Unicredit Pavilion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Unicredit Pavilion
Unicredit Pavillion.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
LocalitàMilano
Indirizzopiazza Gae Aulenti
Coordinate45°29′00.1″N 9°11′29.04″E / 45.48336°N 9.1914°E45.48336; 9.1914Coordinate: 45°29′00.1″N 9°11′29.04″E / 45.48336°N 9.1914°E45.48336; 9.1914
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione2014-2015
Inaugurazione20 luglio 2015
Realizzazione
ArchitettoMichele De Lucchi
ProprietarioCoima Res

L'Unicredit Pavilion è un padiglione polifunzionale situato nel quartiere Garibaldi-Porta Nuova a piazza Gae Aulenti a Milano.[1] Dal gennaio 2019 è diventato IBM Studios.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio è stato scelto per sostituire la parte ovest del soppresso Spazio Espositivo Grimshaw (il cosiddetto Armadillo); si tratta di uno spazio polifunzionale di proprietà della Unicredit. Concepito come un ideale seme posto al confine tra piazza Gae Aulenti e i Giardini di Porta Nuova è composto da un nucleo in cemento armato e uno scheletro di legno con nessuna colonna all'interno. La sua funzione è prevalentemente quella di luogo per conferenze, congressi, concerti, esposizioni, performance e seminari. La superficie dell'edificio misura circa 3 500 m² e l'altezza massima è di 22 metri.[2]

Vista laterale della struttura

Nata dal disegno dell'architetto Michele De Lucchi e costruita dalla Italiana Costruzioni, per la sua realizzazione ci sono voluti un anno, un mese e 10 giorni con costo di circa 22-23 milioni di euro; inaugurazione è avvenuta il 20 luglio 2015.[3] Esso si compone di un edificio dalla pianta con tre piani: al primo un auditorium, al secondo un asilo nido e al terzo uno spazio per meeting e eventi. Ciò che caratterizza l'edificio è la presenza di due maxischermi ai lati opposti dell'edificio che si aprono "ad ala" verso l'esterno lunghi 12 metri, che sono rivolti rispettivamente verso piazza Gae Aulenti e verso il parco limitrofo.[4]

Nel maggio 2018 l'edificio è stato acquistato per 45 milioni di euro (di cui 15 milioni versati subito in fase di accettazione della proposta di acquisto e i restanti 30 milioni con mutuo concesso dalla stessa UniCredit) dalla Coima Res, la società di Manfredi Catella[5], che lo ha poi affittato ad IBM.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ViviMilano, Lo sguardo di... All'UniCredit Pavilion | ViviMilano, in ViviMilano. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  2. ^ UniCredit Pavilion a Milano: progetto, cantiere e funzioni ad alto tasso d'innovazione - Il Nuovo Cantiere, su www.ilnuovocantiere.it. URL consultato il 21 ottobre 2017.
  3. ^ (EN) UniCredit Pavilion | Un seme pronto a radicare e germogliare, in www.unicreditpavilion.it, 23 novembre 2016. URL consultato il 21 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2015).
  4. ^ Milano, nasce l'Unicredit Pavilion: auditorium, nido e due ali con i maxischermi - Milano - Repubblica.it, in Milano - La Repubblica, 20 luglio 2015. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  5. ^ Coima Res compra il Pavilion di Milano da Unicredit per 45 milioni, in Sole 24 Ore, 20 luglio 2015. URL consultato l'8 giugno 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]