Utente:Neckbone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Uomo
Immagine di Neckbone mancante
Stato di conservazione
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Catarrhini
Superfamiglia Hominoidea
Famiglia Hominidae
Sottofamiglia Homininae
Tribù Hominini
Sottotribù Hominina
Genere Homo
Specie H. sapiens
Sottospecie H. s. sapiens
Nomenclatura trinomiale
Homo sapiens sapiens
Linneo, 1758
Areale

Cosmopolita


«La conosci la storia del cosmonauta russo?»

«Allora, il cosmonauta. E' stato il primo uomo ad andare nello spazio. Giusto? I russi hanno battuto gli americani. Quindi partì su questa grande nave spaziale, ma l'unico spazio abitabile era davvero piccolo. E il cosmonauta era lì dentro, e aveva questo piccolo oblò, e guardando fuori vide le curvature della Terra per la prima volta. Il primo uomo ad aver visto il pianeta da cui proviene. E si perde, in quell'istante. E poi all'improvviso, questo strano ticchettio... Iniziò ad uscire dalla console. Tirò via il pannello di controllo, prese i suoi attrezzi. Cercando di trovare il rumore, fermare il rumore. Ma non riusciva a trovarlo, non riusciva a fermarlo, continuava ad andare avanti. Poche ore così, ed iniziò a sentirsi come torturato. Pochi giorni passati con quel suono, e lui sapeva che, quel piccolo rumore, l'avrebbe distrutto. Avrebbe perso la testa. Cosa doveva fare? Era lì nello spazio, da solo, in una piccola cabina. E gli restavano altri 25 giorni prima di poter tornare. Lì, con quel suono. Allora, il cosmonauta decise. L'unico modo per non impazzire era di innamorarsi di quel suono. Così chiuse gli occhi, attinse alla propria immaginazione, ed inizio' a fantasticare. Cosi' non sentì più il ticchettio, ma solo musica. E passò il tempo che gli restava navigando nello spazio in totale beatitudine e pace.»

(Another Earth)