Vogliamoci troppo bene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Andrea: Mi ricordo una sera, mentre tu lavoravi nella cucina di un kebab, che un cliente è entrato e ha ordinato un sandwich, ma c'era dentro il ketchup e così lo ha lasciato lì, e tu hai finito il suo panino.
Matteo: È vero... ciò è più psicoveritabile... cioè più intimo al mio consono essere interiormente segreto. Mangiai il panino... il ketchup era marcio... io stai male... e giacqui memore nella perfida albione.»

(Citazione del film)
Vogliamoci troppo bene
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1989
Durata97 min
Generecommedia
RegiaFrancesco Salvi
SceneggiaturaFrancesco Salvi, Dario Viola, Lorenzo Beccati, Giovanni Pascutto (collaborazione)
ProduttoreMauro Berardi, Francesco Salvi, Gianfranco Piccioli, Giorgio Leopardi
Casa di produzioneYarino Cinematografica, Unione Cinematografica
Distribuzione in italianoWarner Bros. Italia
FotografiaCamillo Bazzoni
MontaggioNino Baragli
MusicheFrancesco Salvi
ScenografiaMauro Radaelli
CostumiDonatella Giovanelli
TruccoVincenza Lambarella
Interpreti e personaggi

Vogliamoci troppo bene è un film del 1989 diretto, scritto, musicato e interpretato da Francesco Salvi, qui al suo esordio alla regia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'inventore di giocattoli Matteo Zampini vive a Milano con la moglie Vanessa e il figlio Jacopo in un singolare appartamento pieno di gadget.

La moglie e il figlio partono per fotografare un calendario al Polo Nord, lasciando Matteo da solo a ferragosto, tampinato dall'ingegnere Giapponese Sulu e le minacciose telefonate del losco Pistone in una Milano deserta.

Al grido di ferragosto, moglie mia non ti conosco! organizza assieme agli amici Epidermide con la fissa per l'abbronzatura, Gringo esperto di indiani d'America e Saltalamessa corpulento personaggio con il pallino per l'investigazione, serate di divertimento sfrenato tra Milano e Luino sul lago Maggiore.

Una notte rientrato tardi dopo una giornata con gli amici, Matteo incontra davanti al portone di casa priva di sensi Andrea, una ragazza americana vestita da Jessica Rabbit, decide così di soccorrerla portandola in casa.

La ragazza in verità un tempo era sposata con Matteo, il quale però non la ricorda.

L'indomani cerca di tenere nascosta la cosa agli amici che insospettiti e sospinti da Saltalamessa iniziano un pedinamento costante che li porterà persino a rapire la ragazza, ignari a loro volta di un Spia che li stava tenendo d'occhio.

Matteo, tra l'ingegnere giapponese Sulu che vuole il progetto del Porco-Cane un peluche mezzo porco e mezzo cane e gli amici pasticcioni, ma anche le preoccupanti telefonate di Pistone e la bellissima Andrea, dovrà sistemare le cose prima che la moglie Vanessa e il figlio Jacopo ritornino dal Polo Nord.

Holly Higgins è doppiata in italiano da Barbara Berengo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema