Accipiter brevipes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sparviere levantino
Accipiter brevipes 1.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Accipitriformes
Famiglia Accipitridae
Sottofamiglia Accipitrinae
Genere Accipiter
Specie A. brevipes
Nomenclatura binomiale
Accipiter brevipes
(Severtsov, 1850)

Lo sparviere levantino (Accipiter brevipes (Severtsov, 1850)) è un uccello rapace della famiglia degli Accipitridi diffuso in una fascia di territorio compresa tra l'Europa sud-orientale e il Kazakistan occidentale[2].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Brevipes deriva dal latino brevis, che significa «corto», e pes, che significa «piede», in riferimento alle corte dita del piede di questa specie[3].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Misura 30–37 cm di lunghezza, per un peso di 140-275 g nel maschio e di 183-290 g nella femmina; l'apertura alare è di 64–74 cm[3].

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il maschio adulto presenta parti superiori grigio-bluastre e coda di medie dimensioni e di colore uniforme. Le guance sono grigie. Gli occhi sono bruno-rossastri. Le parti inferiori formano un vasto insieme biancastro finemente barrato di rosso sul petto e sui fianchi. In volo, appare perfettamente evidente la parte inferiore delle ali biancastra con le loro terminazioni nere. La coda presenta sottili barre scure sulle rettrici esterne. La femmina presenta parti superiori e guance grigio-brunastre. Le parti inferiori marroni chiare sono barrate di rosso, in maniera più distinta che nel maschio. Le ali, più chiare di quelle dello sparviere eurasiatico, hanno terminazioni scure. La coda è di colore uniforme, tranne che nella parte subterminale. Essa è priva del caratteristico sopracciglio bianco presente nella femmina dello sparviere eurasiatico. I giovani hanno parti superiori marroni scure che contrastano con la testa chiara e striata. Le parti inferiori sono fortemente marcate da grandi goccioline marroni sulla gola e sulla regione pettorale. L'addome reca barre marroni discontinue. In volo, le linee marroni che marcano la parte inferiore delle ali sono evidenti. La coda presenta numerose bande[3].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Lo sparviere levantino è una specie migratrice. A partire da metà settembre, gli esemplari si radunano intorno al Bosforo, ad est del mar Nero e più in particolare in Israele, dove vengono registrate alte concentrazioni durante periodi molto brevi di questa parte dell'anno, ma anche a metà aprile. Il punto di passaggio tra l'Asia e l'Africa è senza dubbio lo stretto di Suez. Alcuni voli vengono effettuati di notte, durante la quale gli uccelli procedono con battiti d'ala. Si stima che durante la migrazione autunnale circa 40.000 esemplari passino attraverso i cieli di Israele per un breve lasso di tempo (10 giorni).[3].

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

La sua dieta di base è costituita da piccole lucertole e da invertebrati, in particolare da grandi insetti. Completa la sua dieta con uccelli e piccoli mammiferi.

Quando caccia, vola da 5 a 10 metri al di sopra del suolo, nelle radure, ai margini dei boschi o talvolta anche vicino agli agglomerati urbani. Lo sparviere levantino cerca abitualmente le sue prede da solo, ma talvolta può cacciare in coppia o addirittura in bande quando è in migrazione. Per questa specie non è cosa rara cacciare al crepuscolo, e, in questo caso, cattura soprattutto pipistrelli[3].

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo di nidificazione ha luogo da maggio ad agosto. Lo sparviere levantino nidifica sugli alberi ad un'altezza che varia tra i 4 e i 20 metri. L'albero è spesso una latifoglia e più in particolare, in certe regioni, un ontano. Il nido è posto su un ramo vicino al tronco. Questo è una struttura fatta di rami che ha la forma di una coppa, il cui interno è rivestito generalmente con ramoscelli o foglie verdi. Ogni anno viene costruito un nuovo nido. La covata è costituita da tre a cinque uova verde-bluastro chiaro con piccoli segni grigi o marroni. L'incubazione dura dai 30 ai 35 giorni. I giovani sparvieri si alzano in volo dal nido tra i 40 e i 45 giorni dopo la schiusa. Tuttavia, rimangono ancora circa due settimane con i genitori prima di raggiungere la loro piena autonomia[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questo uccello è molto selettivo al momento di scegliere i suoi habitat di riproduzione, di solito foreste di caducifoglie intervallate a zone aperte come pascoli o foreste a galleria. Frequenta anche le steppe, le boscaglie e i frutteti fino a 500 metri di altitudine (talvolta fino a 2000 m). Lo sparviere levantino nidifica nei Balcani (Grecia, Albania, Bulgaria, stati della ex-Jugoslavia), in Ucraina e in Russia a nord del mar Caspio, in tutto il Caucaso, in Asia Minore e in Iran. La maggior parte degli esemplari lascia questa zona in settembre per tornarvi solamente verso la fine del mese di aprile o agli inizi del mese di maggio. Stabiliscono i loro quartieri invernali nell'Africa a sud del Sahara. Questo areale di svernamento si estende dall'estremità meridionale del Niger al nord del Kenya e dell'Uganda, passando per il nord della Nigeria, il Camerun, il Ciad, la Repubblica Centrafricana e il Sudan[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2016, Accipiter brevipes, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019. URL consultato il 26 agosto 2018.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Accipitridae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 26 agosto 2018.
  3. ^ a b c d e f g (EN) Levant Sparrowhawk (Accipiter brevipes), su hbw.com. URL consultato il 24 agosto 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli