Brugola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiavi a brugola di varie misure

Una chiave a brugola o brugola, denominata più correttamente chiave di Allen ma conosciuta anche in gergo tecnico internazionale come imbus o inbus (dal tedesco Innensechskantschraube Bauer und Schaurte“), è un tipo di chiave meccanica caratterizzata da una sezione esagonale.

Inventata e brevettata dallo statunitense W.G. Allen il 7 giugno 1910, fu conosciuta in Italia come chiave Brugola dal nome dell'italiano Egidio Brugola che la riscoprì in Italia, brevettandola nel 1945 - 35 anni dopo la scoperta originale di Allen - e attribuendosene in maniera controversa la paternità.[senza fonte]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Chiavi a brugola di dimensioni progressive in unico attrezzo.

La chiave a brugola viene usata per allentare o serrare viti a testa cava esagonale, comunemente chiamate viti a brugola, e viene solitamente realizzata in acciaio temperato.

La forma più comune è quella di una barra a sezione esagonale piegata a L o a T, che consente di applicare una coppia di serraggio elevata, superiore a quella applicabile con un comune giravite.

Esiste anche nella forma di bussola esagonale, atta ad essere innestata su apposite leve e cricchetti. Inoltre esistono attrezzi che, per comodità, raccolgono chiavi a brugola di dimensioni progressive.

Chiavi a brugola con testa a sfera.

Nel caso si debba usare una chiave a brugola in spazi ristretti, esistono delle chiavi a brugola sagomate in modo tale da poter essere usate in obliquo. Questo tipo di chiave, che permette l'accesso a dispositivi di fissaggio altrimenti inaccessibili, è stata inventata nel 1964 dalla Corporation Bondhus, ed è caratterizzata da un assottigliamento del fusto, che rende la chiave più debole rispetto alla versione tradizionale, limitando di conseguenza la coppia che può essere applicata.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome italiano deriva da Egidio Brugola, fondatore delle Officine Egidio Brugola di Lissone, che nel 1926 cominciarono a commercializzare le brugole prodotte in Italia. Brugola depositò il brevetto per questo tipo di chiavi e di viti all'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi nel 1945.[2]

La prima apparizione mondiale di viti con intaglio di testa esagonale è stata nel 1911 presso la Standard Pressed Steel Company (SPS), allora di Filadelfia, USA. Il signor W.G. Allen, statunitense, è il vero padre di questa chiave, brevettata negli USA il 7 giugno 1910 col numero di brevetto Pat. U. S. 960244[3]

Vantaggi nell'utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Varie viti con testa incava a brugola

L'utilizzo di viti e chiavi a brugola presenta diversi aspetti vantaggiosi:

  • il più importante è la semplicità ed economicità costruttiva dell'attrezzo;
  • il meccanismo a leva permette di poter applicare una coppia di serraggio;
  • la chiave non rischia di sfuggire dalla vite rischiando di danneggiare le superfici vicine;
  • la vite a brugola può essere inserita semplicemente utilizzando la sola chiave

Dimensioni (Diametro esterno filettatura)[modifica | modifica wikitesto]

DIN 912 6912 7984 7991 913/916 914 915
ISO 4762 10642 4027 4028
SW 1,5 1,6–2 3
SW 2,0 2,5 3 4
SW 2,5 3 4 5
SW 3,0 4 5 6
1/4″
SW 4,0 5 6 8
5/16″
SW 5,0 6 8 10
1/4″ 3/8″
SW 6,0 8 10 12
5/16″ 1/2″
14
SW 8,0 10 12 16
3/8″ 5/8″
SW 10,0 12 14 18
1/2″ 3/4″
16 20

Forme della testa[modifica | modifica wikitesto]

Inbus con altre teste di viti
a) lama   b) Phillips   c) Pozidriv   d) Torx   e) Inbus   f) Robertson    g) Tri-Wing   h) Torq-Set i) spine
1/2": RIBE, Torx-TR, XZN, Inbus e Torx E

Alcuni costruttori di sistemi frenanti utilizzano intagli pentagonali anziché esagonali.[4]

Un intaglio intero a forma di pentagono serve anche come antifurto, tuttavia, questi attacchi stanno perdendo il loro vero carattere keyless.

Nel settore automotive è sempre più frequente l'utilizzo di profili XZN.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premiere ball end tools
  2. ^ Ravelli Arianna, La partita vincente del signor Brugola in Il Corriere della Sera, 19 marzo 2003, p. 54.
  3. ^ Howard Thomas, Sr Hallowell, How a Farm Boy Built a Successful Corporation: An Autobiography, Jenkintown, Pennsylvania, Standard Pressed Steel Company, 1951, OCLC 521866.
  4. ^ http://stahlgruber.de/Kataloge/werkzeug/index.php?sb=77369 Innenfünfkantschlüssel im Fachhandel

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]