Alyssa Miller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alyssa Miller
Alyssa Miller 2013 TIFF.jpg
Alyssa Miller nel 2013
Altezza 175 cm
Misure 86.5-60-89
Occhi verdi
Capelli castani

Alyssa Elaine Miller (Los Angeles, 4 luglio 1990) è una supermodella statunitense.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Alyssa Miller è stata lanciata da Stella McCartney nel 2005, ed ha calcato la sua prima passerella nel 2006 a New York, per la collezione primavera/estate di Tuleh e Roland Mouret[1], nello stesso anno appare nella campagna Diesel. Appare in diverse riviste come Vogue ed Elle e alla fine del 2010 diventa uno dei volti Guess. Nel 2011 ha fatto il suo debutto sulla rivista Sports Illustrated Swimsuit Issue, dove è apparsa anche nei due anni successivi.

Diventa testimonial intimissimi[2] per le campane primavera/estate 2011, 2012 e 2014, sposa 2011 e autunno/inverno 2011/2012.[3]

Nel 2012 diventa testiminial delle fragranze Bellissima e innamorata di Blumarine[4][5].

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Dal giugno al dicembre 2013 ha avuto una relazione con l'attore Jake Gyllenhaal.[6][7]

Agenzie[modifica | modifica sorgente]

Campagne pubblicitarie[modifica | modifica sorgente]

  • Diesel (2006)
  • Guess by Marciano P/E (2010)
  • Guess A/I (2010) P/E (2011)
  • Guess Seductive Fragrance (2010-2011)
  • Intimissimi (2011-2012; 2014)
  • Dondup A/I (2011)
  • Chopard A/I (2011;2013)
  • Laura Biagiotti Roma Fragrance (2011)
  • Van Cleef & Arpels (2011)
  • Elie Tahari P/E (2012)
  • Blumarine Innamorata Fragrance (2012)
  • Blumarine Bellissima Fragrance (2012)
  • Blumarine Lovely Rose Fragrance (2013)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Alyssa Miller
  2. ^ Alyssa Miller per intimissimi
  3. ^ Intimissimi Alyssa Miller: gli scatti del backstage della campagna pubblicitaria PE 2014
  4. ^ e-alyssa-miller-la-bellissima-testimonial-di-blumarine
  5. ^ Alyssa Miller: le sue campagne da testimonial
  6. ^ Alyssa Miller è la nuova fiamma di Jake Gyllenhaal
  7. ^ Jake Gyllenhaal e Alyssa Miller si sono lasciati, vogue.it, 8 gennaio 2014. URL consultato l'11 gennaio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]