Yervant Gianikian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Yervant Gianikian (Merano, 1942) è un artista, architetto e regista italiano di origini armene.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato compagno della regista Angela Ricci Lucchi, con cui ha condiviso l'attività e la ricerca artistica.[1]

La prima produzione comprende numerosi cortometraggi di cinema sperimentale e d'avanguardia. Ne sono un esempio i "film profumati", la cui proiezione è accompagnata dalla diffusione di essenze che interagiscono con il film. Successivi sono i documentari, lungometraggi realizzati con la tecnica del found footage.

Nel concorso della sua carriera ha esposto le sue opere in importanti centri culturali quali Jeu de Paume a Parigi (1995, 2006), MoMA di New York (2000, 2009), Biennale di Venezia (2001), Tate Modern di Londra (2011), MART di Rovereto (2014).

Nel 2015 il Centre Pompidou di Parigi ha promosso in loro omaggio un'esposizione dal titolo "Yervant Gianikian & Angela Ricci Lucchi: Rétrospective".[2]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal Polo all'Equatore (1986)
  • Prigionieri della guerra (1995)
  • Su tutte le vette è pace (1999)
  • Oh! Uomo (2004)
  • Uomini anni vita (1990)
  • Images d'Orient: Tourisme vandale (2001)
  • Inventario balcanico (2000)
  • Pays barbare (2013)
  • I diari di Angela - Noi due cineasti (2018)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2004 – C.I.C.A.E. Award (Cannes Film Festival): nomination per Oh! Uomo
  • 2005 – Miglior documentario (Golden Apricot Yerevan International Film Festival): menzione speciale della giuria per Oh! Uomo
  • 2011 – Miglior documentario sperimentale (Jihlava International Documentary Film Festival): nomination per Notes sur nos voyages en Russie 1989-1990
  • 2013 – Miglior documentario (Jihlava International Documentary Film Festival): nomination per Pays barbare
  • 2013 – Pardo d'oro (Locarno International Film Festival): nomination per Pays barbare
  • 2014 – IBAFF Award (IBAFF International Film Festival): vincitore per Pays barbare[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morta Angela Ricci Lucchi, outsider del nostro cinema: celebri i suoi film 'profumati', in Spettacoli - La Repubblica, 28 febbraio 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  2. ^ Ginevra Bria, Angela Ricci Lucchi e Yervant Gianikian | Artribune, in Artribune, 11 marzo 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  3. ^ Yervant Gianikian, su IMDb. URL consultato il 25 novembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN22357869 · ISNI (EN0000 0000 7841 7640 · LCCN (ENnr94039745 · GND (DE123764653 · BNF (FRcb144184479 (data) · BNE (ESXX5182941 (data) · ULAN (EN500116295 · WorldCat Identities (ENlccn-nr94039745