Falco concolor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Falco fuligginoso
FalcoConcolorHartlaub.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Falconiformes
Famiglia Falconidae
Genere Falco
Specie F. concolor
Nomenclatura binomiale
Falco concolor
Temminck, 1825
Areale

Falco concolor distr.png

Il falco fuligginoso o falco unicolore (Falco concolor Temminck, 1825) è un uccello falconiforme della famiglia dei Falconidi[2]. Questo falco di medie dimensioni nidifica nell'area che va dall'Africa nord-orientale alla regione meridionale del Golfo Persico.

Appartiene al gruppo dei lodolai, un clade che riunisce insieme varie specie molto simili tra loro, spesso considerate come un sottogenere a parte, Hypotriorchis. Alcuni studiosi ritengono che il suo parente più stretto sia il falco della regina, ma, sebbene tale specie appartenga senza alcun dubbio alla stessa linea evolutiva, non sembra essere una sua specie sorella[senza fonte][3].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un rapace elegante, lungo 32–37 cm e con un'apertura alare di 78–90 cm. Ricorda moltissimo un grosso lodolaio eurasiatico o un piccolo falco della regina, con le sue lunghe ali appuntite, la coda lunga e il corpo snello. Gli adulti sono di colore grigio-azzurro e sono privi delle copritrici nere del sottoala tipiche del falco della regina. Gli esemplari giovani sono simili a grossi esemplari giovanili di lodolaio o a piccoli esemplari giovanili di falco della regina. I margini scuri delle ali e della coda, però, distinguono il falco fuligginoso da entrambe le suddette specie; non presenta, inoltre, il caratteristico contrasto cromatico tra sopraala scuro e sottoala chiaro tipico dei falchi più grandi.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Il falco fuligginoso si nutre soprattutto di uccelli, ma cattura anche grossi insetti, come le libellule, che vengono trasferiti dagli artigli al becco e consumati in volo. Nidifica su una cengia rocciosa o tra le rocce, deponendo fino a quattro uova.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie nidifica sulle isole, nelle zone costiere e nelle aree desertiche rocciose dell'area estesa dalla Libia al Pakistan. Effettua migrazioni molto lunghe per svernare in Africa orientale e Madagascar. Solo di rado si spinge a nord del suo areale di nidificazione.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

In passato la IUCN classificava questo falco tra le specie a «rischio minimo»[4]. Recenti ricerche, però, hanno dimostrato che è più raro di quanto ritenuto in precedenza. Di conseguenza, a partire dal 2008, è stato inserito tra le specie «prossime alla minaccia»[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) BirdLife International 2012, Falco concolor, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.1, IUCN, 2017.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Falconidae, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato il 10 maggio 2014.
  3. ^ Helbig et al. (1994), Wink et al. (1998)
  4. ^ BLI (2004)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • BirdLife International (BLI) (2008): [2008 IUCN Redlist status changes]. Retrieved 2008-MAY-23.
  • Helbig, A.J.; Seibold, I.; Bednarek, W.; Brüning, H.; Gaucher, P.; Ristow, D.; Scharlau, W.; Schmidl, D. & Wink, Michael (1994): Phylogenetic relationships among falcon species (genus Falco) according to DNA sequence variation of the cytochrome b gene. In: Meyburg, B.-U. & Chancellor, R.D. (eds.): Raptor conservation today: 593-599. PDF fulltext
  • Wink, Michael; Seibold, I.; Lotfikhah, F. & Bednarek, W. (1998): Molecular systematics of holarctic raptors (Order Falconiformes). In: Chancellor, R.D., Meyburg, B.-U. & Ferrero, J.J. (eds.): Holarctic Birds of Prey: 29-48. Adenex & WWGBP. PDF fulltext

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Falco concolor, in Avibase - il database degli uccelli nel mondo, Bird Studies Canada.