Stella McCartney

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stella McCartney

Stella Nina McCartney (Londra, 13 settembre 1971) è una stilista inglese, seconda figlia dell'ex componente dei Beatles Paul McCartney e della sua prima moglie Linda.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato ad interessarsi di moda a 12 anni, quando ha creato il suo primo abito. Tre anni più tardi ha iniziato a lavorare nel settore, partecipando alla creazione della prima collezione dello stilista francese Christian Lacroix.

Nei primi anni novanta ha studiato al Central Saint Martins College of Art and Design, dove si è laureata nel 1995 con una collezione per presentare la quale hanno sfilato gratuitamente, oltre ad alcuni suoi amici, le modelle Naomi Campbell, Yasmin Le Bon e Kate Moss. Per l'occasione, come tema musicale il padre ha composto la canzone Stella May Day[1].

In seguito ha lavorato tra l'altro per le case di moda Chloé e Gucci e ha prodotto una linea sportiva per il marchio Adidas, una linea di vestiti e accessori per la catena internazionale H&M e una di borse per il marchio LeSportSac.

Nel 1998 ha disegnato gli abiti per il matrimonio della sorella Mary con il produttore televisivo Alistair Donald e nel 2000 quelli per il matrimonio di Madonna e Guy Ritchie.

Nel 2004 ha disegnato gli abiti per il Re-invention tour di Madonna, quelli per il tour estivo di Annie Lennox e i costumi di Gwyneth Paltrow e Jude Law per il film Sky Captain and the World of Tomorrow.

Si è sposata il 30 agosto 2003 con l'editore Alasdhair Willis, dal quale ha avuto quattro figli: i maschi Miller Alasdhair James Willis (25 febbraio 2005) e Beckett Robert Lee Willis (8 gennaio 2008) e le femmine Bailey Linda Olwyn Willis (8 dicembre 2006) e Reiley Dilys Stella Willis (23 novembre 2010).

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per i servizi alla moda»
— 2012

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) CHRONICLE - New York Times

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 85721134 LCCN: n2004070968