Wallerant Vaillant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Autoritratto con elmo (1655 circa)

Wallerant Vaillant, o Wallerand Vaillant o Wallerandt Vaillant (Lilla, 30 maggio 1623 (battezzato) – Amsterdam, 2 settembre 1677 (sepolto)), è stato un pittore, disegnatore e incisore olandese del secolo d'oro, il più famoso di una famiglia di pittori e incisori franco-olandese[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane disegnatore
Asse con lettere trattenute da fettuccia rossa (1658)

Fratello di Jean[2] e fratellastro di Jacques da Maria Warlop[3], apprese i rudimenti di disegno nella sua città natale[4]. Nel 1637 divenne allievo di Erasmus Quellinus il Vecchio ad Anversa[1][2][3][4]. Abbandonata la scuola di questo maestro, decise di dedicarsi alla pittura ritrattistica, maggiormente lucrativa e più adatta alle sue capacità[4]. Nel 1647 si trasferì a Middelburg, dove divenne membro della locale Corporazione di San Luca[2]. Nel 1652 operò ad Amsterdam e dal 1656 al 1659 a Francoforte sul Meno[2]. In quest'ultima città dipinse parecchi ritratti di personaggi illustri e acquisì una reputazione fuori dal comune[2]. Si recò anche a Vienna per realizzare i ritratti di Leopoldo I d'Asburgo e della sua corte[3]. Nel 1659 il marchese von Grammont lo condusse a Parigi[2][3][4], dove acquisì notevoli ricchezze[4], e nel giugno del 1663 ritornò in patria con Willem Schellinks[2]. Dal 1664 al 1667 operò ad Amsterdam[2]. Fu pittore di corte presso il principe Willem Friso, statholder di Frisia[2][3].

Realizzò dipinti di vari soggetti tra cui ritratti[1][2][5], scene di caccia[2], soggetti di genere[1][2], in particolare rappresentanti scene di vita contadina, nature morte con pesci, trompe-l'oeil, scene religiose di stampo cristiano e mitologiche[2]. Tra i suoi trompe-l'oeil, è noto Asse con lettere trattenute da fettuccia rossa, che fu il primo soggetto di questo tipo ad essere dipinto[6]. Successivamente altri pittori eseguirono opere del genere, come Evert Collier, Cornelis Norbertus Gysbrechts e Samuel van Hoogstraten[6]. Inoltre, a Rotterdam, è conservata una natura morta con pesci e un gatto[2]. Vaillant è conosciuto anche per le rappresentazioni d'interni di studi con giovani studenti di disegno[5]. Fu il primo artista ad utilizzare in modo professionale la tecnica della mezzatinta, che apprese quando si trovava a Francoforte sul Meno nel 1658[5] o forse a Londra al seguito del principe Rupert[4], ottenendo un grande seguito[5]. Eseguì oltre 200 incisioni, che furono riprodotte per tutto il XVIIIº secolo, a partire da propri disegni e da opere di artisti contemporanei e del Rinascimento[4][5]. Come disegnatore, realizzò principalmente bozze di ritratti a grandezza naturale per i suoi dipinti[5].

Furono suoi allievi Andries, Jacques[2][5], Bernard[5] e Jean Vaillant[2][5]. Il suo stile influenzò Nicolas-Bernard Lépicié, Guillaume-Dominique-Jacques Doncre e Anne Vallayer-Coster[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN18124811 · ISNI (EN0000 0000 6630 9589 · Europeana agent/base/31185 · LCCN (ENnr96013343 · GND (DE123190142 · BNF (FRcb147789165 (data) · BNE (ESXX1567255 (data) · ULAN (EN500025331 · CERL cnp00573922 · WorldCat Identities (ENlccn-nr96013343