Walter Parratt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Walter Parratt

Sir Walter Parratt (Huddersfield, 10 febbraio 184127 marzo 1924) è stato un organista e compositore inglese[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il figlio di un organista di una parrocchia, Parratt ha cominciato a suonare l'organo in tenera età. Era un bambino prodigio: una volta ha giocato a The Well-Tempered Clavier a memoria, senza preavviso, all'età di soli dieci anni[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È stato organista presso la St Paul's Church nella sua città natale (1854-1861) e, come successore di John Stainer, nel 1872, a Magdalen College, dove rimase per dieci anni. Dal 1882 ha ricoperto la carica di organista della St. George's Chapel, nel Castello di Windsor. Divenne professore di musica presso l'Università di Oxford nel 1908, prendendo il posto di Hubert Parry.

Divenne uno dei maestri più importanti del suo tempo. È stato presidente del Royal College of Organists.

Parratt era anche un distinto giocatore di scacchi[3].

Nel 1893 è stato nominato Master of the Queen's Music della regina Vittoria, di Edoardo VII[4] e Giorgio V.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze britanniche[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine reale vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine reale vittoriano
Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Obituary: WALTER PARRATT, in Musical Times, 1º maggio 1924.
  2. ^ Grove's Dictionary, 5th edition, 1954, Vol. 6, p. 559
  3. ^ Arthur Pearson, Famous Yorkshire Musicians, in The Non-Conformist Musical Journal, vol. 186, June 1903, pp. 73, 88–90. URL consultato il 24 marzo 2010.
  4. ^ The London Gazette (PDF), nº 27363, 8 October 1901, p. 6569.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN32190353 · LCCN: (ENn82208562 · ISNI: (EN0000 0000 7989 4211 · BNF: (FRcb13961706m (data)
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica