3 Feet High and Rising

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
3 Feet High and Rising
Artista De La Soul
Tipo album Studio
Pubblicazione 3 marzo 1989
Durata 67:18
Genere Golden age rap
East Coast rap
Etichetta Tommy Boy Records
Produttore Prince Paul
Registrazione 1988-1989
De La Soul - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1991)

3 Feet High and Rising è l'album di debutto del gruppo Rap De La Soul. L'album include i singoli Me Myself and I, The Magic Number, Buddy, e Eye Know.

L'album[modifica | modifica wikitesto]

Considerato un concept album sulla Daisy Age, (sigla di Da Inner Sound Y'All), ovvero una dimensione immaginaria ispirata alla filosofia ed all'iconografia hippie,[1][2] 3 Feet High and Rising si distingue dalle altre pubblicazioni hip hop uscite in precedenza per le sue sonorità molto meno aggressive e l'eclettismo stilistico dei brani.[3][4] Le influenze dell'album spaziano fra hip hop, funk, jazz, reggae, soul, e psichedelia,[3][5] mentre i testi delle sue canzoni trattano argomentazioni relative alla pace, all'amore, ed al rispetto delle donne.[3] I numerosi campionamenti presenti nel disco sono tratti da lezioni di lingua francese, spot pubblicitari,[6] e brani realizzati da altri musicisti (inclusi Steely Dan, Johnny Cash, Turtles, Parliaments e Otis Redding). [2][6] Una delle tracce più note dell'album, The Magic Number, cita Three Is A Magic Number di Bob Dorough, mentre Buddy vede la partecipazione dei Jungle Brothers e A Tribe Called Quest.[1]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

3 Feet High and Rising ricevette giudizi molto positivi da parte della critica.[5] Robert Christgau diede all'album una valutazione pari ad A−[7] mentre Allmusic lo definì «il debutto più convincente e giocoso della storia dell'hip-hop».[8] L'album è stato inserito in un libro dedicato ai «500 dischi fondamentali della storia del rock» dove venne definito «irresistibile» nonché «...un debutto che il trascorrere del tempo non ha minimamente offeso.»[6] In seguito all'uscita di 3 Feet High and Rising, i De La Soul vennero inoltre considerati «il futuro dell'hip-hop».[3]

Campionamenti[modifica | modifica wikitesto]

Plug Tunin' (Original 12" Version)
Buddy
  • Written on the Wall di The Invitations
  • Hit or Miss di Bo Diddley
  • Girl I Think the World About You di Commodores
Can U Keep a Secret
Change in Speak
Cool Breeze on the Rocks
D.A.I.S.Y. Age
De La Orgee
Description
Eye Know
Freedom of Speak (We Got Three Minutes)
Ghetto Thang
Jenifa Taught Me (Derwin's Revenge)
Me Myself and I
Plug Tunin'
  • Written on the Wall di The Invitations
  • Chopsticks by Liberace
Potholes in My Lawn
Say No Go
Take It Off
The Magic Number
This Is a Recording 4 Living in a Fulltime Era (L.I.F.E.)
Transmitting Live From Mars
Tread Water

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le tracce sono state composte dai De La Soul, eccetto dove indicato.

  1. Intro – 1:41
  2. The Magic Number – 3:16
  3. Change in Speak – 2:33 (realizzata con Steve Scipio e Patrick Patterson)
  4. Cool Breeze on the Rocks – 0:48
  5. Can U Keep a Secret – 1:41
  6. Jenifa Taught Me (Derwin's Revenge) – 3:25
  7. Ghetto Thang – 3:36
  8. Transmitting Live from Mars – 1:12
  9. Eye Know – 4:13 (realizzata con Walter Backer e Donald Fagen)
  10. Take It Off – 1:53
  11. A Little Bit of Soap – 0:57
  12. Tread Water – 3:46
  13. Potholes in My Lawn – 3:50
  14. Say No Go – 4:20 (realizzata con Sara Allen, Daryl Hall, John Oates e Scipio.)
  15. Do as De La Does – 2:12
  16. Plug Tunin' (Last Chance to Comprehend) – 4:07
  17. De La Orgee – 1:14
  18. Buddy (featuring Jungle Brothers and Q-Tip) – 4:55 (realizzata con Q-Tip, Afrika Baby Bam, e Michael Small)
  19. Description – 1:32
  20. Me Myself and I – 3:50 (realizzata con George Clinton e Philippé Wynne)
  21. This Is a Recording 4 Living in a Fulltime Era (L.I.F.E.) – 3:10
  22. I Can Do Anything (Delacratic) – 0:41
  23. D.A.I.S.Y. Age – 4:43
  24. Plug Tunin'" (Original 12" version) – 3:43

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Paolo Ferrari, Hip Hop, Giunti, 2000, p. 31.
  2. ^ a b Jason Tanz, Other People's Property: A Shadow History of Hip-Hop in White America, Bloomsbury, 2007, p. 77.
  3. ^ a b c d Riccardo Bertoncelli, Enciclopedia rock anni '90, Arcana, 2001, p. 92.
  4. ^ Present Tense: Rock & Roll and Culture (a cura di ANthony DeCurtis, Duke University Press, 1997, pag. 230)
  5. ^ a b Chris Nikson, Hey Ya!: The Unauthorized Biography of Outkast, St. Martin Press, 2004, p. 52.
  6. ^ a b c Eddi Cilìa e Federico Guglielmi, Rock 500 dischi fondamentali, Giunti, 2002, p. 84.
  7. ^ Robert Christgau: CG: de la soul
  8. ^ 3 Feet High and Rising - De La Soul | Songs, Reviews, Credits, Awards | AllMusic
  9. ^ a b c Nelson George, Hip Hop America, Penguin, 2005, [1].
  10. ^ Kembrew McLeod, Peter DiCola, Creative License: The Law and Culture of Digital Sampling, Duke University Press, 2011, p. 131.