboveljski dimnik je najvišji betonski objekt v Evropi - il camino di Trbovlje è l'edificio più alto d'Europa. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  2. ^ (EN) Centrali a carbone in Slovenia. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  3. ^ a b c d (SL) ibe.si informazioni storiche sulla centrale.
  4. ^ (SL) sito ufficiale della TET. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  5. ^ (IT) (PDF) enea.it ricerca di sistema elettrico. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  6. ^ (IT) eur-lex.europa.eu. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  7. ^ (EN) Trbovlje Chimney. URL consultato il 14 gennaio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Piero Bassetti: Le Alpi e l'Europa: Economia e transiti - Laterza, 1974.
  • Giorgio Roletto La Jugoslavia economica: aspetti, evoluzioni, tendenze Giuffrè, 1956.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 46°07′33″N 15°03′41″E / 46.125833°N 15.061389°E46.125833; 15.061389