Attilio Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Attilio Milano (Roma, 12 agosto 1907Hod HaSharon, 22 giugno 1969) è stato uno storico italiano, di origine ebraica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appassionato cultore di «storia patria» [1], crebbe nell'ambiente culturale del Ghetto di Roma, di cui studiò il dialetto [2] e la storia. Nel 1939, dopo l'approvazione delle leggi razziali fasciste, si rifugiò in Palestina, dove visse fino alla morte, continuando però i suoi studi sugli ebrei italiani.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Storia degli ebrei italiani nel Levante, Firenze, Israel, 1949
  • Bibliotheca historica italo-judaica, Firenze, Sansoni, 1954
  • Storia degli ebrei in Italia, Torino, Einaudi, 1963
  • Il ghetto di Roma: illustrazioni storiche, Roma, Staderini, 1964

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sergio Romano, articolo su Corriere.it
  2. ^ fu autore di un Glossario dei Vocaboli e delle espressioni di origine ebraica nel dialetto giudaico-romanesco, in Crescenzo Del Monte, Sonetti postumi giudaico-romaneschi e romaneschi, Roma, Israel, 1955

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Scritti in memoria di Attilio Milano, Roma, La rassegna mensile di Israel, 1970

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]