Aristide Bancé

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aristide Bancé
Aristide Bancé.JPG
Dati biografici
Nazionalità Burkina Faso Burkina Faso
Altezza 193 cm
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Augusta Augusta
Carriera
Giovanili
Stade d'Abidjan Stade d'Abidjan
Squadre di club1
2000 Stade d'Abidjan Stade d'Abidjan 33 (8)
2001 Costa d'Avorio Athlétic Adjame 30 (5)
2002 Costa d'Avorio RFC Daukro 20 (8)
2002-2003 Burkina Faso Santos Burkina 16 (9)
2003-2006 Lokeren Lokeren 77 (27)
2006-2008 Metalurh Donec'k Metalurh Donec'k 12 (2)
2007-2008 G. Beerschot G. Beerschot 9 (0)
2008 Kickers Offenbach Kickers Offenbach 10 (4)
2008-2010 Magonza Magonza 62 (24)
2010-2011 Al-Ahli Al-Ahli 7 (2)
2011 Umm-Salal Umm-Salal 8 (4)
2011-2012 Samsunspor Samsunspor 20 (5)
2012- Augusta Augusta 15 (0)
Nazionale
2003- Burkina Faso Burkina Faso 23 (4)
Palmarès
Coppa Africa.svg  Coppa d'Africa
Argento Sudafrica 2013
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 agosto 2010

Aristide Bancé (Abidjan, 19 settembre 1984) è un calciatore ivoriano naturalizzato burkinabè, attaccante dell'FC Augusta.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Gli esordi in Costa d'Avorio e Burkina Faso[modifica | modifica sorgente]

Aristide Bancé è una prima punta che fa del gran fisico e della buona velocità le sue armi migliori. I suoi esordi a livello calcistico avvengono in Costa d'Avorio, suo paese di nascita, nonostante giovanissimo si fosse trasferito con la famiglia in Burkina Faso, con le squadre Stade d'Abidjan, Athlétic Adjame e RFC Daukro. Presto decide di tornare in Burkina Faso firmando un contratto con il Santos Burkina, dove mette in mostra le sue doti di attaccante segnando 9 reti in 16 presenze.

La consacrazione in Belgio[modifica | modifica sorgente]

Nel 2003 arriva la chiamata da una squadra europea: il Lokeren che milita nel campionato di calcio belga decide di acquistarlo per sostituire la punta Sambegou Bangoura. Il primo anno è stato particolarmente difficile per il giocatore naturalizzato burkinabè, ma l'avvicendamento di Willy Reynders sulla panchina tricolores permette a Bancé di mettere in mostra le sue capacità realizzative, diventando un vero beniamino per i tifosi che rivedono in lui quel Jan Koller che anni prima li aveva fatti sognare a suon di gol.

Nella stagione 2005/2006 riesce a conquistare il titolo di capocannoniere della Jupiler League con 15 gol.

L'avventura in Ucraina e il ritorno in Belgio[modifica | modifica sorgente]

Le reti messe a segno in Belgio non passano inosservate al resto dell' Europa e Bancé viene pertanto acquistato dal Metalurg Doneck, squadra del massimo campionato ucraino, dove però non riesce a ripetersi e mette a segno solo 2 reti in appena 12 presenze.

Per rilanciarsi decide di tornare, dopo appena un anno, in Belgio, nel campionato che l'ha consacrato. Gioca metà anno nel Germinal Beerschot con il compito di sostituire François Sterchele passato nel frattempo al Club Brugge, però delude, e così a metà stagione si trasferisce in Germania, all'Offenbach, dove riesce a mettere a segno 4 reti.

Il bomber di Magonza[modifica | modifica sorgente]

Alla fine della stagione 2007/2008, il suo ritorno al Metalurg Doneck, che ha ceduto Bancé sempre in prestito, viene evitato dall'intervento del Magonza, che lo acquista per tentare l'assalto alla promozione in Bundesliga. Mossa azzeccata, ritorno in Bundesliga centrato e Bancé idolo della tifoseria bianco-rossa grazie a gol importanti e giocate decisive.

Rimane a Magonza per due stagioni, fino al 2010, mettendo a segno 24 reti in 62 presenze.

Negli Emirati Arabi e in Turchia[modifica | modifica sorgente]

Aristide Bancé riceve la proposta di tentare l'avventura negli Emirati Arabi Uniti. Viene acquistato dall' Al-Ahli ma a metà stagione viene ceduto all'Umm Salal. Esperienza non del tutto soddisfacente, poche presenze e poche reti.

Viene pertanto ceduto in prestito al Samsunspor nella stagione 2011/2012 dove riesce a mettere a segno 5 reti in 20 presenze.

Il ritorno in Germania[modifica | modifica sorgente]

Terminato il prestito, Bancé viene ceduto definitivamente all'Augusta, dove indosserà la maglia numero 23 a partire dalla stagione 2012/2013.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Dal 2003 fa parte della nazionale di calcio del Burkina Faso.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

È il cognato di Aruna Dindane, attaccante che milita nell'Al Sailiya.

Grande caratteristica sono anche i curiosi capelli tinti di biondo, che lo rendono immediatamente riconoscibile dagli spalti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

http://it.fitness.com/articles/340/aristide_bance_una_storia_africana.php