Wärtsilä

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wärtsilä
Logo
Stato Finlandia Finlandia
Forma societaria Public company
Borse valori OMXWRT1V
ISIN FI0009003727
Fondazione 1834
Sede principale Helsinki
Persone chiave Presidente del Consiglio di amministrazione:
Mikael Lilius
Amministratore delegato:
Jaakko Eskola
Prodotti Centrali elettriche, sistemi di propulsione marina, servizi di assistenza tecnica
Fatturato 4,72 miliardi €[1] (2012)
Utile netto 344 milioni €[1] (2012)
Dipendenti 18 900[2] (2012)
Sito web

Wärtsilä è un'azienda finlandese con quartier generale a Helsinki, specializzata soprattutto nella fabbricazione di sistemi di propulsione e generazione d'energia per uso marino e centrali elettriche

Nel 1997 Wärtsilä ha assorbito New Sulzer Diesel, società costituita nel 1990 in seguito allo spin-off della divisione motori diesel della Sulzer dall'azienda principale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1834: fondazione dell'azienda con il primo stabilimento, una segheria, impiantata nel comune di Värtsilä nella Carelia settentrionale, facente parte all'epoca dell'Impero Russo; la località oggi denominata Wärtsilä fa parte del comune finlandese di Tohmajärvi che ha ereditato lo stemma di Värtsilä.
  • 1851: l'azienda apre una ferriera.
  • 1898: La società viene rinominata Wärtsilä Ab
  • 1907: La società viene rinominata Wärtsilä Oy Ab
  • 1935: la sede centrale della società viene trasferita a Helsinki.
  • 1936: acquisizione della fabbrica di motori Onkilahti a Vaasa.
  • 1938: viene siglato un accordo per la costruzione su licenza del gruppo Krupp Germaniawerft di motori diesel e il primo motore diesel viene costruito a Turku nel 1942
  • 1978: Acquisizione del 51% della svedese NOHAB, le cui rimanenti quote sono acquisite nel 1984.
  • 1981: costruzione dell'hovercraft Larus
  • 1984: la società viene quotata alla borsa di Londra.
  • 1989: Wärtsilä acquisisce SACM e Stork BV Werkspoor. L'azienda viene rinominata Stork BV-Wärtsilä Diesel
  • 1990: l'azienda viene inglobata nella Lohja Corporation, in seguito rinominata Metra Corporation.
  • 1991: dalla divisione Ovako AB, tra i suoi proprietari Metra e SKF viene creata la Imatra Steel.
  • 1995: viene siglato un accordo di joint venture tra Wärtsilä Diesel e Cummins Engine Company Inc.
  • 1997: Nel mese di aprile viene costituita Wärtsilä NSD, in seguito all'acquisizione da parte di Wärtsilä Diesel della New Sulzer Diesel. Il riferimento al nome di "Sulzer" dura fino al 2006 e viene utilizzato per i motori Wärtsilä ereditati dall'assorbimento di New Sulzer Diesel.
  • 1999: Wärtsilä acquisisce la Grandi Motori Trieste e viene posta fine alla joint-Wärtsilä Cummins.
  • 2000: in seguito ad un accordo tra "Wärtsilä NSD" e "John Crane-Lips", il gruppo Metra viene rinominato Wärtsilä Corporation.
  • 2001: Wärtsilä vende la sua partecipazione in Sanitec ed assume la proprietà della società di servizi Ciserv AB e Sermet Oy.
  • 2002: Il gruppo Ciserv, guidato da Mr. Pierpaolo Barbone, amplia la propria attività a Singapore, Danimarca e Canada.
  • 2003: l'azienda è coinvolta nel cosiddetto caso Gotland, ed accusata di corruzione in Svezia, viene riconosciuta non colpevole.
  • 2004: viene avviata in Cina la produzione di eliche.
  • 2005: Wärtsilä acquisisce Deutz-Marine.
  • 2006: Il gruppo Ciserv viene integrato in Wartsila Services. I marchi Ciserv e Sulzer vengono abbandonati, entrambi i marchi proseguono la loro attività come Wärtsilä.
  • 2007: Wärtsilä Ship Power viene riorganizzata in cinque segmenti di clientela: Merchant, Offshore, Cruise & Ferry, Navy e Special vessels.
  • 2008: Wärtsilä acquisisce Vik-Sandvik e Conan Wu & Associates Pte Ltd (CWA), società di progettazione navale di Singapore.
  • 2009: Wärtsilä entra a far parte di UN Global Company, la più grande iniziativa mondiale di Responsabilità sociale d'impresa.
  • 2012: Wärtsilä acquisisce Hamworthy PLC, azienda britannica di ingegneria specializzata nei settori marino e oil & gas.
  • 2013: Wärtsilä riceve la commessa per costruire e operare l'assistenza alla più grande centrale elettrica tri-fuel al mondo, in Giordania.

Wärtsilä Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Wärtsilä Italia.

L'azienda ha rilevato nel 1999 da Fincantieri la Grandi Motori Trieste che ora è denominata Wärtsilä Italia.

L'azienda, oltre ai motori per uso navale, produce motori Diesel o bi-fuel gasolio/gas naturale, motori per generatori di corrente per centrali elettriche da 1 fino a 500 MW, motori per la propulsione e gruppi elettrogeni.

Lo stabilimento della Wärtsilä Italia a Trieste


Wärtsilä-Sulzer RTA96C[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda produce il motore più grande del mondo, il Wärtsilä-Sulzer RTA96C[3][4]. Si tratta di un motore due tempi Diesel, disponibile in versioni da 6 fino a 14 cilindri in linea, per uso navale, prevalentemente in grandi navi portacontainer. La versione a 14 cilindri ha una cilindrata di 25 480 l, eroga la potenza di 109 820 cavalli (circa 80 MW), con una coppia massima di oltre 7,6 milioni di N m al regime di 102 giri/minuto, che coincide con quello di potenza massima. Il peso supera le 2 300 t, il consumo di massima economia è di 6 000 l/h di gasolio ed ha un rendimento di oltre il 50% che ne fa anche il motore più efficiente al mondo. Per ridurre lo stress laterale sulle pareti, i pistoni non sono connessi direttamente alla biella. Il motore va abbinato a un generatore di vapore che, sfruttando il calore dei gas di scarico, attiva un turboalternatore a vapore, il quale genera energia elettrica per tutte le necessità di bordo, oltre a fornire direttamente vapore per altri servizi, migliorando così ulteriormente il rendimento energetico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Wärtsilä's Financial Statement bulletin January-December 2012, wartsila.com. URL consultato il 14-01-2012.
  2. ^ Company Overview, wartsila.com. URL consultato il 14-01-2012.
  3. ^ informazioni sul sito del produttore, wartsila.com. URL consultato il 16-01-2012.
  4. ^ The Most Powerful Diesel Engine in the World!, people.bath.ac.uk. URL consultato il 29-11-2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN140048644
Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende