Albert Viljam Hagelin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Albert Viljam Hagelin (Bergen, 24 aprile 1881Fortezza di Akershus, 25 maggio 1946) è stato un politico norvegese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Uomo d'affari e cantante d'opera, fu un'esponente dell'Unione Nazionale ed ebbe l'incarico di Ministro dell'Interno nel governo collaborazionista guidato da Vidkun Quisling. A seguito della sconfitta della Germania nella seconda guerra mondiale, venne arrestato dalle autorità norvegesi, condannato a morte per alto tradimento e fucilato[1]. Hagelin fu uno dei soli tre capi nazisti norvegesi (gli altri due erano Quisling e Ragnar Skancke) ad essere giustiziati per motivi politici nella purga dei traditori della patria[2]: gli altri 35 infatti si erano macchiati di fatti di sangue o di spionaggio sistematico[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Hagelin, Albert Viljam", (in norvegese), NorgesLexi.com
  2. ^ NorgesLexi.com: Skancke, Ragnar (Sigvald) (1890—1948) (in norvegese)
  3. ^ Death penality (in norvegese)
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie