Yehiel De-Nur

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Yehiel De-Nur (Sosnowiec, 16 maggio 1909Tel Aviv, 17 luglio 2001) è stato uno scrittore polacco.

Yehiel De-Nur testimonia al processo di Adolf Eichmann

I tre nomi[modifica | modifica wikitesto]

Lo scrittore Yehiel De-Nur aveva tre nomi: il primo nome era Yehiel Finer, con cui era nato nel 1909 a Sosnowiec, in Polonia. Il secondo nome era Ka-Tzetnik 135633. K.Z. (Ka-tzet nella pronuncia tedesca), sono le iniziali di Konzentration Zenter (Campo di Concentramento). Ogni prigioniero di un K.Z. era soprannominato "Ka-tzetnik numero..." - il numero personale di matricola tatuato sul braccio sinistro. Il terzo nome fu Yehiel De Nur, quello che adottò quando andò in Israele (c'era una legge che obbligava a ebraicizzare il proprio nome).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ha scritto nel 1955 "La casa delle bambole", libro che ha ispirato il nome dei Joy Division. Sono seguiti altri libri fra cui "Piepel" e "La fenice venuta dal lager". Il tema centrale è naturalmente la sconvolgente esperienza nel campo di sterminio nazista di Auschwitz nel quale lo scrittore era stato rinchiuso. I suoi testi, conosciuti in tutto il mondo, hanno avuto un ruolo centrale nella formazione degli adolescenti israeliani del dopoguerra, tanto è vero che esiste un premio letterario biennale, intestato allo scrittore e consegnato dal presidente della repubblica.

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Non sono comunque mancate critiche riguardo alla crudezza presente nelle sue opere e a un certo indulgere sugli aspetti sessuali (prostituzione, abusi sui bambini) al limite della pornografia. Molto schivo nella vita privata tanto da non voler mai apparire in pubblico, fu costretto a uscire dalla sua riservatezza quando fu testimone chiave al processo Eichmnann del 1961. In tale circostanza, lo scrittore, nel rievocare le vittime di Auschwitz, fu vittima di uno svenimento in aula che è tuttora una delle immagini più presenti nell'immaginario collettivo israeliano.[senza fonte]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì di cancro a Tel Aviv, il 17 luglio 2001.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri usciti in italiano

  • La casa delle bambole, Milano, A. Mondadori, 1959. ISBN 88-04-40786-7
  • Piepel, Milano, Mondadori, 1963
  • Alba sull'inferno, Milano, Rizzoli, 1978
  • Shiviti: una visione, Tivoli, Sensibili alle foglie, 1997. ISBN 88-86323-97-2
  • La fenice venuta dal lager, Milano, Mondadori, 1975

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN76212445 · LCCN: (ENn50062220 · ISNI: (EN0000 0001 1748 3975 · GND: (DE105117358 · BNF: (FRcb12147465t (data)