Basket Parma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Basket Parma
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit body thindkbluesides.png
Kit body basketball.png
Kit shorts.png
Kit shorts.svg
Casa
Kit body thinyellowsides.png
Kit body basketball.png
Kit shorts.png
Kit shorts.svg
Trasferta
Colori sociali 600px Giallo e Blu (Strisce).png Giallo e blu
Dati societari
Città Parma
Paese Italia Italia
Campionato Serie A1
Fondazione 1962
Denominazione Associazione Basket Parma (1962-attuale)
Presidente Gianni Bertolazzi
Allenatore Massimo Olivieri
Palazzetto PalaCiti
Sito web www.basket-parma.com
Palmarès
Scudetto.svgCoccarda Italia.svgCoccarda Italia.svgCoccarda Italia.svgSupercoppa di pallacanestro.svgSupercoppa di pallacanestro.svg
Scudetto 1
Coppe Italia 3
Supercoppe italiane 2
Coppe europee 3 Coppe Ronchetti

L'Associazione Basket Parma è la principale società di pallacanestro femminile di Parma.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La società nasce nel 1962 nei campionati di Prima Divisione avvalendosi quasi subito di un importante sponsor tecnico quello di Salvarani, industria di arredamento di Baganzola, che accompagna la squadra nella veloce scalata alla serie B. Corre l’anno 1969 quando il pool parmense vede la consacrazione nella categoria che successivamente prenderà il nome di A2. Bisogna attendere qualche anno, precisamente la stagione 1974-1975, per vedere militare il team parmigiano nella massima serie, anche se un eccesso di entusiasmo o un impatto brutale[1] sono la causa della sua immediata retrocessione. Non si fa attendere il rientro in serie A che arriva nella stagione 1976 con lo sponsor Foglia & Rizzi; la squadra conclude la stagione regolare posizionandosi al terzo posto e settima nella classifica finale della poule scudetto. I campionati 1979-1980 e 1980-1981 sono caratterizzati da due difficili lotte per la salvezza. La neo presidenza di Giovanni Bertolazzi e una modifica del regolamento FIP, che consente ora l’acquisto di una straniera per squadra, favoriscono l’accesso dell’americana Sandra Murray. Ma la formazione neopromossa non garantisce continuità e così approda due volte alla poule scudetto (1981-1982; 1982-1983), ma nelle tre stagioni successive (1983-1984; 1984-1985; 1985-1986) conquista faticosamente la salvezza. Nella seconda metà degli anni ’80 grazie a una seconda modifica apportata al regolamento, il presidente Bertolazzi affianca alla confermata Alisha Jones, l’americana Cynthia Cooper (che vanta tuttora il maggior numero di presenze della rosa). Il Basket Parma nella stagione 1987-1988, all’epoca targato Primizie, conquista il quarto posto in campionato, entrando così nei play off e accedendo alle qualificazioni della competizione europea, la Coppa Ronchetti. Il doppio traguardo raggiunto vede un epilogo in cui il Primizie Basket Parma si vede abbinato, nei quarti di finale europea, alla squadra russa che successivamente si aggiudicherà il trofeo, Cska Mosca, mentre in campionato è costretta a rinunciare all’estro tecnico della Cooper, ferma a causa di un infortunio, vedendo sfumare così i sogni dello scudetto: conclude al quarto posto. La stagione 1989-1990, in cui il Primizie si posiziona al secondo posto in campionato, prepara la società a una data storica. È il 1990: sulla panchina assistiamo al ritorno di Stefano Tommei e in campo alla riapparizione di Marinella Draghetti e alla ripresa di Cynthia Cooper, affiancata da Carvie Upshaw. Il frutto di questa sinergia è la conquista per il Basket Parma, nella sua seconda apparizione europea, della Coppa Ronchetti nella città bosniaca di Tuzla (23 marzo 1990). Nessuna possibilità di replica in Europa per la stagione 1991-1992: la Federazione europea nega alla vincitrice del trofeo la qualificazione di diritto per l’anno successivo. In campionato, quello stesso anno, la squadra si posiziona all’ottavo posto. Il trentennale della fondazione della società viene festeggiato con un quinto posto in campionato 1991-1992 e la qualificazione in extremis per l’anno successivo alla coppa Ronchetti. Ormai la squadra ha raggiunto quella condizione tale che le consente di posizionarsi nei piani alti della classifica: 3º posto nel campionato 1992-1993 e conquista della Coppa Ronchetti contro la polacca TS Olimpia Poznań; 2º posto in quello 1993-1994 e finalista nella competizione europea; 3º posto nei campionati 1994-1995 (oltre che finalista di Coppa Ronchetti contro Cesena); 6° nel 1995-1996; 2º posto nel 1996-1997, finalista in Coppa Ronchetti contro CSKA Mosca, ma battuta nel palazzetto di casa; 5º posto nella stagione 1997-1998. Nel 1998-1999 il numero di squadre partecipanti passa da dodici a quattordici; la Cariparma Parma, rientrando tra quelle che disputano gli ottavi di finale, non ha la meglio sulla squadra siracusana Isab_Priolo e conclude la stagione prima di poter sostenere i play off scudetto. Nell'anno 1999-2000 il secondo posto conquistato nella stagione regolare le consente di entrare direttamente nella fase dei quarti di finale, ma perde contro La Spezia e vede svanire nuovamente i sogni di gloria. Ben diversa la conclusione nella coppa continentale che vede affrontare il team gialloblù e l'allora detentrice del trofeo, Caja Rural Las Palmas. La Cerve Parma si aggiudica la terza coppa Ronchetti.

Nella stagione 2008-09, la Lavezzini Parma si qualifica per i play-off per lo scudetto classificandosi al quinto posto. Nei quarti di finale le parmensi vengono subito eliminate dal Club Atletico Faenza per 2-1.

Nel 2013-2014 all'allenatore Francesco Iurlaro, che si è dimesso per motivi familiari, è subentrato Massimo Olivieri[2].

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

Cronistoria del Basket Parma
  • 1962 · fondazione dell'Associazione Basket Parma

  • 1973-74 · in Serie B, Green Arrow Up.svg promossa in Serie A
  • 1974-75 · Despar, 12ª in Serie A, Red Arrow Down.svg retrocessa in Serie B
  • 1975-76 · in Serie B, Green Arrow Up.svg promossa in Serie A
  • 1976-77 · Foglia&Rizzi, 2ª nel Girone B di Serie A, 7ª in Poule Scudetto
  • 1977-78 · Foglia&Rizzi, 3ª nel Girone A di Serie A, 8ª in Poule Scudetto
  • 1978-79 · Canali, 4ª nel Girone A di Serie A, 7ª in Poule Scudetto
  • 1979-80 · Canali, 6ª nel Girone B di Serie A, 5ª in Poule Salvezza

  • 1980-81 · Canali, 5ª nel Girone A di Serie A1, 5ª in Poule Salvezza
  • 1981-82 · Dietalat, 4ª nel Girone A di Serie A1, 8ª in Poule Finale
  • 1982-83 · Dietalat, 4ª nel Girone A di Serie A1, 3ª in Poule Finale, eliminata nei quarti dei play-off
  • 1983-84 · Welding, 6ª nel Girone A di Serie A1, 5ª in Poule Recupero
  • 1984-85 · Starter, 5ª nel Girone B di Serie A1, 4ª in Poule Recupero
  • 1985-86 · Starter, 6ª nel Girone B di Serie A1, 4ª in Poule Recupero, 1ª negli spareggi salvezza, eliminata negli ottavi dei play-off
  • 1986-87 · Starter, 10ª in Serie A1, eliminata negli ottavi dei play-off
  • 1987-88 · Primizie, 4ª in Serie A1, eliminata in semifinale dei play-off
  • 1988-89 · Primizie, 2ª in Serie A1, eliminata in semifinale dei play-off
  • 1989-90 · Primizie, 8ª in Serie A1, eliminata nei quarti dei play-off. Shield of the European Union.svg Vincitrice della Coppa Ronchetti

  • 1990-91 · Primizie, 11ª in Serie A1
  • 1991-92 · Primizie, 5ª in Serie A1, eliminata nei quarti dei play-off
  • 1992-93 · Primizie, 3ª in Serie A1, eliminata in semifinale dei play-off. Shield of the European Union.svg Vincitrice della Coppa Ronchetti
  • 1993-94 · Primizie, 2ª in Serie A1, eliminata in semifinale dei play-off
  • 1994-95 · Primizie, 3ª in Serie A1, eliminata nei quarti dei play-off
  • 1995-96 · Cariparma, 6ª in Serie A1, partecipa ai play-off
  • 1996-97 · Cariparma, 3ª in Serie A1, finalista dei play-off
  • 1997-98 · Cariparma, 5ª in Serie A1, eliminata nei quarti dei play-off. Coccarda Coppa Italia.svg Vincitrice della Coppa Italia. Supercoppa di pallacanestro.svg Vincitrice della Supercoppa Italiana
  • 1998-99 · Cariparma, 5ª in Serie A1, eliminata nei quarti dei play-off
  • 1999-00 · Cerve, 2ª in Serie A1, eliminata nei quarti dei play-off. Shield of the European Union.svg Vincitrice della Coppa Ronchetti

  • 2000-01 · Cerve, 1ª in Serie A1, vince i play-off, Scudetto.svg campione d'Italia. Coccarda Coppa Italia.svg Vincitrice della Coppa Italia
  • 2001-02 · Meverin, 2ª in Serie A1, eliminata in semifinale dei play-off. Coccarda Coppa Italia.svg Vincitrice della Coppa Italia
  • 2002-03 · Meverin, 5ª in Serie A1, partecipa ai play-off. Supercoppa di pallacanestro.svg Vincitrice della Supercoppa Italiana
  • 2003-04 · Meverin, 1ª nel Girone A di Serie A1, 2ª nel Girone B di seconda fase, finalista dei play-off
  • 2004-05 · Meverin, 3ª in Serie A1, partecipa ai play-off
  • 2005-06 · Stem Marine, 10ª in Serie A1
  • 2006-07 · Lavezzini, 6ª in Serie A1, eliminata nei quarti dei play-off
  • 2007-08 · Lavezzini, 5ª in Serie A1, eliminata nei quarti dei play-off
  • 2008-09 · Lavezzini, 5ª in Serie A1, eliminata nei quarti dei play-off
  • 2009-10 · Lavezzini, 9ª in Serie A1, salva ai play-out

  • 2010-11 · Lavezzini, 10ª in Serie A1, salva ai play-out
  • 2011-12 · Lavezzini, 7ª in Serie A1, eliminata nei quarti dei play-off
  • 2012-13 · Lavezzini, 3ª in Serie A1, eliminata in semifinale dei play-off

[modifica | modifica sorgente]

600px Giallo e Blu (Strisce).png
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • dal 1964 al 1970 - Salvarani
  • dal 1970 al 1973 - Parmalat
  • 1974-1975 - Despar
  • dal 1976 al 1978 - Foglia & Rizzi
  • dal 1978 al 1981 - Pellicce Canali
  • dal 1981 al 1983 - Dietalat
  • dal 1983 al 1984 - Welding
  • dal 1984 al 1987 - Starter
  • dal 1987 al 1995 - Primizie
  • dal 1995 al 1999 - Cariparma
  • dal 1999 al 2001 - Cerve
  • dal 2001 al 2005 - Meverin
  • 2005-2006 - Stem Marine
  • dal 2006 - Lavezzini
600px Giallo e Blu (Strisce).png
Allenatori

Cestiste[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Cestiste del Basket Parma.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Parma e lo sport: 50 anni di successi", coordinatore Gian Franco Belle, Parma, Artegrafica Silva, 1993.
  2. ^ Lavezzini, il nuovo coach è Massimo Olivieri in LBF, 13 dicembre 2013. URL consultato il 14 dicembre 2013.