Vartàn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vartàn
fumetto
Titolo orig.Vartàn
Lingua orig.italiano
PaeseItalia
AutoreFurio Viano, Paolo Ghelardini
DisegniSandro Angiolini
EditoreFurio Viano Editore
1ª edizione1969 – 1977
Albi200 (completa)
Genereerotico, western

Vartàn è un personaggio immaginario protagonista di una omonima serie italiana a fumetti di genere erotico con ambientazione western, ideato e sceneggiato da Furio Viano e disegnato da Sandro Angiolini, pubblicato tra il 1969 e il 1977 dalla Furio Viano Editore.[1] Il personaggio nasce sull'onda del successo del nascente fumetto erotico italiano e in particolare di serie come Isabella, di poco precedente, e rientra nella vastissima categoria di eroine erotiche italiane degli anni settanta come Zora la vampira, Maghella, Biancaneve, Lucifera, Jacula e Sukia.

Genesi del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Gli autori realizzano il personaggio con tratti che la fanno assomigliare alla cantante francese Sylvie Vartan dalla quale prende anche il nome.[1]

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Pur appartenendo, apparentemente al genere Western il suo argomento principale erano le avventure sessuali della sua protagonista, la giovane meticcia, Vartàn, una bellissima e formosa fanciulla figlia un bianco e di una pellerossa, bionda e con gli occhi azzurri, che combatte contro malvagi europei e bande di pellerossa rivali. Per condurre alla rovina i suoi nemici usa come arma principale il suo corpo, coperto solo da un vestito indiano che la copre a malapena. Sposata con Rik Winson, che però la tradisce, è innamorata di Kid West, un militare del corpo delle giubbe rosse, ma ha anche vari partner sessuali occasionali, sia maschili che femminili. Vartàn viene spesso catturata e torturata sadicamente, mettendo così spesso in mostra il corpo completamente nudo della protagonista. I bianchi vengono mostrati come spietati e senza scrupoli, mentre i pellerossa come buoni e indifesi, tuttavia non vi è una vera esaltazione degli indiani, che risultano inevitabilmente in posizione di inferiorità[2].

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

La serie venne pubblicata dal 1969 al 1977 per 200 numeri dalla casa editrice Furio Viano Editore con testi realizzati da Furio Viano e Paolo Ghelardini e disegnata da Sandro Angiolini.[1][3] Nel 1980 verrà ristampata per pochi numeri dalla Edifumetto.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Vartàn, su guidafumettoitaliano.com.
  2. ^ Federico Mataloni, ISA_Isabella, su www.fuorileidee.com. URL consultato il 1° agosto 2017.
  3. ^ FFF - Sandro ANGIOLINI, su www.lfb.it. URL consultato il 1° agosto 2017.
  4. ^ Nuova Serie Vartan, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 1° agosto 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]