Angelo Barabino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Angelo Barabino (Tortona, 1º gennaio 1883Milano, 6 novembre 1950) è stato un pittore italiano, dapprima divisionista-simbolista, poi esponente della corrente sociale, allievo di Giuseppe Pellizza da Volpedo.

La vita[modifica | modifica sorgente]

Amico del Pellizza, fu uno dei suoi allievi più fedeli, e come tale seguì il maestro anche nel suo passaggio dalla corrente divisionista a quella sociale. Nel 1907, dopo la morte del Pellizza, completò un dipinto da lui incompiuto, Il girotondo.

Dopo una prima parte di vita come pittore decise di cambiare "carriera" e divenire un consulente aziendale. Non ebbe grande successo tuttavia e mori' in povertà.

Trascorse quasi tutta la sua vita nella natia Tortona, se si eccettuano alcuni brevi soggiorni sulla riviera ligure e due viaggi. Dopo la seconda guerra mondiale si recò a Venezia per tornare a Tortona nel 1922, mentre nel 1929 si trasferì per due anni a Caracas, in Venezuela.

Le opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • Rapina (1907)
  • Il sole (1907)
  • Pascolo alpestre (1908) - Civiche raccolte d'arte Città di Tortona
  • L'annegato (1909)
  • Fiori selvatici (1909)
  • La pietà (1932)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Dizionario biografico degli italiani, V, Roma, Istituto dell'Enciclopedia italiana, 1963