Villa Sorra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villa Sorra
Villa sorra 05.JPG
La villa
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Emilia Romagna
Località Castelfranco Emilia
Indirizzo Via Prati 50
Coordinate 44°37′51″N 11°01′59.91″E / 44.630833°N 11.033308°E44.630833; 11.033308Coordinate: 44°37′51″N 11°01′59.91″E / 44.630833°N 11.033308°E44.630833; 11.033308
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione XVII secolo
Realizzazione
Architetto Giuseppe Anonio Torri
Proprietario Comuni di Castelfranco Emilia, Modena, Nonantola e San Cesario sul Panaro
Proprietario storico Antonio Sorra

Villa Sorra è una tenuta storica che sorge nel territorio del comune di Castelfranco Emilia. La tenuta è, dal 1972, di proprietà dei Comuni di Castelfranco Emilia, Modena, Nonantola e San Cesario sul Panaro.

Il giardino storico della villa è uno dei più importanti esempi di giardini romantici dell'Emilia-Romagna. Villa Sorra è un esemplare testimonianza di “vita in villa”, antica tradizione che trova origini lontane fin nell'età romana, venuta meno con la caduta dell'Impero e poi ripresa a partire dal Trecento in molte realtà italiane, anche a seguito dell'influsso di Francesco Petrarca. Se ci limitiamo al territorio emiliano, tale pratica si comincia a diffondere soprattutto nel XVI secolo, quando il territorio bolognese passa sotto il dominio pontificio. Lesionata in seguito ai terremoti del maggio 2012, nel dicembre 2013 si sono conclusi i lavori che hanno permesso la decadenza delle ordinanze di inagibilità per tutti edifici.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A partire dalla seconda metà del Seicento il modenese Francesco Sorra acquista diversi terreni a Castelfranco nelle località di Gaggio e Panzano. Castelfranco Emilia allora faceva parte dello Stato pontificio e segnava il confine con il Ducato estense. Nel 1681 Francesco ottiene dal Senato felsineo la cittadinanza bolognese e successivamente villa Sorra, posta a cavallo tra i due territori, per lui, cittadino di Modena e di Bologna e ricco mercante con interessi economici in entrambe le città, anche simbolicamente diviene emblema di questa sua condizione. Forse anche per questo così grande era il suo desiderio che la tenuta si ingrandisse e tramandasse nel tempo la gloria della famiglia. Le sue disposizioni testamentarie del 1690 obbligano infatti il figlio secondogenito Antonio (erede dei beni paterni collocati nel bolognese, mentre al primogenito Andrea verranno lasciati quelli modenesi) a incrementare le dimensioni della proprietà e a garantire, attraverso un fedecommesso ristretto alla diretta discendenza maschile, la successione del patrimonio inalienato a un erede che porti il cognome Sorra. Nel 1698 il duca di Modena, Rinaldo I d'Este, concede a tutti i figli maschi di Francesco Sorra il titolo di conte, ed è proprio in quegli anni che Antonio comincia ad acquisire terreni e a costruire nella villa di Panzano una “Casa da Padroni per necessario commodo di villegiare e sopraintendere personalmente alli detti beni” e il bellissimo giardino, già allora in Emilia uno dei più notevoli di cui abbiamo notizia.

Antonio Sorra muore nel 1739 designando come erede il nipote Francesco Maria, figlio del fratello Andrea. Francesco Maria muore senza lasciare eredi diretti: i suoi beni nel bolognese vengono così ereditati da Cristoforo Munarini, figlio primogenito di sua nipote, Eleonora Sassi, sposata al conte Camillo Munarini. A Cristoforo, allora minorenne, viene imposto di sostituire al cognome paterno quello di Sorra, ma in realtà egli porterà entrambi i cognomi e Palazzo Sorra, nella cartografia dell'epoca, viene indicato anche solo come Palazzo Munarini.

È Cristoforo che, nel 1827, concede alla moglie, la marchesa modenese Ippolita Levizzani, il permesso di trasformare il giardino in stile “romantico inglese”. Cristoforo Munarini Sorra muore nel 1830 e lascia i suoi beni in parti uguali alla figlia Costanza e al nipote Giacomo Malvasia, concedendo tuttavia l'usufrutto di villa e giardino alla moglie, che potrà così continuare i lavori. Egli dispone altresì che a Costanza succeda lo stesso Giacomo e a lui l'altra sua nipote Eleonora, sorella di Giacomo e moglie di Alessandro Fròsini. Stabilisce, infine, che alla morte di questa il patrimonio venga suddiviso in parti uguali tra i figli di lei, non attenendosi quindi al fedecommesso istituito da Francesco Sorra volto a consentire a un unico erede maschio di conservare intatta e sotto il nome dei Sorra la proprietà. Così, nel 1869, i figli di Eleonora Malvasia Fròsini vendono la tenuta al modenese Ludovico Cavazza.

Alla sua morte, avvenuta nel 1894, gli succede il figlio Ercole. Questi scompare nel 1926 senza lasciare eredi diretti: le sue disposizioni testamentarie prevedono che la proprietà passi ai figli del fratello Gian Battista oppure, nel caso di sua mancata discendenza, che la totalità dei beni mobili e immobili venga destinata alla costituzione di un Ente a beneficio dei poveri. Così accade e, nel 1933, viene costituito l'Ente morale “Pio Istituto Coniugi Cavazza”, amministrato dall'Arcivescovato di Modena che, nel 1972, cede una frazione della proprietà comprendente la villa, il giardino e i poderi “San Cristoforo”, “Conserva” e “Gruppo” alla Provincia di Modena e ai Comuni di Modena, Castelfranco Emilia, Nonantola e San Cesario sul Panaro. L'ultima modifica all'assetto proprietario della tenuta avviene nel 1983, quando la Provincia di Modena, per il corrispettivo simbolico di 100 lire, vende la sua quota di proprietà al Comune di Castelfranco Emilia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La villa si erge al centro della tenuta ed è stata commissionata dal conte Antonio Sorra, da cui ancora oggi prende il nome, all'inizio del XVIII secolo al progettista Giuseppe Anonio Torri. Il palazzo è costituito da un corpo centrale, a pianta quadrata, che ha al suo apice un'altana. Originariamente, la villa aveva un torrino esagonale, che venne, successivamente, demolito nel dopoguerra. Recenti e attendibili studi fanno risalire l'inizio della costruzione agli ultimissimi anni del Seicento e individuano il progettista in Giuseppe Antonio Torri (1655-1713), assistito dall'allievo Francesco Maria Angelini. Al primo, insieme al padre a capo dello studio di progettazione allora più importante di Bologna, si attribuisce la paternità del progetto generale, al secondo la direzione dei lavori e il loro completamento. Non solo documenti d'archivio fanno propendere per questa nuova ipotesi: anche il raffronto stilistico rende verosimile questa tesi, particolarmente convincente nel caso dello scalone di Palazzo Caprara a Bologna e, soprattutto, della Chiesa di San Domenico a Modena. Per quanto riguarda l'impianto generale, se a prima vista un referente tipologico immediato sembrerebbe essere, ad esempio, il seicentesco Palazzo Albergati di Zola Predosa, un'analisi più attenta mostra come qui manchi quella fluidità e continuità degli spazi interni tipica delle ville senatoriali bolognesi, e si sentano maggiormente richiami di derivazione cinquecentesca anche illustri, uno per tutti la Rotonda (villa Capra) del Palladio. All'opera dell'Angelini, dicevamo, possiamo invece attribuire le parti decorative, che denotano una cultura più aggiornata, un barocchetto svincolato dal disegno molto forte dell'impianto tipologico.

La villa padronale, costituita da un corpo centrale sovrastato dall'altana, aveva originariamente un più accentuato volume piramidale dovuto alla presenza di un terzo corpo sovrapposto, ovvero un torrino esagonale che però fu demolito nel dopoguerra in quanto pericolante e mai più ricostruito. Presenta un blocco compatto alla base e due avancorpi che fiancheggiano le facciate d'ingresso, che risultano così leggermente arretrate. Internamente la villa è imperniata sul grande salone centrale ovato a doppio volume sovrastato dalla grande volta a padiglione su pianta ellittica, fulcro intorno al quale ambienti e vani accessori sono simmetricamente e ordinatamente collocati. Gravitano infatti intorno ad esso due salette, quattro appartamenti (chiamati “a rasetto”, “rosso”, “verde” e “giallo”), la cappella, lo scaloncino all'imperiale e le due contrologge d'ingresso collocate sull'asse principale Est-Ovest. All'interno dell'edificio è presente una ricca decorazione pittorica. Sono da segnalare il decoro della sala da musica raffigurante Minerva che incorona le Arti, opera ottocentesca del bolognese Pietro Fancelli (1764-1850), e quello situato nella cappella (La Fede con i quattro Evangelisti, con questi ultimi posti nei raccordi angolari), attribuito al modenese Francesco Vellani (1688-1766). Nel salone centrale troviamo quattro grandi vedute scenografiche realizzate in parete che ne enfatizzano il grande spazio, ovvero Architettura Fantastica (in duplice versione), Atrio Magnifico e Padiglione con Fontana, di tono sostanzialmente barocco. Possiamo citare la partitura decorativa della cappella o la raffinata eleganza della sala “alla chinese”, espressioni di un vivace barocchetto, per non parlare della boiserie dorata arrampicata sulle pareti del vano absidale della cappella, o le decorazioni a ramages o a cartouche con inserti floreali presenti in alcune stanze.

Infine, meritano sicuramente grande attenzione le dodici tempere su iuta che una volta adornavano le due sale del piano nobile, probabilmente realizzate tra il 1730 e il 1740 e oggi, dopo il restauro, sono custodite presso il Palazzo Ducale di Sassuolo, in attesa che siano terminati i restauri della Villa. Mentre le sei tele posizionate nella saletta a Sud rappresentano vedute allegoriche, ozi villerecci e scene di vita campestre (Veduta fantastica, Prospettiva con rovine, Paesaggio e fontana, Veduta con castello, Marina, Paesaggio con architettura), di maggiore interesse risultano essere le tele della sala settentrionale, la cosiddetta “Camera dipinta a Giardino”, perché riproducono fedelmente, quasi fotograficamente, l'impianto settecentesco del giardino. In questa che fu dapprima sala da pranzo e poi utilizzata per il gioco del biliardo, unica con il pavimento in legno, si succedevano in senso orario La peschiera, Facciata orientale della villa, Il giardino visto dai cancelli, Zona centrale del giardino, Facciata occidentale della villa, La prospettiva sulla Montagnola. In una di queste tele, in particolare, possiamo ammirare la raffinata eleganza di villa Sorra al momento della sua costruzione. L'edificio, che fu oggetto di lavori di ristrutturazione già tra il 1766 e il 1775, risulta essere ancora oggi un'opera di rilevante interesse, nonostante le successive superfetazioni e stratificazioni, restauri un po' affrettati e la demolizione della lanterna.

Nel Settecento, insieme alla villa, vengono costruite anche la scuderia e la ghiacciaia. La scuderia, in particolare, rappresenta un interessante esempio di architettura rurale emiliana. Oltre alle funzioni proprie di ricovero per cavalli, era utilizzata come rimessa, abitazione del custode e serra. Nell'Ottocento, insieme alla ristrutturazione del giardino, viene modificato il piazzale antistante l'ingresso principale con la realizzazione della Cavallerizza, un percorso circolare di 140 metri di diametro circondato da un doppio filare di platani, per il transito delle carrozze dirette alla villa. Alla confluenza dei suoi due viali semisferici, di fronte alla scalinata dell'entrata principale, viene realizzata la fontana, vasca di forma irregolare all'interno della quale è presente una scultura disposta su tre livelli. Risale sempre a questo periodo la portineria, grazioso edificio ubicato a lato del cancello d'ingresso e il caseificio, ulteriore testimonianza dell'originale vocazione “produttiva” del complesso, che non era semplicemente un luogo deputato agli ozi e allo svago ma anche un vero e proprio centro per le attività agricole.

Certamente degno di menzione è il particolare rapporto della villa con il territorio circostante, rapporto che chiaramente non è lasciato al caso ma è anzi un aspetto di grandissimo interesse. Già abbiamo visto come l'ubicazione della villa, a cavallo tra lo Stato pontificio e il Ducato estense e tenuto conto degli interessi economici della famiglia Sorra, assume valenze particolarmente simboliche. In particolare, poi, la villa viene edificata proprio nel punto di confluenza di due viali ortogonali, assi di riferimento per il disegno complessivo della tenuta, che si vanno a incrociare proprio al centro del salone, effetto che veniva rafforzato dall'asse verticale lungo il quale si sviluppava l'andamento piramidale dell'edificio e che culminava nella lanterna. Da qui volgendosi verso Ovest, il Cavedagnone, una volta lungo quasi due chilometri e ornato da un doppio filare di olmi piramidali, rappresenta la via di accesso principale alla tenuta venendo da Modena. L'asse “attraversa” il salone e prosegue verso Est lungo il giardino dove, oltre la peschiera, si prolungava in un canale navigabile che conduceva alla montagnola-belvedere, con l'edicola e un padiglione vegetale sulla sommità (oggi “sostituito” dalla torre principale del castello medioevale), quasi a fare da contraltare al torrino della villa che si trovava proprio di fronte. Se questo è l'asse dominante per il disegno generale della tenuta e l'organizzazione dei fondi agricoli, lungo l'asse Nord-Sud vengono invece collocati gli edifici con funzioni di servizio. Esso penetra nel salone attraverso i due affacci principali, dai quali si possono ammirare i viali di ingresso secondari, lungo i quali oggi sono presenti in doppio filare dei pioppi cipressini.

La villa diviene così fulcro per l'organizzazione del territorio, in perfetta simbiosi con la pianura circostante. La natura viene sottomessa alla ragione, ordinata e dominata dall'uomo, con i campi di forma regolare delimitati da cavedagne e fossati e le prospettive fatte di siepi, filari e vigneti addobbati a festoni. La campagna è quasi un giardino, e proprio con la mediazione del giardino vero e proprio arriva fino all'edificio nobile. La villa quindi non è un corpo separato ma, armoniosamente inserita nell'ambiente, simboleggia questo strettissimo legame tra architettura, giardino e paesaggio.

Giardino storico[modifica | modifica wikitesto]

Il giardino storico

Il giardino di villa Sorra è sicuramente l'elemento di maggior pregio, un vero e proprio gioiello di rara bellezza, anche se forse misconosciuto dal grande pubblico. Parliamo infatti di quello che è un caso emblematico nella storia del giardino italiano, certo l'esempio più rappresentativo di giardino romantico dell'Ottocento estense e da molti ritenuto il più importante giardino informale presente nella nostra regione. La costruzione del giardino inizia nel Settecento, ed è quindi indicativamente contemporaneo alla villa, della quale risultava essere indispensabile completamento in ossequio ai canoni che la costumanza della “vita in villa” prescriveva. Il giardino doveva essere un momento di congiunzione tra il “necessario commodo di villegiare” e la pianura circostante, imbrigliata e trasformata per scopi produttivi, luogo edenico di delizia e svago e a sua volta esso stesso fonte di reddito in molte delle sue parti, in special modo con la vendita degli agrumi che lo abbellivano. E i Sorra onorarono questo loro obbligo con particolare e forse eccessiva dovizia, tanto che realizzarono uno dei giardini più notevoli tra quelli appartenuti alla nobiltà modenese dell'epoca.

La struttura definitiva del giardino settecentesco si deve al contributo determinante di Alessandro e Francesco Cavazza, perito agrimensore il primo e agronomo il secondo. Questo si ispira agli schemi formali dell'epoca, quando l'arte dei giardini aveva arricchito i modelli rinascimentali e barocchi del giardino all'italiana con un linguaggio dominato dal gusto francese, in special modo grazie al contributo di André Le Nôtre. La ricostruzione di questo impianto è oggi possibile grazie alle sei tempere una volta collocate nella cosiddetta “Camera dipinta a Giardino”, ma è anche rinvenibile da uno scritto di un perito pubblico bolognese del 1768 oltre che da una planimetria di epoca napoleonica. Il Malmusi lo descriveva come “costrutto in quel torno alla maniera francese”, con i caratteristici canali disposti in modo simmetrico rispetto all'asse longitudinale del giardino stesso (ideale prolungamento del Cavedagnone), con grandi siepi a parete che si incontravano ortogonalmente fra loro e con sentieri rettilinei. Oltrepassata la zona a prato intorno alla villa, strutturalmente il giardino vero e proprio cominciava con una zona ad orto con pergolati di viti divisa in quattro parti delimitate da spalliere di siepi, al centro delle quali, nel crocevia dal quale oggi si accede alla serra, si apriva una piazza contornata da siepi foggiate a nicchie e cupole, sorta di salotto en plein air. Seguivano poi, intorno alla peschiera (“grande vasca a mattoni, con una Tetide graziosa sorgente dalle acque”), una zona a bosco e di seguito tre isole collegate tra loro da ponti in legno: due con alberi da frutta e una terza all'estremità Est del parco, alla quale si accedeva dal canale centrale. Alla base era presente un approdo per le barche, sovrastato da un'edicola contenente “una statua di Diana divina abitatrice de' boschi”, sovrastata da una montagnola che culminava in un padiglione, belvedere contrapposto alla villa dal quale, nelle giornate limpide, era forse possibile osservare gli abitati di Modena e Bologna, sorta di collegamento ideale, carico di valenze simboliche, tra il Ducato estense e lo Stato pontificio. Tutto il giardino era quindi rigorosamente geometrico, così come richiesto dalla moda del tempo, ideale prosecuzione degli ambienti signorili o di corte.

Il parco rimane inalterato fino al 1827, quando il conte Cristoforo Munarini Sorra permette alla moglie, la marchesa modenese Ippolita Levizzani, di trasformare l'ampio giardino “all'inglese” con laghetti e false rovine, allora “di gran voga”, con la consulenza di Giovanni de' Brignoli di Brünnhoff, di origini friulane, professore di botanica e agraria all'università di Modena e direttore dell'orto botanico di Modena. Durante il Romanticismo, infatti, fu generalizzato l'uso di trasformare, o aggiungere ai giardini geometrici, appendici a carattere più naturale. A seguito di questa ristrutturazione, che comunque interessò in modo particolare solo una parte, quella ad Est della peschiera, i canali diventarono sinuosi, i sentieri tortuosi, sparirono le pareti a siepe, gli alberi da frutta e tutto ciò che esprimeva regolarità per dare spazio alle forme irregolari e a tutto ciò che la natura spontaneamente offre. Verranno così realizzate zone a prato e a boschetto, sapientemente distribuite e separate da canali e laghetti. Il conte Munarini morirà tre anni dopo, senza quindi la possibilità di vedere terminati i lavori. Lo stesso Brignoli darà il suo contributo solo nel periodo iniziale, presto travolto dall'esuberanza della marchesa Ippolita, che di continuo proporrà variazioni e aggiunte al progetto originario e di fatto seguirà personalmente i lavori fino alla sua morte nel 1860, lavori interrotti temporaneamente solo da eventi di carattere politico, questioni ereditarie e, non ultimi, problemi finanziari, dato che le spese non furono certamente esigue.

Il giardino presentava, oltre alle piante tipiche del bosco planiziario (soprattutto querce, carpini, frassini, olmi e aceri), anche piante esotiche (“giapponici ligustri”, “pruno lusitanico”) e conifere come abeti, pini e cipressi. Dai documenti storici risulta che nella serra venivano tenute anche piante centenarie di limoni e cedri, nonché specie assai rare provenienti dal Nepal, dal Giappone e dall'Olanda. Esso fu inoltre arricchito da elementi architettonici, tutti realizzati durante i lavori di ristrutturazione, che qui di seguito brevemente descriviamo con l'aiuto delle note del Malmusi. Le false rovine medioevali collocate nella terza isola (“…un avanzo di smantellato castello, e di merlate muraglie, ti annunzia che quel sito fu antico teatro di assalti guerrieri… non ti lascia dubbio non abbiasi voluto accennare al XIII o al XIV secolo…”), con le torri che vanno a rimpiazzare l'antica montagnola-belvedere, “a simulare la ricordanza di estrema difesa… che per un ponte levatoio posto al culmine quasi della minore, si passa a rinserrarsi nella maggiore”, opera del giardiniere paesista modenese Tommaso Giovanardi con l'ausilio dell'ingegner Giuseppe Toschi. Sotto le rovine del castello nel 1839 vengono realizzate le grotte, per opera dello scenografo Camillo Crespollani con “opra pazientissima di… mastro Carlo Stancari di Gaggio”, alle quali si accede “per interni anditi e angusti recessi” e dove si immaginava che “in notturne congreghe gavazzassero orgiando i temuti scherani, e gli ardimentosi bravi del Signore della rocca”. I “simulati avanzi delle Terme, giacenti alla riva del lago… un lontano ricordo delle Terme di Diocleziano”, costruite in mattoni di argilla e ricoperte di rocce e tufo per opera del paesista bolognese Ottavio Campedelli, al quale si devono anche il finto “abbandonato scalo” e il terrazzo, la cui parte sottostante è raggiungibile percorrendo un suggestivo sentiero scavato nel terreno e dalla quale si può godere di una delle vedute più suggestive del parco.

Nel 1842 “superba sorse… l'aranciera ad undici ampie arcate a sestacuto, sullo stile gotico-tedesco del XIII secolo”, opera dell'ingegnere bolognese Cesare Perdisa. Al Brignoli con l'ausilio del conte Prospero Grimaldi si deve la capanna dei giochi d'acqua, “povera stanza di un romito”, dentro la quale, inaspettatamente, si cela “la splendida sala dell'opulento, che ama talora ricrearsi in quel solitario recesso cogli odorosi libamenti delle fumanti americane spume”, sorta di Kaffeehaus che internamente ricorda l'architettura della villa, “ove sei allettato ad inoltrarti, ma ti si tende un agguato”, perché “un nembo di sottilissimi spruzzi d'acqua ti assale d'improvviso da cento parti”, forse per ricordare al visitatore “come nel cammino della vita siano facili ad incontrarsi non previste pene, ed occulti dolori, ove più si cercano gioie e godimenti”. Al solo Grimaldi è invece attribuita la progettazione “dell'ampia e vastissima cesta” che troviamo di fronte, che una volta ospitava fioriture stagionali. Nei pressi era altresì presente “in mezzo ad una cerchia di rose la simbolica statua di una donna coronata di fiori… regina del luogo”, opera del plastico modenese Luigi Righi. Se il progetto di costruire una cappelletta forse non fu mai attuato, venne invece realizzata la “Capanna peschereccia” al cui fianco è presente l'imbarcadero, sotto al quale, protetto da una tettoia, veniva riposto il “Bucintoro”, che nelle “sere ridenti salpò al sereno lume di estiva luna quelle acque, carico di amabili donne, e di fiorente gioventù, fra le magiche armonie del flauto e del liuto, alternate talora dalle incantevoli note di una cara voce”, momenti celebrati dalla statua marmorea di un trovatore posta lì vicino in mezzo a un tappeto di fiori, oggi andata perduta, così come il capanno della caccia, del quale restano solo poche tracce, e il labirinto, posizionato a Nord oltre il canale e al quale si accedeva mediante un ponte in ferro girevole di cui è rimasto solo il perno centrale. Infine, nel lago fu ricavata “una romita isoletta con funerario monumento, eretto ad onorare la fedeltà di povero cane… richiamando all'animo l'idea della mestizia e dell'abbandono”.

Nel giardino di villa Sorra compare quasi tutto il repertorio del giardino romantico, secondo i precetti divulgati in Italia, tra gli altri, da Ercole Silva, Luigi Mabil e propugnati dallo stesso Brignoli. Esso deve raccogliere al suo interno diverse scene naturali e architetture che hanno appunto lo scopo di suscitare nel visitatore particolari sentimenti. L'acqua ne diviene l'elemento essenziale, in forma di canali, fiumi e laghi, possibilmente navigabili e abbelliti dalla presenza di isolette. Deve altresì contenere capanne, luoghi per il riposo, ma anche rocche, badie e castelli. Le piante, infine, vanno collocate studiandone i colori, gli odori e le forme, il terreno alzato e abbassato in modo da ricreare percorsi adatti in ogni momento della giornata e nelle diverse stagioni dell'anno. Nel 1852 venne istituito un regolamento per “forestieri che potessero intervenirvi” al fine di regolare l'afflusso dei numerosi visitatori.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

La villa è stata usata come set dal regista Pier Paolo Pasolini per il suo ultimo film: Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV. Città di Castelfranco Emilia, Castelfranco Emilia, 2007
  • Di Paolo Andrea. VILLA SORRA, Storia di un luogo straordinario tra Modena e Bologna, Ed. Sigem, Modena, 2014 (ISBN 978-88-7387-043-2)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura