Unione Popolare Tedesca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Unione Popolare Tedesca
(DE) Deutsche Volksunion (DVU)
DVUpartei.svg
LeaderMatthias Faust
StatoGermania Germania
SedeMonaco di Baviera
Fondazione1971
Dissoluzione2011
IdeologiaNazionalismo,
Conservatorismo sociale,
Populismo di destra,[1]
Pangermanismo,
Terza via
CollocazioneEstrema destra
CoalizioneNPD
Iscritti3.000 (2010)
Sito web

L'Unione Popolare Tedesca (in tedesco Deutsche Volksunion, DVU) era un partito politico tedesco di estrema destra.

Venne fondata nel 1971 da Gerhard Frey, che ne fu a capo fino al 2009, anno in cui lasciò il ruolo di leader del partito a Matthias Faust.

Dal 1987 riuscì ad avere la maggioranza otto volte nei parlamenti regionali (i cosiddetti Landtag) e nel 1998, nelle elezioni della Sassonia-Anhalt, ebbe il maggior numero di voti in assoluto (12,9%) ricevuti per un partito di estrema destra in Germania. Nel 2011, in base al Deutschlandpakt, la DVU è confluita nel Partito Nazionaldemocratico di Germania (NPD).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Populist Radical Right Parties - Appendix A in Schori Liang, pp. 295 e seguenti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN139689175 · GND (DE3008533-0
Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica