Vladimír Pácl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vladimír Pácl
Nazionalità Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Ritirato 1961
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ritirato 1947
Carriera
Squadre di club
194XX-47 Sparta Praga
 

Vladimír Pácl (Česká Třebová, 11 febbraio 192431 dicembre 2004) è stato un fondista, rugbista a 15 e dirigente sportivo cecoslovacco, apolide dal 1972 quando chiese asilo politico all'Italia poiché in fuga dal suo Paese per l'appoggio dato alla Primavera di Praga. In Italia fu tra i primi promotori dello sci orientamento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Boemia, si laureò in pedagogia e in sport all'Università Carolina di Praga[1][2]. Nel 1968 si oppose pubblicazione all'invasione sovietica del suo Paese che stroncò la Primavera di Praga e fu quindi allontanato dal Comitato Olimpico Cecoslovacco; nel gennaio 1972 andò in Italia, a Tarvisio, come delegato ai Campionati europei juniores di sci nordico: al termine della manifestazione chiese asilo politico e non rientrò più in Cecoslovacchia[1]. Non ottenne tuttavia la cittadinanza italiana e rimase apolide fino alla morte[1][2].

Carriera sciistica[modifica | modifica wikitesto]

È stato attivo nello sci di fondo da metà degli anni quaranta ai primi anni sessanta, principalmente a livello nazionale. Campione cecoslovacco nella 18 km a squadre nel 1947, ancora nel 1961 riuscì a ottenere risultati di rilievo, chiudendo al quinto posto la 50 km. In campo internazionale conseguì la vittoria nella staffetta 3x10 km ai Mondiali universitari del 1949, disputati a Špindlerův Mlýn[2].

Carriera rugbistica[modifica | modifica wikitesto]

Giocò a rugby nelle file dello Sparta Praga, squadra con la quale conquistò il titolo nazionale cecoslovacco nel 1947; abbandonò la disciplina in seguito a un grave infortunio al naso[2].

Carriera dirigenziale[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1951 al 1957 fu giudice di gara nel fondo e contribuì in modo determinante allo sviluppo di una squadra cecoslovacca femminile, che guidò fino al sesto posto ai VII Giochi olimpici invernali di Cortina d'Ampezzo 1956 nella staffetta 3x5 km[2]. Dal 1966 segretario del Comitato Olimpico Cecoslovacco, per il quale organizzò anche i Campionati mondiali di canoa/kayak 1967, dal 1951 al 1963 fu vicepresidente della Federazione cecoslovacca degli sport invernali, responsabile di tutti i settori sciistici[1][2].

È stato dirigente della Federazione Internazionale Sci dal 1949 al 1972, quando dovette rinunciare a ogni carica in quanto divenuto apolide. Membro del consiglio FIS dal 1963 al 1969, da quell'anno e fino alla rinuncia fu presidente della commissione dello sci di fondo[1][2].

Una volta emigrato in Italia continuò nella sua attività di promotore e organizzatore sportivo, operando principalmente in Val di Sole e in Val di Non. Introdusse lo sci orientamento in Italia, collaborando alla fondazione del Comitato Italiano Sport Orientamento nel 1979[1].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Sci di fondo[modifica | modifica wikitesto]

Rugby[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Morto Vladimír Pácl [collegamento interrotto], in Sito dell'Erebus Orientamento Vicenza. URL consultato il 28 aprile 2008.
  2. ^ a b c d e f g Scheda Fondo Italia, su fondoitalia.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84419149