Pliosauroidea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pliosauroidea
Stato di conservazione: Fossile
Periodo di fossilizzazione: Giurassico - Cretacico
Polyptychodon hudsDB2.jpg
Polyptychodon
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Superordine Sauropterygia
Ordine Plesiosauria
Sottordine Pliosauroidea
Welles, 1943
Famiglie

I pliosauroidei (Pliosauroidea Welles, 1943) erano un sottordine dei plesiosauri, al meglio rappresentati dal Pliosaurus e dal Liopleurodon, che colonizzarono i mari boreali dal Giurassico inferiore (Sinemuriano, 189.6 milioni di anni fa) alla fine del Cretacico (65 milioni di anni fa).[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Distinguibili dagli altri plesiosauri, i Plesiosauroidea,per le pinne posteriori più grandi e le prede da loro cacciate maggiori, per la presenza di un collo più breve, con tredici vertebre e di una testa molto più grande, questi carnivori avevano un corpo idrodinamico molto adatto alla vita esclusivamente acquatica. Avevano denti acuti e irregolari, appuntiti e a sezione triangolare, lunghi fino a 30 cm, tramite i quali si cibavano principalmente di pesci e molluschi. Il cranio, dotato di rostro anteriore alle orbite, poteva raggiungere il metro e mezzo di lunghezza.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pliosauroidea in Fossilworks. URL consultato il 22 dicembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]