Alianore Holland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alianore Holland (Upholland, 13 ottobre 1370ottobre 1405) era figlia di Thomas Holland, II conte di Kent e fu la moglie di Ruggero Mortimer, IV conte di March che, per volere dello zio Riccardo II d'Inghilterra, fu dichiarato Erede presuntivo al trono inglese. Attraverso sua figlia Anna Mortimer Alianore divenne la bisnonna dei re Yorkisti Edoardo IV d'Inghilterra e Riccardo III d'Inghilterra. Alianore fu una delle donne alla corte di Isabella di Valois.

La famiglia altolocata[modifica | modifica sorgente]

Alianore Holland nacque ad Upholland il 13 ottobre 1370 da Thomas Holland, II conte di Kent ed Alice FitzAlan[1]. Sua madre era figlia di Richard FitzAlan, X conte di Arundel e della sua seconda moglie Eleonora di Lancaster il cui padre Henry Plantageneto era nipote di Enrico III d'Inghilterra. Suoi nonni paterni erano invece Thomas Holland, I conte di Kent e Giovanna di Kent, madre del futuro re Riccardo II d'Inghilterra che ebbe dal terzo marito Edoardo il Principe Nero. Alianore aveva diversi altri fratelli e sorelle che contrassero in larga parte importanti matrimoni:

I due matrimoni[modifica | modifica sorgente]

Edmondo Mortimer, III conte di March era morto nel 1381 lasciando un figlio di sei anni il piccolo Ruggero quale erede delle vaste proprietà dei Mortimer. La custodia di un erede di tale peso non era cosa da poco e all'inizio Ruggero finì sotto la protezione di Richard FitzAlan, XI conte di Arundel, zio di Alianore, finché per ordine di Giovanna di Kent, madre di Riccardo II d'Inghilterra Ruggero fu posto sotto la tutela di suo figlio Thomas Holland, con l'intesa che ne avrebbe poi sposato la figlia maggiore Alianore e attorno al 7 ottobre 1388 i due convolarono a nozze[2]. Ruggero avrebbe potuto rivendicare il trono inglese tramite la madre Filippa Plantageneta, figlia di Lionello di Anversa, I duca di Clarence e nipote di Edoardo III d'Inghilterra. Dal momento che Riccardo non aveva ancora figli Ruggero fu nominato, per suo volere, erede presuntivo alla corona dal momento che era il secondo in linea di successione[3]. Secondo alcuni storici il fatto che Riccardo lo abbia pubblicamente presentato al parlamento come proprio erede nell'ottobre del 1385 è priva di fondamento, per quanto diversi documenti coevi attestino come la cosa al tempo fosse stata oggetto di aperta discussione[2]. Alianore e Ruggero ebbero quattro figli:

Il 20 luglio 1398 Ruggero venne colpito a morte in una scaramuccia con gli uomini di O'Brien nei pressi di Kells, secondo le cronache egli viaggiava in testa ai propri uomini, solo e con indosso abiti di foggia irlandese, tanto che chi lo uccise non lo aveva nemmeno riconosciuto. Ruggero venne sepolto all'abbazia di Wigmore e Riccardo, l'anno dopo, andò in Irlanda per vendicarne la morte[3]. Se le cronache del tempo da una parte lo criticano per la sua lussuria e la propria negligenza nei doveri verso Dio, dall'altra lo lodano per la sua onestà, per il suo attivismo nell'eseguire i doveri di un cavaliere, per la propria piacevolezza nella conversazione, per il bell'aspetto, le feste eleganti e la sua liberalità nell'elargire doni[3]. Il loro figlio maggiore Edmondo ereditò il titolo paterno insieme alle pretese sul trono, tanto che lui e il fratello Roger vennero tenuti in custodia da Enrico IV d'Inghilterra fino alla fine del proprio regno, mentre le due figlie femmine rimasero sotto la custodia di Alianore fino alla sua morte avvenuta nel 1405. Dopo la sua dipartita finirono sotto la custodia del re, ma non godettero di un buon trattamento presso la sua casa[5]. Prima del 19 giugno 1399 Alianore si risposò con Edward Charleton, V barone di Charleton (1370-1421), un signore delle Marche gallesi e da lui ebbe due figlie:

Alianore morì durante il parto nel 1405.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Richardson, Douglas (2011). Magna Carta Ancestry: A Study in Colonial and Medieval Families, ed. Kimball G. Everingham III (seconda ed.). Salt Lake City
  2. ^ a b Davies, R.R. (2004). Mortimer, Roger (VII), fourth earl of March and sixth earl of Ulster (1374–1398). Oxford Dictionary of National Biography.
  3. ^ a b c Cokayne, George Edward (1932). The Complete Peerage, edited by H.A. Doubleday VIII. London: St. Catherine Press
  4. ^ Pugh, T.B. (1988). Henry V and the Southampton Plot of 1415. Alan Sutton, secondo questo storico Roger non morì nel 1409 come sostenuto da alcuni, ma attorno al 1413 dal momento che in quell'anno venne nominato Cavaliere dell'Ordine del Bagno da Enrico V d'Inghilterra
  5. ^ Griffiths, R. A. (2004). "Mortimer, Edmund (V), fifth earl of March and seventh earl of Ulster (1301–1425)". Oxford Dictionary of National Biography