Vincenzo Petrocelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto di Nikolaj Jusupov,1850

Vincenzo Pasquale Angelo Petroccelli (Cervaro, 6 luglio 1823Napoli, 2 febbraio 1896) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vincenzo Pasquale Angelo Petroccelli, erroneamente chiamato talvolta Petrocelli[1] nasce a Cervaro durante il Regno delle Due Sicilie, nella Terra di Lavoro (oggi nell'area del Lazio). Rimasto presto orfano, dopo un'infanzia difficile a diciotto anni riuscì a iscriversi all'Accademia di Belle Arti di Napoli, dove studiò sotto l'attenta guida di Domenico Morelli[2].

Vincenzo Petroccelli ebbe due figli Achille Petroccelli e Arturo Petroccelli, entrambi divennero pittori[3].

Vincenzo Petroccelli ebuttò alla "Esposizione Borbonica" del 1839, per parteciparvi ancora nel 1841 e nel 1848, con le opere di "Ginevra genuflessa nella cappella di S. Orsola in Barletta", "Morte di Galeazzo Sforza", "Isabella di Firenze", e poi nel 1851, con l'opera "Una famiglia di neofiti sorpresa dalle guardie pretoriane".

Petroccelli raggiunse la piena maturità artistica dopo il 1850. Nel 1851 realizzò il Ritratto del giovane Duca N.B. Yusupov oggi conservato nell'Ermitage di San Pietroburgo. Nel 1877 partecipò all'Esposizione Nazionale d'arte di Napoli.[4]

Petroccelli insieme a Domenico Morelli fu selezionato per realizzare una serie di affreschi nel Tempio di San Francesco a Gaeta.

Petroccelli si dedicò principalmente alla pittura di eventi storici, ma anche di ritratti e alla pittura di genere, cioè di quella pittura che si dedica alle scene di vita quotidiana[5].

Le sue opere sono firmate "V. Petroccelli", spesso seguita dalla data dell'opera.

Vincenzo Gemito dedicò un ritratto in terracotta a Vincenzo Petroccelli nel 1869[6].

Мusei[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
«per meriti artistici»

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Nikolay Yusupov (comprata dal Museo Ermitage, Russia) ;
  • Marin Faliero (comprata dalla dei Re d'Italia Casa Savoia) ;
  • I neofiti nelle Catacombe sorpresi dalla guardia pretoriana ;
  • Il corpo di Carlo il Temerario ;
  • I congiurati che attendono il duca di Guisa ;
  • I Borbonici nel Monastero delle Carmelitane in Catania ;
  • Il Consiglo dei Tre ;
  • Le carezze del Nonno.

Esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Mostra Borbonica, 1839
  • Mostra Borbonica, 1848 : Morte di Galeazzo Sforza, Isabella di Firenze (cat. p. 41 num. 226, 227), Ginevra genuflessa (p. 41 num. 224)
  • Mostra Promotrice napoletana: Il conte Leicester e la sua vittima (cat. p. 14 num. 124)
  • Mostra Promotrice napoletana 1864: I miserabili di Victor Hugo, Jean Valjean (in cat. p. 10 num. 97)
  • Mostra Promotrice napoletana 1866: La lettura delle denunzie a Venezia (in cat. p. 9 num. 54)
  • Mostra Promotrice 1873: La primavera, Il chilo et Prima della predica (cat. p. 8 num. 70, 82, p. 11 num. 151)
  • Mostra Promotrice 1874: I speranzuoli, Ai vesepri (cat. p. 10 num. 143, p. 11 num. 168)
  • Mostra Promotrice 1875: Ballerina orientale (cat. p. 8 num. 68)
  • Mostra Promotrice 1876: Amore allo studio (cat. p. 6 num. 33)
  • Mostra Promotrice 1886: Le mie avventure (cat. p. 42 num. 68)
  • Mostra Promotrice 1893: Buona notte (cat. 11 num. 89)
  • Mostra Promotrice 1896 (postuma): L'assetato et Un Bozzetto (cat. p. 14 num. 65, p. 17 num. 116)
  • Mostra Nazionale di Napoli, 1877: La favorita del sultano (cat. p. 53 num. 694),

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'Accademia di belle arti di Napoli (1752-1952): Vincenzo Petroccelli (1823-1896), su google.it. URL consultato il 3 maggio 2021.
  2. ^ P. Levi. Domenico Morelli, nella vita e nell’arte — Roma, Torino, Casa editrice nazionale Roux e Viarengo, 1906. — P. 105
  3. ^ Giuseppe Ceci, Bibliografia per la storia delle arti figurative nell'Italia, 1937, pg. 464, p. 361
  4. ^ Dizionario degli artisti: Vincenzo Petrocelli, su istitutomatteucci.it. URL consultato il 12 luglio 2018.
  5. ^ Petrocelli, Vincenzo Pasquale Angelo. Benezit Dictionary of Artists. Oxford Art Online. Oxford University Press. (richiesta iscrizione)
  6. ^ Emanuela Bianchi (2000). Gemito, Vincenzo Dizionario Biografico degli Italiani, volume 53. Roma: Istituto dell’Enciclopedia Italiana
  7. ^ Vincenzo Petrocelli, Museo Ermitage, . Portrait of Young Duke N.B. Yusupovа, 1851, Italy, 64,5х47,5 см., Entered the Hermitage in 1946; transferred from the Museum of the Ethnography of the Peoples of the USSR

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Angelo De Gubernatis, Ugo Matini, Dizionario degli artisti italiani viventi, pittori, scultori e architetti, Tipi dei successori Le Monnier, 1889 (provenienza dell'originale Harvard University)
  • Enrico Giannelli, Artisti napoletani viventi: pittori, scultori ed architetti : opere da loro esposte, vendute e premi ottenuti in esposizioni nazionali ed internazionali, Melfi & Joele, 1916
  • Domenico Maggiore, Arte e artisti dell'Ottocento napolitano e scuola di Posillipo: biografie di pittori, incisori, scultori e architetti. Supplemento alla storia dell'arte italiana, Maggiore, 1955
  • Arturo Berisio, Napoli nobilissima, Volumi 9-10, 1969
  • Giuseppe Luigi Marini, Il Valore dei dipinti italiani dell'Ottocento e del primo Novecento: l'analisi critica, storica ed economica, Allemandi, 2001, ISBN 884221051X
  • Roberto Rinaldi, Pittori a Napoli nell'Ottocento, Libri & libri, 2001
  • Max Seidel, Martina Hansmann, Pittura italiana nell'Ottocento, Marsilio, 2005, ISBN 8831786679
  • Fernando Mazzocca, La Galleria d'Arte Moderna e la Villa Reale di Milano, Silvana, 2007

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN96427541 · Europeana agent/base/140225 · ULAN (EN500100751 · WorldCat Identities (ENviaf-96427541