Tullio De Rubeis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tullio De Rubeis
Tullio De Rubeis.jpg

Sindaco dell'Aquila
Durata mandato 7 ottobre 1966 –
14 gennaio 1970
Predecessore Umberto Albano
Successore Giovanni De Santis

Durata mandato 21 ottobre 1970 –
9 settembre 1975
Predecessore Luigi Iorio (facente funzioni)
Successore Ubaldo Lopardi

Durata mandato 27 agosto 1980 –
12 ottobre 1985
Predecessore Ubaldo Lopardi
Successore Romeo Ricciuti

Dati generali
Partito politico PNF (fino al 1943)
DC (1943-1988)
Titolo di studio Laurea in economia e commercio

Tullio De Rubeis (Tussio, 17 aprile 1908L'Aquila, 7 agosto 1988) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Tussio, frazione di Prata d'Ansidonia, nel 1908, conseguì la laurea in economia e commercio. Avvicinatosi alla politica, si iscrisse al Partito Nazionale Fascista, diventando segretario di sezione e poi vice-segretario federale. Dopo la seconda guerra mondiale aderì alla Democrazia Cristiana e diventò sindaco del proprio comune di nascita.

Nel 1966 fu eletto sindaco dell'Aquila dal Consiglio comunale del capoluogo regionale abruzzese, carica che mantenne fino al 1975, come una breve interruzione nel 1970. Ricoprì nuovamente l'incarico dal 1980 al 1985. Durante il proprio mandato fu promotore, tra le altre cose, dell'ampliamento dell'autostrada A24, della nascita dell'Università degli Studi dell'Aquila e della stesura di un nuovo piano regolatore cittadino.[1] Portò inoltre avanti il rilancio della Perdonanza Celestiniana, che nel 1983 vide la sua prima celebrazione di carattere moderno, con eventi civili affiancati alla cerimonia religiosa.[2] Si spese inoltre per l'apertura all'Aquila della Scuola ispettori e sovrintendenti della Guardia di Finanza, inaugurata nel 1992.[3] Era infine in carica quando avvennero i moti dell'Aquila del 1971, che portarono alla sua auto sospensione dalla carica, di concerto con il presidente della provincia Francesco Gaudieri, per qualche giorno nel febbraio di quell'anno.

Morì d'infarto all'Aquila nel 1988.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ “In memoria di Tullio De Rubeis”: il ricordo della città, in L'Editoriale, 8 agosto 2008.
  2. ^ Il Capoluogo, L'Aquila sulla via della Perdonanza, su docs.google.com. URL consultato il 19 agosto 2011.
  3. ^ Goffredo Palmerini, Come nacque all'Aquila la cittadella della Guardia di Finanza, in L'Editoriale, 28 aprile 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Errico Centofanti, Gian Paolo De Rubeis, In memoria di Tullio De Rubeis, L'Aquila, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sindaco dell'Aquila Successore Coat of Arms of L'Aquila, Italy.svg
Umberto Albano 7 ottobre 1966 - 14 gennaio 1970 Giovanni De Santis I
Luigi Iorio (facente funzioni) 21 ottobre 1970 - 9 settembre 1975 Ubaldo Lopardi II
Ubaldo Lopardi 27 agosto 1980 - 12 ottobre 1985 Romeo Ricciuti III