Andrine Flemmen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrine Flemmen
Dati biografici
Nazionalità Norvegia Norvegia
Altezza 172 cm
Peso 63 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Supergigante, slalom gigante, slalom speciale, combinata
Squadra Rival Molde SC
Ritirata 2006
Palmarès
Mondiali 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Andrine Flemmen (Molde, 29 dicembre 1974) è un'ex sciatrice alpina norvegese. Gigantista di buon livello in attività tra la fine degli anni novanta e l'inizio del decennio successivo, ottenne in carriera tre vittorie in Coppa del Mondo, tutte in slalom gigante. Raggiunse l'apice della carriera vincendo la medaglia d'argento, sempre nella medesima specialità, in occasione dei Mondiali disputati nel 1999 a Vail/Beaver Creek, negli Stati Uniti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 1993-1998[modifica | modifica wikitesto]

La Flemmen debuttò in campo internazionale ai Mondiali juniores di Monte Campione/Colere 1993 e ottenne il primo piazzamento in Coppa del Mondo il 17 gennaio 1994 a Cortina d'Ampezzo, in supergigante (51ª). In quella stessa stagione ottenne il suo miglior piazzamento di carriera nella classifica generale di Coppa Europa, 3ª, e vinse la classifica di supergigante. Due anni dopo nel circuito continentale s'impose invece nella classifica di slalom gigante.

Esordì ai Campionati mondiali in occasione della rassegna iridata di Sestriere 1997, dove fu 10ª nello slalom gigante e non concluse lo slalom speciale. All'inizio della stagione successiva, il 21 novembre 1997 a Park City, colse il suo primo podio in Coppa del Mondo: 3ª in slalom gigante. In seguito debuttò ai Giochi olimpici invernali: a Nagano 1998 si classificò 10ª nello slalom gigante e non concluse lo slalom speciale.

Stagioni 1999-2002[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 ottobre 1998 ottenne a Sölden la sua prima vittoria in Coppa del Mondo, sempre in slalom gigante; successivamente partecipò ai Mondiali di Vail/Beaver Creek 1999, dove vinse la medaglia d'argento nella medesima specialità e si classificò 4ª nello slalom speciale. Quella stagione fu anche la sua migliore in Coppa del Mondo, con il 9º posto nella classifica generale e il 3º in quella di slalom gigante.

Sempre in slalom gigante ai Mondiali di Sankt Anton 2001 fu 12ª; nel 2002 ottenne la sua ultima vittoria in Coppa Europa, il 17 gennaio a Sankt Sebastian, e partecipò ai XIX Giochi olimpici invernali di Salt Lake City 2002, senza concludere la prova.

Stagioni 2003-2006[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 ottobre 2002 colse ancora a Sölden la sua ultima vittoria, nonché ultimo podio, in Coppa del Mondo, sempre in slalom gigante; un mese dopo, il 28 novembre a Ål, arrivò l'ultimo podio in Coppa Europa (3ª). Nella stessa stagione si congedò anche dalle rassegne iridate, con il 9º posto ottenuto a Sankt Moritz 2003.

La sua ultima gara in Coppa del Mondo fu lo slalom gigante di Hafjell/Kvitfjell del 5 marzo 2006, non concluso; la Flemmen si congedò dal Circo bianco in occasione dei Campionati norvegesi 2006, il 25 marzo successivo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 9ª nel 1999
  • 11 podi:
    • 3 vittorie (in slalom gigante)
    • 3 secondi posti (in slalom gigante)
    • 5 secondi posti (4 in slalom gigante, 1 in combinata)

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Paese Specialità
24 ottobre 1998 Sölden Austria Austria GS
21 novembre 2001 Copper Mountain Stati Uniti Stati Uniti GS
26 ottobre 2002 Sölden Austria Austria GS

Legenda:
GS = slalom gigante

Coppa Europa[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 3ª nel 1994
  • Vincitrice della classifica di supergigante nel 1994
  • Vincitrice della classifica di slalom gigante nel 1996

Campionati norvegesi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Profilo FIS (dati parziali). URL consultato il 1 dicembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]