Ara guadeloupensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ara delle Piccole Antille
Amazona.violacea.jpg
Ara guadeloupensis
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EX it.svg
Estinto
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Psittaciformes
Famiglia Psittacidae
Genere Ara
Specie A. guadeloupensis
Nomenclatura binomiale
Ara guadeloupensis
(Clark, 1905)

L'ara delle Piccole Antille (Ara guadeloupensis), nota anche come ara di Guadalupa, è una specie estinta di ara dell'isola antillana di Guadalupa.[1][2][3] Venne descritta nei dettagli per la prima volta da Jean-Baptiste Du Tertre nel 1654 e nel 1657 e in seguito, nel 1742, da Jean Baptiste Labat[2]. Questa specie aveva una colorazione simile a quella dell'ara scarlatta, comunque, era più piccola ed aveva la coda rossa e delle chiazze gialle sulle ali. L'ara delle Piccole Antille era endemica delle isole di Guadalupa e Martinica, che fanno parte delle Piccole Antille. Rothschild distinse due diverse are, l'ara mitica[4] (Ara (sic!) purpurascens)[2] e l'ara gialla e blu della Martinica (Anadorhynchus (sic!) martinicus)[2] (sinonimi: Ara erythrura[4], Ara martinica)[4]. Oggi è purtroppo difficile intuire se queste specie differissero veramente. A partire dal 1760 l'ara delle Piccole Antille divenne estremamente rara e poco dopo si estinse.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Psittacidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.
  2. ^ a b c d (EN) BirdLife International 2012, Ara guadeloupensis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  3. ^ Note on the Guadeloupe Macaw (Ara guadeloupensis)
  4. ^ a b c Greenway, James (1967): Extinct and Vanishing Birds of the World, pp 314-315
uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli