Cempoala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Sito archeologico}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Vista della piazza principale di Cempoala.
Cempoala

Cempoala (o Zempoala) fu un'importante città Mesoamericana. Fu la città maggiore della costa del golfo del Messico e la capitale del regno dei Totonachi. La popolazione totale contava circa 30.000 persone. Il nome significa "luogo delle venti acque" a causa della presenza di alcuni fiumi vicini al sito e si trova a circa 8 km di distanza dalla città di Veracruz e a 6 dal mare. La città fu un importante luogo strategico della conquista del Messico da parte di Hernán Cortés.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Prima della conquista spagnola[modifica | modifica sorgente]

La città era popolata già 1500 anni prima dell'arrivo degli spagnoli e venne influenzata dalla cultura olmeca. Non si sa molto di ciò che accadde nel periodo Preclassico e Classico, ma la città Preclassica venne costruita su dei monticelli per proteggerla dalle inondazioni.

I Totonachi giunsero nell'area durante l'apice della era dell'impero Tolteco, essendo stati espulsi dai territori della Sierra Madre Oriental. I Totonachi governavano la zona di Totonacapan, oggi occupata dalla parte settentrionale di Veracruz assieme al distretto Zacatlán di Puebla. Gli abitanti erano intorno a 250.000 e vi erano circa 50 città. Cempoala contava tra 25.000 e 30.000 abitanti.

La maggior parte degli edifici sul sito archeologico attuale risalgono al XIV e XV secolo. Vi sono il Grande Tempio che ricorda il Tempio del Sole a Tenochtitlan dove si svolgevano sacrifici umani. Vi sono anche altri templi, come il Tempio delle Piccole Facce, il Tempio di Quetzalcoatl e il Tempio di Ehecatl, il dio del vento.

Verso la metà del XV secolo i Totonachi vennero sconfitti dagli Aztechi di Moctezuma I. Gli Aztechi imposero un tributo pesante, costringendo i Totonachi a mandare centinaia di bambini ogni anno destinati a diventare schiavi o a essere sacrificati.

Conquista spagnola[modifica | modifica sorgente]

Quando Cortés giunse sulla costa del Messico giunsero voci dell'esistenza di Cempoala e si diresse verso di essa. Al loro arrivo vennero ricevuti da 20 uomini di alto rango e dalla popolazione. Cortés persuase in breve il capo Totonaco Xicomecoatl (o Chicomacatl) a ribellarsi contro gli Aztechi. I Totonachi e gli Spagnoli riuscirono a sconfiggerli, e i Totonachi aiutarono nella costruzione della città di (Villa Rica de la) Vera Cruz (oggi Veracruz), che fu il punto di partenza della conquista dell'impero Azteco.

Nell'agosto del 1519, i soldati Totonachi si unirono agli spagnoli per conquistare l'impero Azteco, che avvenne con la caduta di Tenochtitlan. Cortés venne a sapere che il governatore di Cuba aveva mandato delle truppe comandate da Pánfilo de Narváez per togliere la posizione di potere a Cortés, e queste truppe controllavano le città di Cempoala e Vera Cruz. Cortés ritornò alla zona lasciando delle truppe a Tenochtitlan, sconfisse Narváez e convinse i soldati di Narváez a unirsi alla sua causa.

Nel 15751577, i Totonachi furono colpiti dall'epidemia matlazahuatl che uccise circa 2 milioni di persone; la città di Cempoala perse gran parte degli abitanti. Nel 1600, tutti gli abitanti della città vennero rimossi in accordo con uno schema di concentrazione vice-reale, e la città divenne un villaggio.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]