Wadi Mujib

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wadi Mujib
Wadi Mujib BW 2.JPG
StatiGiordania
Superficie a terra212 km²
Provvedimenti istitutivi1987
GestoreRoyal Society for the Conservation of Nature
Mappa di localizzazione

Coordinate: 31°27′57″N 35°34′24″E / 31.465833°N 35.573333°E31.465833; 35.573333

Dentro il canyon

Wadi Mujib, generalmente identificato con il biblico fiume Arnon,[1] è un fiume della Giordania che entra nel Mar Morto a circa 420 metri sotto il livello del mare.[2]

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'ultima era glaciale, il livello dell'acqua del Mar Morto raggiungeva 180 metri sotto il livello del mare, circa 240 metri più in alto rispetto a oggi. Inondò le aree più basse dei canyon lungo le sue rive, che divennero baie e iniziarono ad accumulare sedimenti. Con il mutare delle condizioni climatiche, circa 20.000 anni fa, il livello dell'acqua del lago calò, lasciando i canyon riemergenti bloccati con la marna del lago. La maggior parte dei canyon è riuscita a tagliare le prese e a riprendere i corsi inferiori. Tuttavia, il Wadi Mujib, abbandonò la sua prima uscita rompendo una fessura nell'arenaria. Questa stretta spaccatura divenne il collo di bottiglia di un enorme bacino con un enorme scarico. Nel corso degli anni la fessura è stata percorsa più in profondità e si è formata la gola del Wadi Mujib.

La diga Al Mujib

La Riserva del Wadi Mujib si trova nel paesaggio montuoso ad est del Mar Morto, nella parte meridionale della valle del Giordano, a circa 90 chilometri a sud di Amman. Una riserva di 212 chilometri quadri è stata creata nel 1987 dalla Royal Society for the Conservation of Nature ed è importante a livello regionale e internazionale, in particolare per la vita degli uccelli che la riserva sostiene.[3] Nel 2011, l'UNESCO ha dichiarato Mujib una riserva della biosfera.[2] Si estende fino alle montagne di Kerak e Madaba a nord e a sud, raggiungendo in alcuni punti i 900 metri sul livello del mare. Questa variazione in altezza di 1 300 metri,[4] combinata con il flusso d'acqua della valle per tutto l'anno da sette affluenti, significa che il Wadi Mujib gode di una magnifica biodiversità che è ancora in fase di studio e documentata oggi.[5] La riserva è costituita da un deserto montuoso, roccioso e scarsamente vegetato (fino a 800 metri) con scogliere e gole che attraversano gli altipiani. Flussi perenni alimentati a primavera scorrono sulle rive del Mar Morto.

Fino a questa data sono state registrate oltre 300 specie di piante, 10 specie di carnivori e numerose specie di uccelli permanenti e migratori.[3] Alcune delle remote aree montane e delle valli sono difficili da raggiungere e offrono quindi rifugi sicuri per rare specie di gatti, capre e altri animali di montagna.

Le pendici del terreno montuoso sono molto scarsamente vegetate, con una vegetazione tipo steppa sugli altipiani. Le infiltrazioni di acque sotterranee si verificano in luoghi lungo la costa del Mar Morto, ad esempio presso le sorgenti termali di Zara, che supportano un lussureggiante boschetto di Acacia, Tamarix, Phoenix e Nerium, e una piccola palude. I pendii meno severi della riserva sono usati dai pastori per il pascolo di pecore e capre.

Le sorgenti termali di Hammamat Ma'in si trovano vicino ai confini della riserva e sono molto utilizzate per il turismo e le attività ricreative.[5]

I militari giordani hanno un campo temporaneo nel sud della riserva.

La diga di Mujib è stata completata nel 2004 nella parte inferiore del wadi, dove la strada moderna attraversa il fiume. Di conseguenza, si è formato un grande lago. Oggi, il Wadi Mujib è alimentato da sette affluenti.

Animali[modifica | modifica wikitesto]

Wadi Mujib

Oltre agli uccelli residenti, la riserva è strategicamente importante come tappa sicura per l'enorme numero di uccelli migratori che volano ogni anno lungo la Rift Valley tra l'Africa e il nord-est europeo. È possibile vedere i seguenti uccelli a Mujib:

Molti i carnivori abitano le varie zone della vegetazione di Mujib, come la iena a strisce e il lupo siriano. Uno degli animali più importanti di Mujib è lo stambecco della Nubia, una grande capra di montagna che è stata minacciata a causa della caccia eccessiva.

Panorama[modifica | modifica wikitesto]

Panorama Wadi Mujib.jpg
Ingrandisci
Veduta da una vedetta a nord dello Wadi: Immagine panoramica a 180° di Wadi Mujib. A sinistra c'è la diga di Al Mujib (sullo sfondo), a destra lo Wadi continua verso il Mar Morto. Nota i singoli strati di sedimenti visibili sulle pareti.

Storia biblica[modifica | modifica wikitesto]

Gola del fiume Arnon vicino alla sua bocca. Da Stade, "Geschichte des Volkes Israel".

Nel Wadi Mujib il flusso biblico di Arnon, è sempre stato un importante confine. Secondo il Pentateuco, una volta separò i Moabiti dagli Amorrei (Numeri 21:13-26; Deuteronomio 3:8, Giudici 11:18)

Dopo l'insediamento ebraico è stato diviso, almeno in teoria, dalle tribù di Moab, di Ruben e Gad (Deuteronomio 3:12-16). Ma Moab, infatti, giaceva tanto a nord quanto a sud dell'Arnon. A nord, per esempio, c'erano Aroer, Dibon, Madaba e altre città moabite. Anche sotto Omri e Acab, che detenevano una parte del territorio moabita, Israele non regnava più a sud di Ataroth, circa dieci miglia a nord dell'Arnon.

Mesha nella sua iscrizione (Stele di Mesha, linea 10) dice che i Gaditi (non i Rubeniti) occuparono in precedenza Atarot, da cui a loro volta espulsero il popolo di Israele. Egli menziona (linea 26) la costruzione di una strada lungo l'Arnon. L'antica importanza del fiume e delle città nelle sue vicinanze è attestata dalle numerose rovine di ponti, fortezze ed edifici trovati sopra o vicino ad essa. I suoi guadi sono citati nel Libro di Isaia (16:2). Le sue "altezze", incoronate con i castelli dei capi, furono celebrate anche in versi (Numero 21:28).

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

La riserva e il fiume sono un'importante attrattiva turistica della Giordania.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Bruce Routledge, Moab in the Iron Age: Hegemony, Polity, Archaeology, University of Pennsylvania Press, 28 giugno 2004, ISBN 081223801X. URL consultato il 20 settembre 2018.
  2. ^ a b (EN) Mujib | United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization, su www.unesco.org. URL consultato il 20 settembre 2018.
  3. ^ a b Mujib Nature Reserve, su rscn.org.jo, 24 giugno 2008. URL consultato il 20 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2008).
  4. ^ Jordan Eco & Nature. Jordan Tourism Board, 2006.
  5. ^ a b Jordan Leisure & Wellness. Jordan Tourism Board, 2006.
  6. ^ BirdLife Data Zone, su www.birdlife.org. URL consultato il 20 settembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]