Villa Pisani (Lonigo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la villa di Palladio sita nella frazione di Bagnolo di Lonigo, vedi Villa Pisani (Bagnolo).
Villa Pisani
Villa Pisani "La Rocca" Lonigo by Scamozzi.jpg
Villa Pisani detta La Rocca Pisana
Ubicazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
LocalitàLonigo
Coordinate45°23′40.44″N 11°24′12.29″E / 45.394566°N 11.403414°E45.394566; 11.403414Coordinate: 45°23′40.44″N 11°24′12.29″E / 45.394566°N 11.403414°E45.394566; 11.403414
Informazioni
CondizioniIn uso
Stilepalladiano
Realizzazione
ArchitettoVincenzo Scamozzi

Villa Pisani detta La Rocca o La Rocca Pisana è una villa veneta nel comune di Lonigo in provincia di Vicenza progettata da Vincenzo Scamozzi in stile palladiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1576 Vettor Pisani, della potente famiglia veneziana dei Pisani, che già possedeva a Lonigo estese proprietà agricole, scelse una collina boscosa dominante il paese per erigervi una villa, destinata non a stabile abitazione ma per “diporto in aria più sana”, lontana dai miasmi e dalle zanzare della sottostante pianura. Autore della costruzione fu Vincenzo Scamozzi, architetto vicentino successore di Andrea Palladio.

La "Rocca Pisana", come fu chiamata, fu costruita sui resti di una più antica fortezza, detta appunto Rocca (da qui il nome), distrutta da Ezzelino da Romano.

Restaurata per volere della contessa Rosetta de Lazara Pisani negli anni cinquanta del Novecento, è stata riaperta al pubblico nel 1976. La Pro Loco di Lonigo — Prolonigo — con il benestare della proprietà, organizza visite guidate in primavera e in autunno.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'opera, di cui lo Scamozzi dà un'ampia descrizione nel suo trattato di architettura, si pone nel periodo iniziale della sua attività, ma già testimonia in pieno le sue capacità tecniche e formali, e si pone tra le più belle realizzazioni di tutta la sua produzione. Essa si erge sulla collina dominandola con l'austera purezza dei suoi volumi, realizzando una ideale composizione geometrica. La villa è visibile da grande distanza e si caratterizza per una struttura quadrata sormontata da una cupola ottagonale.

Planimetria e prospetto principale della villa, disegno di Vincenzo Scamozzi, 1697

La facciata principale ha una scala alla romana che conduce in un pronao ispirato all'architettura classica con sei colonne ioniche, serrate dal timpano dentato al cui vertice si alza la cupola. Il colonnato, di gusto classico, è iscritto tra due ali compatte segnate dal bugnato d'angolo e dalla fascia marcapiano.

Un'apertura al culmine della cupola rischiara dall'alto la sala centrale dell'edificio, sul cui pavimento, in corrispondenza dell'apertura sulla cupola, una griglia marmorea raccoglie l'acqua piovana. Attorno al salone gira il piano nobile con sale arredate con mobili d'epoca e ricordi della famiglia Pisani. Nel seminterrato la cucina, ancora funzionante. Magnifico è il panorama visibile dalla villa che, nelle giornate limpide, spazia fino agli Appennini.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile del 1992 la villa è stata teatro delle riprese della scena finale del film Quattro figli unici di Fulvio Wetzl, l'incontro dei protagonisti al centro del salone centrale, interpretati dagli attori Ivano Marescotti, Mariella Valentini, Roberto Citran, Valentina Holtkamp, Fabio Iellini. Il film è stato presentato nello stesso anno al Festival di Venezia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]