Carlo Bertolazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Bertolazzi

Carlo Bertolazzi (Rivolta d'Adda, 2 novembre 1870Milano, 2 giugno 1916) è stato uno scrittore, commediografo e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Rivolta d'Adda da una famiglia di estrazione borghese, fu critico teatrale del Guerin Meschino e del quotidiano Sera.

Laureatosi in giurisprudenza, per un certo periodo esercitò l'attività forense, per dedicarsi in seguito a quella notarile. Come autore drammatico esordì nel 1888 con Mamma Teresa, messo in scena con una compagnia di filodrammatici. Seguirono Trilogia di Gilda (1889) che ottenne però una cattiva accoglienza e La lezione per domani nel 1890.

Nel 1893 va in scena El nost Milan, opera in cui la protagonista viene dapprima presentata nell'ambiente popolare e successivamente si introduce nella corrotta nobiltà milanese. L'opera venne poi divisa in due parti (La povera gent e I sciòri). La gibigianna (1898) fu l'ultima opera scritta in dialetto milanese. Bertolazzi si era convinto di non poter più esprimere compiutamente le sue idee continuando nella tradizione del dialetto e scrisse i successivi lavori in italiano. Tra questi, L'egoista (1901), Lulù (1903), Lorenzo e il suo avvocato (1905) e La zitella (1915).

Bertolazzi morì a 46 anni nel 1916.

Autore verista, venne considerato nel secondo dopoguerra uno dei più apprezzati autori d'ispirazione nazional-popolare e da allora i suoi scritti furono spesso riproposti a teatro o fornirono ispirazione per pellicole cinematografiche.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]