Aiuti umanitari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli aiuti umanitari sono una forma di solidarietà generalmente destinata ai paesi del terzo mondo, alle popolazioni vittime di guerre o disastri naturali (come alluvioni e terremoti), ai profughi costretti ad abbandonare la propria terra per i motivi più disparati: epidemie, rivoluzioni, repressioni dittatoriali, genocidi ecc.

Gli aiuti umanitari sono organizzati soprattutto a seguito di emergenze e crisi umanitarie, ed hanno in primo luogo lo scopo di salvare vite umane, alleviare situazioni di sofferenza, mantenere la dignità umana, evitare che si verifichino o si estendano le epidemie ecc. Consistono solitamente in assistenza logistica, assistenza sanitaria, fornitura di prodotti alimentari di prima necessità, organizzazione di eventuali campi profughi, ricostruzione di edifici ed infrastrutture come ponti, strade ecc.

In molti casi gli aiuti umanitari sono organizzati a livello internazionale, coinvolgono volontari, associazioni umanitarie e organizzazioni non governative (come ad esempio Emergency, Medici Senza Frontiere, Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Internazionale etc.), e sono resi possibili da grandi campagne di raccolta fondi portate avanti con il supporto dei mass media. Le Nazioni Unite coordinano gli aiuti umanitari tramite l'OCHA (Office for the Coordination of Humanitarian Affairs), mentre la commissione europea agisce tramite la Direzione Generale per gli aiuti umanitari (ECHO).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]