Tunnel di Lærdal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tunnel di Lærdal
Lærdalstunnelen
Laerdalstunnel cave.jpg
Tunnel di Lærdal
Nome ufficiale Lærdalstunnelen
Stato Norvegia Norvegia
Localizzazione Sogn og Fjordane våpen.svg Sogn og Fjordane
Coordinate 61°03′51″N 7°30′09″E / 61.064167°N 7.5025°E61.064167; 7.5025Coordinate: 61°03′51″N 7°30′09″E / 61.064167°N 7.5025°E61.064167; 7.5025
Linea Oslo-Bergen
Arteria E16
Portali Lærdal komm.svg Lærdal -
Aurland komm.svg Aurland
Lunghezza 24,509 km
Numero di canne 1
Numero di corsie 1 per senso di marcia
Inizio dei lavori 15 marzo 1995
Apertura 27 novembre 2000
Pedaggio No
 
Portale sud a Aurland.

Il tunnel di Lærdal (Lærdalstunnelen in norvegese) è un traforo stradale situato nella parte occidentale della Norvegia, e con i suoi 24,51 km di lunghezza rappresenta la galleria stradale più lunga del mondo. Questo record è stato detenuto in precedenza dalla galleria stradale del San Gottardo per 20 anni.

La galleria si trova sulla tratta Oslo-Bergen della Strada europea E16 e collega i villaggi di Aurland e Lærdal, nella contea di Sogn og Fjordane. È ubicato in una zona rurale con bassa densità di popolazione. I lavori di costruzione ebbero inizio il 15 marzo 1995. L'ultimo diaframma è caduto il 3 settembre 1999 e il traforo è stato aperto al traffico il 27 novembre 2000 da parte del Re Harald V. È una galleria ad una canna con traffico bidirezionale.

Il tunnel permette, a differenza del percorso attraverso le montagne, il collegamento tra Oslo e Bergen anche durante il periodo invernale. In precedenza l'alternativa era costituita da un traghetto attraverso il Sognefjord. Per il transito nel traforo non è richiesto il pagamento di un pedaggio, conformemente alla politica regionale norvegese che intende promuovere le regioni periferiche.

Particolarità di quest'opera sono un'illuminazione di tipo innovativo e il tracciato con leggere curve, che prevengono la stanchezza degli automobilisti e contribuiscono ad aumentare la sicurezza stradale. Inoltre, sempre allo stesso scopo, la galleria è suddivisa in quattro tratte separate da tre grandi caverne nella montagna, che interrompono la monotonia e permettono agli automobilisti di effettuare una sosta. Il traffico è nettamente inferiore a quello di altri tunnel simili come il traforo del San Gottardo, il traforo del Monte Bianco e il traforo stradale del Frejus.

Il Tunnel non dispone di uscite di sicurezza. In caso di incidente o incendio, le precauzioni di sicurezza sono molte, ci sono telefoni di emergenza denominati "SOS"ogni 250 metri che possono contattare la poliziaVigili del Fuoco e gli ospedali. Gli estintori sono stati posti ogni 125 metri. Oltre a tre grandi cavernenicchie di emergenza sono state costruite ogni 500 metri, ci sono molte telecamere e il conteggio di tutti i veicoli che entrano ed escono dal tunnel presso i centri di sicurezza di Lærdal e Bergen.

Il Tunnel di Lærdal è il primo al mondo ad essere dotato di un impianto di trattamento dell'aria. L'impianto rimuove le polveri e il biossido di azoto. Due grandi ventilatori aspirano l'aria attraverso l'impianto di trattamento, in cui vengono rimossi polvere e fuliggine da un filtro elettrostatico, quindi l'aria è convogliata attraverso un filtro a carboni attivi che rimuove il biossido di azoto

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti