Vazia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vazia
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
ProvinciaProvincia di Rieti-Stemma.png Rieti
ComuneRieti-Stemma.png Rieti
Territorio
Coordinate42°26′06″N 12°54′39″E / 42.435°N 12.910833°E42.435; 12.910833 (Vazia)Coordinate: 42°26′06″N 12°54′39″E / 42.435°N 12.910833°E42.435; 12.910833 (Vazia)
Altitudine517 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale02100
Prefisso0746
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vazia
Vazia

Vazia è una frazione del comune di Rieti.

È sita poco prima di Lisciano lungo la cosiddetta Via Terminillese, strada voluta nel 1933 da Benito Mussolini per valorizzare il nascente polo turistico montano del Monte Terminillo pensato come complementare al nascente polo turistico marino di Ostia. Già denominato Comune di Lugnano di Villa Troiana sito in Provincia dell'Aquila, dal 1927 è stato aggregato alla nascente Provincia di Rieti e inglobato nel Comune di Rieti; quando esistevano le Circoscrizioni si trovava nell'ambito amministrativo della III Circoscrizione. Pur appartenendo al Comune di Rieti, dal 1958 i beni civici che ricadono nel perimetro della frazione sono gestiti da una amministrazione autonoma denominata Amministrazione Beni Civici di Vazia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Marco Terenzio Varrone e Dionigi di Alicarnasso sembrano essere i primi storici che hanno parlato dell'antica Vatia, città vicino Reate. Da studi archeologici sembra che il primo insediamento risalga a circa il 1200 a.C. ad opera dei Pelasgi. La città fu probabilmente abbandonata dai suoi ultimi abitanti, nel corso del VI secolo d.C., che si trasferirono sui monti fondando Lucinae Fanum, l'attuale Lugnano e più a monte l'attuale Lisciano; nel corso del Medioevo furono eretti diversi castelli di cui oggi rimangono pochi resti, a parte quello di San Galiano conservato molto bene[senza fonte]. Nel XIII secolo la zona passò sotto il Regno di Napoli, di cui era Re Carlo I d'Angiò, rientrando nel comprensorio di L'Aquila ove rimase fino al 1860. Il confine naturale tra Regno di Napoli e Stato Pontificio può essere individuato nel torrente Renaro o Ranaro, affluente di destra del fiume Velino, che nasce nel vallone di Lisciano.

Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio