Apolidia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Apolide)
In evidenza gli stati partecipanti alla Conferenza delle persone apolidi del 1951

L'apolidia (composto di alfa privativo e polis, "città" in greco) è la condizione dei soggetti privi di qualunque cittadinanza.

Tali soggetti sono detti "apolidi".

Si diventa apolidi:

  • per origine, quando non si è mai goduto di diritti né mai sottoposti ai doveri di alcuno Stato;
  • per derivazione a causa di varie ragioni, tutte conseguenti alla perdita di una pregressa cittadinanza e alla mancanza di una contestuale acquisizione di una nuova.
    Le ragioni possono essere:
    • annullamento della cittadinanza da parte dello Stato, per ragioni politiche, etniche, di sicurezza o altro;
    • perdita di privilegi acquisiti in precedenza (per esempio la cittadinanza acquisita per matrimonio);
    • rinuncia volontaria alla cittadinanza.

Si diventa apolidi in senso formale solo tramite rinuncia espressa alla propria cittadinanza naturale; i figli di apolidi si trovano tipicamente nella condizione di chi nasca in un territorio nazionale e normalmente questo basta per l'automatica acquisizione della cittadinanza dello Stato del luogo di nascita.[senza fonte]

In passato era anche ammissibile una forma di apolidia di tipo sanzionatorio, derivante dal venir meno della cittadinanza come pena accessoria collegata alla commissione di un illecito penale: l'Aquae et igni interdictio rientrava in questa ipotesi.

Si pone spesso il problema internazional-privatistico di quale sia la legge regolatrice dello statuto personale dell'apolide. In assenza di cittadinanza, si adotta il criterio della residenza e, in second'ordine, del domicilio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4182628-0
Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto