Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Xiang Yu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Xiang Yu
Xiang Yu.jpg
232 a.C. – 202 a.C.
Nato a Xiaxiang, l'attuale Suqian
Morto a provincia di Anhui
Cause della morte suicidio
Dati militari
Paese servito Chu
Anni di servizio 1756 - 1801
Battaglie Battaglia di Julu
Battaglia di Gaixia
Altro lavoro politico

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Xiang Yu[1] (項羽T, 项羽S, Xiàng​ YǔP; Xiaxiang, 232 a.C.Anhui, 202 a.C.) è stato un militare, politico e aristocratico cinese.

Fu un importante figura politica, leader della rivolta che rovesciò la dinastia Qin. Un nobile di Xiaxiang (下相, oggi Suqian, Jiangsu), Xiang Yu ricevette il titolo di "Duca di Lu" (魯公T, Lǔ GōngP) da Yidi, imperatore del ribelle stato di Chu nel 208 a.C. L'anno seguente, guidò le forze ribelli vincendo alla battaglia di Julu l'esercito Qin di Zhang Han. Dopo la caduta della dinastia Qin, Xiang Yu si proclamò "Re egemone dei Chu Occidentali" e governava su una vasta area che copriva gli odierni Shanxi, Henan, Hubei, Hunan e Jiangsu, con capitale Pengcheng (oggi Xuzhou, Jiangsu). Avviò, insieme al suo luogotenente Liu Bang, il fondatore della dinastia Han, una lunga lotta per il potere, conosciuta come guerra Chu-Han, che si concluse colla sua sconfitta nella battaglia di Gaixia. Pose fine alla sua vita sulla sponda del fiume Wu.

Nomi e titoli[modifica | modifica wikitesto]

Il nome alla nascita di Xiang Yu era Xiàng Jí (項籍T) e il suo era Yǔ (T).

Xiang Yu è popolarmente conosciuto come "Xī Chǔ Bà Wáng" (西楚霸王T), variamente tradotto come "Re egemone dei Chu occidentali", "Re dei re dei Chu settentrionali" e con altre rese. Questo titolo è talvolta semplificato in Bà Wáng (霸王T). Nel corso della vita di Xiang Yu, il titolo "Bà Wáng" veniva utilizzato specificatamente per riferirsi a lui. I suoi subalterni si rivolgevano a lui con Xiàng Wáng (項王T, letteralmente "Re Xiang").

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Vi sono due resonti sul contesto familiare di Xiang Yu. Il primo afferma che egli provenisse dal casato di Mǐ (羋), la famiglia reale dello stato di Chu durante la dinastia Zhou. Il re di Chu assegnò ai suoi antenati il feudo di Xiàng (項), e da allora adottarono "Xiàng" come cognome. Secondo l'altro resoconto Xiang Yu sarebbe disceso dalla nobiltà dello stato di Lu e la sua famiglia avrebbe ricoperto incarichi militari dello stato di Chu per generazioni. Il nonno di Xiang Yu, Xiang Yan, era un noto generale che guidò d'esercito Chu nella resistenza contro l'invasione dello stato di Qin capeggiata da Wang Jian, e morì in battaglia quandò lo stato di Qin conquistò Chu nel 233 a.C.

Xiang Yu avrebbe avuto una doppia pupilla in un occhio,[2] come il mitico imperatore Shun e il duca Wen di Jin. Era, perciò, considerato una persona straordinaria dato che la doppia pupilla era ritenuta, nella tradizione cinese, segno distintivo d'un re o d'un saggio. Xiang Yu era poco più alto di 8 chǐ (circa 1,85 m) e possedeva un'inusuale forza fisica, tanto da poter sollevare un ding (un antico tipo di vaso bronzeo cinese, simile a un grande calderone tripode).[2]

Gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Xiang Yu venne istruito alle arti erudite e alla scherma ma non riuscì a padroneggiare ciò che gli fu insegnato, e di conseguenza suo zio Xiang Liang non era molto soddisfatto di lui.[2] Xiang Yu disse "I libri sono utili solo a ricordarmi il mio nome. La padronanza della scherma mi permette di affrontare solo un avversario, quindi non vale la pena impararla. Voglio invece apprendere come sconfiggere migliaia di nemici."[2] Pertanto, suo zio tentò di insegnargli la strategia e le arti militari, ma Xiang Yu terminò l'apprendimento quandò comprese le nozioni principali; Xiang Liang rimase deluso da suo nipote, che non mostrava alcun segno di motivazione o apparente talento, eccetto la sua notevole forza fisica, dunque lasciò decidere Xiang Yu sul suo futuro.[2][3]

Nel corso della giovinezza di Xiang Yu, Xiang Liang commise un omicidio e dovette scappare dalle autorità rifugiandosi a Wú (吳, corrispondente all'odierno Jiangsu). Nel medesimo periodo, Qin Shi Huangdi stava effettuando un giro d'ispezione nell'area e venne visto da Xiang Yu e da suo zio durante la propria processione. Xiang Yu espresse in quel momento il desiderio di sostituirlo dalla carica d'imperatore.[2] Xiang Liang fu sconvolto da quelle parole e immediatamente coprì colla propria mano la bocca del nipote. Da allora, Xiang Liang iniziò a considerare in una diversa ottica suo nipote.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Xiang" è il cognome.
  2. ^ a b c d e f Sima Qian, Volume 7, Annali di Xiang Yu
  3. ^ Xiang Yu - Famous Leader of Uprising in Ancient China, Cultural China. URL consultato il 20 novembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN23468215 · LCCN: (ENn81106734
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie