Brancasaurus brancai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Brancasaurus
Stato di conservazione: Fossile
Brancasaurus.jpg
Ricostruzione del cranio di Brancasaurus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Superordine Sauropterygia
Ordine Plesiosauria
Superfamiglia  ? Pliosauroidea
Famiglia Leptocleididae
Genere Brancasaurus
Specie B. brancai

Il brancasauro (Brancasaurus brancai) è un rettile marino estinto appartenente ai plesiosauri. Visse nel Cretaceo inferiore (Berriasiano, circa 144 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Germania.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo rettile è noto grazie ai fossili quasi completi di un esemplare ritrovato nei pressi di Gronau, nella Germania centro-occidentale. La lunghezza doveva essere modesta se rapportata a quella di molti altri plesiosauri (ad esempio Elasmosaurus), e non doveva superare i 3,5 metri. Come tutti i plesiosauri, anche Brancasaurus possedeva zampe simili a pinne, un collo lungo e una piccola testa armata di denti aguzzi. Al contrario di Elasmosaurus e forme simili, il collo di Brancasaurus non era eccezionalmente allungato, e possedeva solo 37 vertebre cervicali (per un confronto, Elasmosaurus ne possedeva oltre 70).

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Brancasaurus è stato descritto per la prima volta nel 1914 ed è stato a lungo considerato uno dei membri più basali ("primitivi") del gruppo degli elasmosauridi, una famiglia di plesiosauri dal collo lunghissimo e dalle notevoli specializzazioni.

Uno studio più recente (Ketchum & Benson, 2010) ha attribuito invece Brancasaurus alla famiglia dei leptocleididi, un gruppo di plesiosauri dalle caratteristiche ancestrali, sopravvissuti nel Cretaceo, alcuni dei quali colonizzarono le acque dolci. Il nome Brancasaurus onora Wilhelm von Branca, paleontologo tedesco.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Wegner, T., 1914, Brancasaurus brancai n. g. n. sp., ein Elasmosauride aus dem Wealden Westfalens: Brancia festschrift, Berlin, Borntrager, p. 235-305.
  • Druckenmiller, Patrick S. and Russell, Anthony P. (2006). "A new elasmosaurid plesiosaur (Reptilia: Sauropterygia) from the Lower Cretaceous Clearwater Formation, northeastern Alberta, Canada". Paludicola 5 (4): 184–199. http://www.bio.ucalgary.ca/contact/faculty/pdf/russell/297.pdf.
  • Ketchum, H. F., and Benson, R. B. J. (2010). "Global interrelationships of Plesiosauria (Reptilia, Sauropterygia) and the pivotal role of taxon sampling in determining the outcome of phylogenetic analyses". Biological Reviews 85: 361–392. doi:10.1111/j.1469-185X.2009.00107.x. PMID 20002391.