Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Tsunayoshi Sawada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tsunayoshi "Tsuna" Sawada
Tsuna.png
UniversoTutor Hitman Reborn!
Lingua orig.Giapponese
AutoreAkira Amano
EditoreShūeisha
1ª app. inWeekly Shōnen Jump
  • Manga: Capitolo 1
  • Anime: Episodio 1
Editore it.Planeta DeAgostini
app. it.novembre 2007 – in corso
Voce orig.
  • Yukari Kokubun (Presente)
  • Daisuke Namikawa (Futuro)
  • Voce italianaStefano Pozzi
    SessoMaschio
    Data di nascita14 ottobre
    Abilità
    • Fiamma Dell'Ultimo Desiderio dell'elemento Cielo
    • Vongola Ring del cielo

    Tsunayoshi Sawada (沢田 纲吉 Sawada Tsunayoshi?), comunemente soprannominato " Tsuna " (ツナ?), è un personaggio immaginario nella serie di Anime e manga Tutor Hitman Reborn! creato da Akira Amano.. È l'unico figlio di Iemitsu Sawada e Nana Sawada, e un discendente di Giotto il Primo Boss della Famiglia Vongola. Si sta addestrando per prendere le redini della decima generazione sotto la tutela di Reborn.

    Come protagonista principale, Tsuna appare in tutti i videogiochi della serie, così come ha un posto speciale in entrambi i giochi di compilazione della Shōnen Jump: Jump Super Stars, Jump Ultimate Stars e J-Stars Victory vs. Appare anche nei romanzi di Light Hidden Bullet, anche se in un ruolo minore. L'8 luglio 2008, Pony Canyon ha pubblicato un CD contenente i media di entrambi i doppiatori di Reborn.

    Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

    Nella storia, Tsuna è uno dei tanti discendenti della famiglia Vongola, famiglia mafiosa del Sud Italia. Egli è colui che deve essere il decimo boss del clan. Per aiutare Tsuna a diventare un grande boss, l'assassino Reborn diventa il suo tutore e comincia ad allenarlo a casa sua per diventare un grande boss. Con l'aiuto di Reborn, Tsuna inizia affrontando le sue paure e fa amicizia con molte persone, alcuni di essi sono divenuti suoi subordinati all'interno della Famiglia Vongola. Tuttavia, a causa della posizione elevata di Tsuna nella mafia, varie altre famiglie iniziano a lavorare per uccidere Tsuna ed i suoi amici, ma con l'aiuto di Reborn e dei suoi duri allenamenti Tsuna e i suoi amici si sapranno difendere bene e sconfiggeranno molti nemici.

    Tsuna è molto popolare tra i lettori del manga, è apparso più volte nella top 5 dei personaggi più popolari della serie e ha raggiunto il primo posto un paio di volte. Egli è stato anche raffigurato in ogni merce della serie, come figurine e peluche. Molti media hanno commentato il carattere di Tsuna, aggiungendo lodi e critiche. Anche se nella storia Tsuna è stato inizialmente preso in considerazione come un ragazzo molto semplice, debole e piagnucolone, molti critici hanno scritto nelle pagine web molti apprezzamenti soprattutto per la crescita di questo personaggio.

    Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

    Tsuna è un ragazzo piccolo e snello con i capelli castani e gli occhi marroni. Egli eredita molti tratti da Giotto e sua madre, Nana Sawada. L'outfit in cui è visto più spesso nella serie è la sua uniforme della scuola media Namimori. Indossa un gilet di maglia blu, una camicia bianca, cravatta blu e pantaloni neri. In precedenza indossava una camicia bianca a maniche corte con una cravatta rossa come uniforme all'inizio della serie, che in seguito è stata sostituita da un blazer giallo con un logo a forma di "N" sul lato sinistro e una cravatta blu. Quando Tsuna non indossa la sua uniforme scolastica, ha dimostrato di avere un debole per le felpe con cappuccio e ne indossa diverse durante il corso della serie. Durante l'Arco del futuro, il suo vestito più ricorrente è una felpa bianca con maniche lunghe arancioni e pantaloni verde acqua. Durante lo Choice, l'abito di Tsuna è un completo interamente nero, con una camicia bianca a maniche lunghe e una cravatta nera. Molti degli abiti che indossa hanno il numero 27 da qualche parte sui suoi vestiti, facendo riferimento al suo nome: "Tsu", che in inglese significa due, e "na", sette in giapponese. Indossa spesso sneakers bianche e arancioni.

    Personalità[modifica | modifica wikitesto]

    Tsuna è un normale studente della scuola media Namimori, più conosciuto come "ImbranaTsuna" a causa dei voti mediocri, la sfortuna e le incapacità fisiche, cose che Tsuna ammette liberamente. Spesso auto-dubita di se stesso e abbandona facilmente ogni cosa non ritenga alla sua portata, saltando spesso le lezioni, anche se diventa più sicuro di sé nel corso della serie.

    È generalmente raffigurato comicamente inorridito dalle azioni oltraggiose di coloro che lo circondano, e in genere lo fa diventare quasi isterico, specialmente i folli metodi di allenamento di Reborn. La sua mancanza di fiducia e la tremenda mancanza di fortuna generalmente contrastano in modo umoristico con le posizioni di leadership e la pressione esterna che Reborn gli fa continuamente pedare. Nonostante il suo titolo, sembra un individuo serio con un grande potenziale; sfortunatamente, Reborn scopre che spesso l'unico modo per costringere Tsuna a realizzare questo potenziale è metterlo in situazioni critiche che spesso coinvolgono terzi.

    Rispetto a molti dei suoi amici, Tsuna è più con i piedi per terra dal momento che è ancora relativamente nuovo al mondo della mafia e al soprannaturale. In molte occasioni, specialmente nelle faccende di Reborn, Tsuna è in grado di indicare tutte le strane cose che accadono prima che gli altri se ne accorgano.

    Sebbene sia stato deciso che coprirà il ruolo di Decimo Boss, Tsuna è generalmente riluttante a prendere parte a tutto ciò che riguarda la mafia. Egli nega sempre di essere il leader della famiglia e cerca di evitare chiunque e qualsiasi cosa coinvolto in quel losco mondo, aggrappandosi a qualsiasi elemento di ordinaria vita quotidiana concessagli, anche affermando che i suoi guardiani e subordinati sono solo amici. In seguito afferma che preferirebbe distruggere la Famiglia Vongola pur di non dover perseguire i suoi ideali di morte e corruzione. Nonostante tutto è grato a Reborn per avergli fatto incontrare i suoi amici. Si preoccupa molto della sua Famiglia e mette in pericolo la sua stessa vita pur di proteggerne i componenti.

    La personalità di Tsuna si è sviluppata molto dall'inizio del manga: dall'essere un individuo vile e inutile che si arrende facilmente, acquista una grande determinazione e fa di tutto per proteggere i propri compagni. Più tardi, viene visto a suo agio in qualità di leader e prende le decisioni più importanti senza esitare.

    Si dice che la Tsuna del futuro sia deceduto, essendo stata ucciso dai Millefiore. In seguito è stato rivelato che il proiettile usato per sparargli era solo un altro proiettile speciale (simile a quello dell'Ultimo Desiderio) che ha sostituito il normale proiettile nella pistola grazie a Shoichi Irie. Presumibilmente, il futuro Tsuna a preso seriamente il ruolo di Decimo Boss Vongola e si è dimostrato molto più fiducioso, affidando il compito di sconfiggere Byakuran al sé del passato.

    Ci sono state molte somiglianze tra Tsuna e il fondatore della Famiglia Vongola, Giotto, tra cui l'aspetto fisico, le tecniche di combattimento e le armi utilizzate. È probabile che entrambe le loro personalità siano molto simili, poiché è stato dimostrato che hanno obiettivi e modalità di standard simili; per esempio, nessuno dei due ha avuto problemi nel nominare Guardiani persone al di fuori della Famiglia o nell'accettare i nemici passati nella loro schiera. Entrambi sono anche indulgenti e non eccessivamente gentili, come dimostrato in numerose occasioni; nonostante sostenga che non perdonerà mai i suoi nemici, Tsuna finirebbe per simpatizzare e alla fine perdonarli, quasi immediatamente considerandoli suoi alleati.

    Panoramica della trama[modifica | modifica wikitesto]

    Un giorno, un bambino sicario di nome Reborn arriva in Giappone dall'Italia per addestrare Tsuna a divenire Decimo Boss dei Vongola. Tsuna è stato scelto perché era il pronipote del Primo Boss dei Vongola, trasferitosi in Giappone anni addietro. Quando si imbatte nella ragazza di cui ha una cotta, Kyoko, Reborn nota immediatamente che Tsuna prova qualcosa per lei e gli chiede se le abbia mai confessato i suoi sentimenti: lui confessa che lei è la studentessa più popolare a scuola e non avrebbe mai preso in considerazione un perdente come lui. Reborn, quindi, spara a Tsuna con un Proiettile dell'Ultimo Desiderio, che lo manda in modalità Volontà di Morire, dove è costretto a confessare il suo amore per Kyoko, che si spaventa e scappa. Quando arriva a scuola, il giorno dopo, Tsuna viene preso in giro da tutti i suoi compagni di classe per la figuraccia fatta con Kyooko e viene fermato da Kensuke Mochida che, disgustato dal suo comportamento nei confronti di Kyoko, lo sfida ad un mach di Kendo. Tsuna decide di fuggire ma viene fermato dal bambino che gli spara ancora una volta, costringendolo a combattere contro Mochida: lui rompe la spada del ragazzo, lo colpisce con una testata e gli strappa tutti i capelli, rendendolo il vincitore della partita. Kyoko è stupita dalla forza Tsuna, rivelando di aver creduto che la sua confessione fosse solo uno scherzo, e chiedendo che i due diventassero amici.

    Dopo qualche tempo, a scuola arriva un nuovo studente dall'Italia: Hayato Gokudera. Egli è pienamente consapevole dello status di Tsuna come decimo Boss dei Vongola ed ha un comportamento ostile nei suoi confronti, rifiutandosi di accettare che Tsuna diventi Decimo. In accordo con Reborn, che gli ha promesso la carica di Boss se fosse riuscito ad uccidere il ragazzo, combatte contro di lui ma fallisce quando perde il controllo delle sue stesse armi: candelotti di dinamite che minacciano di farlo esplodere. Tsuna entra in modalità Volontà di Morire salvando la vita di Gokudera, innescando in lui una totale devozione per Tsuna che giura di seguirlo e diventare il suo braccio destro. Lui cerca di convincerlo ad essere semplicemente suo amico con scarso successo ma, avendo troppa paura del ragazzo, rinuncia ad insistere.

    Mentre gioca a baseball con i suoi compagni di classe, Takeshi Yamamoto sceglie Tsuna come compagno di squadra difendendolo da coloro che lo sminuivano, anche se finirà lo stesso per far perdere la squadra ed è costretto a ripulire il campo. Yamamoto decide di aiutarlo e gli spiega che in quel periodo la sua prestanza in campo sta peggiorando e cerca un modo per migliorare, Tsuna gli consiglia di dare il meglio di sé e continuare ad allenarsi ricevendo puro entusiasmo dal ragazzo. Quando Tsuna arriva a scuola, il giorno successivo, viene informato che Yamamoto sta tentando il suicidio dopo essersi rotto un braccio durante l'allenamento. Il ragazzo si sente subito in colpa e viene quasi costretto da Reborn a dirigersi sul tetto, da dove il ragazzo minaccia di buttarsi, per rimediare al danno. Yamamoto confessa che, oltre al baseball, non ha nient'altro e se gli viene tolto anche quello per lui non vale più la pena vivere, e si arrabbia con Tsuna dandogli dell'arrogante quando afferma che loro due sono troppo diversi solo perché lui ha scelto di mettere fine alla propria vita al primo fallimento mentre Tsuna si crede chissà chi solo per aver vinto contro Mochida e nel torneo di pallavolo. Il ragazzo nega tutto e ammette di avergli dato un consiglio che lui stesso non aveva mai messo in pratica poiché non si era mai impegnato sul serio in nulla, specificando che il motivo per cui erano diversi era che Yamamoto aveva trovato un motivo per vivere ed uno per morire che per lui erano importanti, cosa che Tsuna non aveva mai fatto accettando semplicemente di vivere quella vita da nullafacente senza darsi alcuno scopo. Quando la ringhiera si rompe e i due ragazzi cadono dal tetto, Tsuna viene sparato da Reborn e riesce a salvare sé stesso e Yamamoto grazie ad un proiettile aggiuntivo. Yamamoto, capendo ciò che stava per fare e colpito dalle parole di Tsuna, si rasserena e decide di diventare suo amico.

    Tsuna ha anche iniziato a legare con Kyoko, e conquista una ragazza di nome Haru Miura che sviluppa una cotta ossessiva per lui dopo che la salva dall'annegamento nel fiume. Incontra anche Dino Cavallone, Decimo Boss della Famiglia alleata ai Vongola; Bianchi Gokudera, sorella di Hayato; Lambo, bambino di cinque anni della Famiglia Bovino che intende uccidere Reborn, e I-Pin, assassina della stessa età di Lambo che tenta di uccidere Tsuna scambiandolo per il suo vero obbiettivo.

    Gli studenti della scuola di Tsuna vengono attaccati da un gruppo di evasi dalla prigione di massima sicurezza dei Vindice, dove vengono rinchiusi coloro che commettono crimini contro la mafia. Il Nono Boss della Famiglia, Timoteo, assegna a Tsuna il compito di trovarli e sconfiggerli, che il ragazzo tenta di rifiutare con ogni mezzo. Quando scopre che la gang ha attaccato gli studenti in base ad un classifica fatta da Fuuta sulle persone più forti della scuola, si rende conto che Gokudera è il loro prossimo obiettivo e si dirige a scuola per avvertirlo, solo per incontrarlo a metà strada impegnato in uno scontro con uno degli evasi: Kakimoto Chikusa. Chikusa, capendo che Tsuna era il Boss dei Vongola, lo attacca; tuttavia, Gokudera gli fa da scudo subendo gravi danni. Al secondo tentativo di Chikusa di attaccare Tsuna, Yamamoto interviene per salvarlo e costringe il ragazzo a ritirarsi. Dopo aver portato Gokudera all'ospedale della scuola, Tsuna si sente in colpa per l'accaduto. Reborn gli fornisce quindi informazioni sul gruppo che si fa chiamare Kokuyo Gang, una banda di ex mafiosi esiliata dalla mala e fuggita di prigione, e lo sprona a partire alla sua ricerca se non vuole essere etichettato come traditore della Famiglia ed ucciso per aver ignorato gli ordini del Nono. Tsuna accetta solo per riportare indietro Fuuta rapito da Rokudo Mukuro, il capo della banda.

    Tsuna parte con Gokudera (curato in extremis dalle zanzare tridente di Shamal), Reborn, Yamamoto e Bianchi nel nascondiglio della banda. Dopo aver sconfitto Ken, M.M e Birds, Fuuta si rivela e dichiara che ha deciso di seguire Mukuro, facendo sì che Tsuna lo segua nei boschi per convincerlo a tornare indietro. Lí incontra lo stesso Mukuro, che si finge uno degli ostaggi. All'inizio Tsuna non si mostra particolarmente interessato a lui, fino a quando Mukuro non chiede di Reborn, spingendo il ragazzo a tornare dai suoi amici solo per trovare Lancia, che tutti pensavano fosse il vero Mukuro, attaccare e vincere gli altri ragazzi. Tsuna entra in modalità Volontà di Morire, protegge Bianchi da un attacco fatale e riesce a sconfiggerlo dopo una dura lotta; tuttavia, dopo il combattimento, afferma che non sente tracce di malvagità dentro di lui, sorprendendo lo stesso Lancia che confessa a Tsuna di non essere Mukuro ma che lui ha posseduto il suo corpo costringendolo ad sterminare la sua famiglia e compiere atti orrendi. Ma prima che possa dire altro, Chikusa lo avvelena facendo nascere in Tsuna un odio profondo per Mukuro.

    Entrano quindi nell'edificio principale ed incontrano Chikusa, con cui Gokudera ingaggia battaglia per permettere a Tsuna e compagnia di raggiungere Mukuro. Viene dopo raggiunto da Ken e i due lo mettono in grave difficoltà, fino a quando Gokudera non sente cantare l'inno della Namimori da uno degli uccellini di Birds; capendo chi poteva essere stato ad insegnarglielo, fa esplodere una delle pareti liberando Hibari che, dopo essere stato sconfitto da Mukuro, era stato rinchiuso. Hibari prende in mano le redini della battaglia e sconfigge Ken e Chikusa. Nel frattempo Tsuna, Bianchi e Reborn raggiungono la stanza principale dove incontrano Fuuta che, sotto il controllo di Mukuro, attacca e ferisce Bianchi. Tsuna spezza il controllo di Mukuro, facendo svenire il bambino, quindi lui li attacca mostrando un'incredibile forza. Gokudera irrompe con Hibari che ingaggia battaglia con Mukuro, sconfiggendolo apparentemente. Il ragazzo si spara, simulando un suicidio, ma che si rivelerà essere un proiettile simile a quello dell'Ultimo Desiderio chiamato Proiettile della Possessione e sviluppato dalla Famiglia Estraneo, dalla quale Mukuro, Ken e Chikusa sono scappati dopo averla sterminata. Bianchi si sveglia posseduta dal ragazzo e attacca sia Gokudera che Reborn. Mukuro prende possesso anche dei corpi di Gokudera, Chikusa e Ken dopo averli feriti col proprio tridente, dovendo rinunciare a possedere Hibari poiché il suo corpo è troppo danneggiato.

    Tsuna si rende conto che Mukuro sta spingendo i corpi ai loro limiti ma lui non se ne preoccupa, considerandoli alla stregua di giocattoli, e lo implora di fermarsi. Mukuro rivela che il suo vero obbiettivo è prendere possesso del corpo di Tsuna, controllare i Vongola, distruggere la mafia e iniziare una guerra per far sprofondare il mondo nel caos. Tsuna, disperato, chiede aiuto a Reborn che lo sprona fare ciò che si sentiva veramente. Tsuna afferma di voler battere Mukuro, causando una metamorfosi in Leon che crea il Proiettile Rebuke (o Proiettile della Ramanzina) e gli X-Gloves. Dopo essere stato colpito dal proiettile, entra in Hyper Mode e i suoi X-Gloves assumono la modalità di combattimento, permettendogli di assumere nuove capacità e sconfiggere Mukuro. Ascolta, quimdi, la storia di Mukuro da Ken e Chikusa: loro tre, sottoposti ad atroci esperimenti, sono stati salvati quando Mukuro decide di ribellarsi e decimare la Famiglia Estraneo, spiegando il suo odio per la mafia; Tsuna prova dispiacere per loro ma in quell'istante irrompono i Vindice, che li catturano riportandoli in prigione. Dopo l'arrivo della squadra medica dei Vongola, Tsuna crolla per il dolore e la fatica causatagli dal Proiettile.

    Un mese dopo questi eventi i ragazzi, completamente ristabiliti, riprendono la loro normale routine quotidiana ma la presenza di Mukuro durante la partita di baseball della scuola, anche se in possesso di un altro corpo, lascia intendere che avranno ancora a che fare con lui in futuro.


    Durante una mattinata di svago in giro con i compagni, Tsuna incontra Basil, un agente del CEDEF, mentre viene attaccato da un losco spadaccino con i capelli lunghi. Il losco figuro si rivela essere Superbi Squalo un membro dei Varia, Squadra Assassina d'Élite alle dipendenze dei Vongola, il cui Boss, Xanxus, vuole assumere il ruolo di Decimo Vongola rivendicando il suo diritto come figlio del Nono. Gokudera e Yamamoto tentano di intervenire ma vengono facilmente sconfitti da Squalo che attacca Tsuna e gli ruba il cofanetto contenente i Sette Half Vongola Rings, metà degli anelli destinati al Boss e i suoi sei guardiani. Basil viene portato in ospedale, dove Dino informa che gli Anelli in possesso di Basil erano falsi e che quelli veri li aveva lui. Reborn afferma che non ci sarebbe voluto molto prima che i Varia capissero il trucco e tornassero a prendere quelli veri; Tsuna se ne tira subito fuori e corre a casa, dove ad aspettarlo trova nientemeno che suo padre, Iemitsu, tornato a casa dopo due anni di assenza per lavoro. Non avendo molta stima del padre, ritenendolo un buono a nulla, Tsuna evita ogni contatto con lui, ma la situazione si complica quando quattro Anelli entrano in possesso di Tsuna, Gokudera, Yamamoto e Ryohei (il fratello di Kyoko e appassionato di Box con cui Tsuna ha stretto amicizia): i due ragazzi decidono di allenarsi per poter sconfiggere Squalo, e Ryohei accetta di farsi allenare da Colonnello, un Arcobaleno chiamato da Reborn; Tsuna è costretto dal bambino a sottoporsi ad un addestramento, venendo informato da quest'ultimo che i sette anelli sono stati distribuiti a delle persone che diverranno ufficialmente i Guardiani di Decima Generazione, però la loro identità resta nascosta fino all'inizio delle battaglie. Dopo una settimana dall'inizio degli allemamenti, i Varia arrivano in Giappone e attaccano Fuuta, I-Pin e Lambo poiché quest'ultimo possiede l'Anello del Fulmine. Iemitsu rivela a Tsuna di essere il Consigliere Esterno dei Vongola nonché capo del CEDEF e maestro di Basil, anche se Nana non ne è a conoscenza, lasciando il ragazzo a dir poco sconvolto. Tsuna si dirige poi con Reborn sul luogo dello scontro, mostrando apertamente il suo disappunto per aver coinvolto il bambino in quella storia. Sul posto sono già intervenuti Ryohei, Gokudera e Yamamoto e, all'arrivo di Tsuna, si palesano gli ufficiali dei Varia al completo.

    Xanxus prova ad attaccarli ma viene fermato da Iemitsu, che informa il gruppo della decisione del Nono di indire una battaglia per il possesso degli Anelli: i due combattenti che hanno la metà dello stesso Anello si sarebbero sfidati in uno sconto nel quale ne sarebbe uscito vincitore solo chi avesse sconfitto l'avversario e avesse rimesso insieme l'Anello completo. A Tsuna tocca nientemeno che affrontare Xanxus e Reborn, sapendo quanto il ragazzo fosse pericoloso, decide di insegnare a Tsuna la tecnica di Vongola Primo: lo Sfondamento del Punto Zero (o Zero Point Breakthrough).

    Durante la battaglia per l'Anello del Fulmine tra Lambo e Levi A. Than, Tsuna interviene per salvare Lambo ed è costretto a rinunciare all'Anello del Cielo. Dopo la Battaglia della Nuvola, Xanxus manda in corto circuito il Gola Mosca e Tsuna è costretto a distruggerlo; tuttavia, al suo interno vi era il Nono, catturato e rinchiuso dallo stesso Xanxus che lo accusa di aver tentato di assassinarlo e lo sfida in una battaglia per vendicarlo. Tsuna, adirato, promette che non gli permetterà di diventare Boss dei Vongola. Durante la Battaglia del Cielo, Xanxus riusce ad acquisire tutti e sette i Vongola Rings, ma viene respinto dagli Anelli non possedendo il sangue dei Vongola. Xanxus rivela quindi di essere solo il figlio adottivo di Timoteo. Ciò porta Tsuna a vincere la battaglia ed aggiudicarsi gli Anelli, nonché il pieno diritto di essere il successore del Nono.

    La battaglia contro i Varia si è appena conclusa, Tsuna e i suoi amici decidono di festeggiare la vittoria al ristorante di Sushi del padre di Yamamoto, ma Tsuna si defila dalla festa per raggiungere Lancia e Basil, in procinto di tornare in Italia, dove Lancia gli regala un anello appartenuto alla sua famiglia e Basil un barattolo di Pillole dell'Ultimo Desiderio. L'addio viene interrotto da Lambo, che crede che le pillole siano caramelle e cerca di prenderle, venendo punito da Reborn. Lambo inizia a piangere e tira fuori il Bazooka dei Dieci anni, ma viene fermato da Reborn, che viene colpito per sbaglio dal bazooka. Tsuna si aspetta di vedere la controparte più vecchia del tutore, ma resta sorpreso nello scoprire che di lui non c'era più traccia. Sicuro che il bambino sarebbe tornato dopo cinque minuti torna a casa, ma la situazione si aggrava quando il giorno dopo lui non si è ancora fatto vivo. Tsuna spiega la situazione ad Haru e Gokudera, dove il ragazzo esprime la sua teoria sul fatto che Reborn possa non esistere nel futuro, per poi partire alla sua ricerca. Tsuna ritorna a casa, sperando che il Lambo del futuro potesse sapere cosa era successo a Reborn, ma Lambo rifiuta di spararsi e inizia a discutere con Tsuna, facendo finire il Bazooka sul ragazzo e sparandolo nel futuro.

    Tsuna si risveglia in una bara, dove incontra per la prima volta la controparte ventiquattrenne di Gokudera che dà istruzioni a Tsuna per uccidere una persona di nome Shoichi Irie, al fine di prevenire un futuro devastante. Prima che a Tsuna venga data la possibilità di chiedergli perché si trova all'interno di una bara, Gokudera viene sostituito dalla sua controparte del passato. Tsuna gli spiega tutto e Gokudera dichiara che ucciderà Shoichi una volta tornati al presente, con grande disappunto di Tsuna che non vuole rendersi partecipe di alcun omicidio. I due si rendono subito conto che sono stati nel futuro molto più di cinque minuti e dovrebbero essere già tornati al presente. Vengono quindi attaccati da una donna che li metterà in seria difficoltà, prima di rivelare la sua identità: si tratta di Lal Mirch, componente del CEDEF ed ex Arcobaleno. Li porta quindi alla Base Segreta dei Vongola, dove incontrano lo Yamamoto adulto e lo scomparso Reborn.

    Vengono quindi a sapere che la Famiglia Vongola è stata annientata da un rivale, i Millefiore, ed è costretta a nascondersi. Sembra che il futuro Tsuna abbia ordinato la distruzione dei Vongola Ring, mettendo in grave svantaggio la Famiglia, ed è stato infine ucciso insieme al Reborn di quell'epoca. Motivato dal desiderio di impedire che questo futuro si verifichi, così come di ritornare al passato, Tsuna viene consigliato da Reborn di radunare i Guardiani, a partire dal più forte: Hibari. Dopo una serie di eventi, vengono trasportati nel futuro anche Yamamoto, Haru, Kyoko, I-Pin e Lambo. Tsuna inizia ad allenarsi per usare al meglio le Fiamme derivate dall'Anello, mentre Gokudera e Yamamoto imparano ad usarle ed a aprire le loro Box Arma. Completato l'addestramento, riuniti l'Hibari e il Ryohei del futuro e trovata la Chrome del passato, rimasta ferita nello scontro con Glo Xinia dei Millefiore, Tsuna viene informato dell'attacco congiunto che le forze superstite dei Vongola hanno pianificato: Tsuna e i Guardiani prenderanno d'assalto la Base Melone nemica in Giappone, mentre le forze in Italia si scontreranno con i nemici del posto.

    L'addestramento di Tsuna con Hibari lo costringe a sottoporsi al processo di successione dei Vongola, nel quale i precedenti Boss sono pronti a fargli ereditare i loro peccati. La scelta di Tsuna è ben diversa e dichiara di voler distruggere i Vongola piuttosto che seguire la scia di morte e corruzione della Famiglia. La decisione viene accettata dal Primo che gli concede di poter combinare la potenza del Vongola Ring con gli X-Gloves, creando gli X-Gloves Versione Vongola Ring. Seppur più potenti, i guanti sono sbilanciati e difficili da gestire; tuttavia, Tsuna è in grado di utilizzarli per sviluppare una nuova tecnica, l'X-Burner, prima del raid programmato sulla Base Melone. Durante questo periodo, Tsuna riceve una visione, insieme a Chrome, di una macchina bianca circolare con Shoichi in piedi di fronte ad essa che sembra avere qualcosa a che fare con il viaggio nel tempo. Tsuna inizia anche ad abituarsi all'idea di essere un leader; ma i Millefiore scoprono la posizione della Base dei Vongola e tentano di tendere un agguato nel cuore della notte, costringendo la banda ad attaccare prima del previsto. Tsuna e la compagnia si infiltrano nella Base Melone, mentre Hibari protegge da solo il Quartier Generale dei Vongola e le persone rimaste al suo interno.

    Entrati nella Base, il gruppo si scontra prima con Dendro, che Tsuna sconfigge facilmente, poi con Ginger Bread che Lal decide di affrontare da sola essendo il responsabile della morte di Colonnello. Ma la battaglia la lascia distrutta e Yamamoto si offre di portarla in spalla per il resto del tragitto. Ginger Bread però è ancora vivo e informa Shoichi della presenza del gruppo all'interno della Base, facendo entrare in azione Spanner con un gruppo di King Mosca che Tsuna affronta da solo per permettere al gruppo di andare avanti. Tsuna sconfigge i Mosca ma perde i sensi per lo sforzo, venendo catturato da Spanner che decide di aiutarlo a perfeziomare l'X-Burner. Scoperto il tradimento di Spanner, Ginger Bread e Iris lo rintracciano allo scopo di uccidere sia lui che Tsuna, ma quest'ultimo li spazza via con la tecnica ultimata e parte alla ricerca di Shoichi.

    Raggiunto il suo laboratorio scopre che Shoichi ha catturato il resto del gruppo, tra cui i bambini, Chrome e l'Hibari del passato arrivati in un secondo momento, e gli intima di consegnare l'Anello del Cielo altrimenti li avrebbe uccisi. Tsuna, non vedendo via d'uscita, si presta a togliersi il gioiello, ma Shoichi stupisce tutti stordendo le Cervello e spiegando di essere dalla loro parte e che tutto quello era stato pianificato da lui, lo Tsuna e l'Hibari del futuro. Il dispositivo circolare contiene le loro controparti dell'epoca non rispedite nel passato, loro sono stati riportati nel futuro solo perché possedevano i Vongola Ring, unica cosa che poteva tenere testa ai Mare Ring di Byakuran, Boss dei Millefiore.

    Vengono quindi informati che in Italia i Varia hanno vinto l'assalto contro la Base italiana dei Millefiore e assistono all'arrivo di Ryohei dal passato. Shoichi consegna ai Guardiani i Sette Vongola Box lasciati per loro da Tsuna e vengono contattati da Byakuran che li sfida ad uno gioco chiamato Choice. Inizia l'allenamento per imparare ad usare i Vongola Box e Squalo si dirige in Giappone per addestrare Yamamoto. Il gioco, però, viene perduto e i ragazzi vengono salvati in extremis dal consegnare i Vongola Ring da Uni, Boss dei Giglionero e dei Millefiore, e custode del Ciucciotto del Cielo che la rendeva Capo degli Arcobaleno. Grazie a Squalo e Hibari, il gruppo riesce a tornare a Namimori, ma sono costretti a fuggire dalla Base in seguito all'attacco di Zakuro, possessore del Mare Ring della Tempesta; Squalo resta indietro per permettere agli altri di fuggire ma viene sconfitto rapidamente e costringe gli altri a rifugiarsi in un'agenzia immobiliare dove apprendono da Dino della sconfitta di Daisy, possessore del Mare Ring del Sole, per mano di Hibari. Vengono poi attaccati dalle restanti Corone Funebri che tentano di rapire Uni, fermati tempestivamente da Gamma, Tazaru e Nosaru, mentre Tsuna sconfigge Torikabuto, possessore del Mare Ring della Nebbia, grazie alla Vongola Box di Chrome.

    La battaglia si sposta nella foresta, dove i Guardiani vengono messi alle strette dalle tre Corone rimaste: Zakuro, Bluebell e Kikyo. A sorpresa, i Varia irrompono sul campo di battaglia in aiuto di Gokudera, Lal e Gamma. A complicare le cose arriva la Corona del Fulmine, Ghost, che inizia a rubare la Fiamme dei presenti per trasferirla a Byakuran, uccidendo anche Zakuro e Bluebell. Tsuna interviene e lo assorbe come se fosse una Fiamma, ingaggiando battaglia con Byakuran.

    Nel corso dello scontro, sempre a favore di Byakuran, Uni e Gamma sacrificano la loro vita per riportare in vita gli Arcobaleno defunti, causando l'ira di Tsuna che si scaglia contro il nemico incolpandolo della morte della ragazza, riuscendo a sconfiggerlo definitivamente. Sconfitti i Millefiore e riparati i danni da loro causati, Tsuna e compagnia possono finalmente tornare nel passato, dove gli Arcobaleno sigilleranno i Mare Ring impedendo l'avverarsi di quel disastroso futuro.


    Quando Tsuna e i suoi compagni ritornano nel passato e gli Arcobaleno sigillano i Mare Ring, causano un terremoto in tutto il mondo. A causa di questo, sette studenti della scuola media Simon si sono trasferiti a Namimori: Shitt P., Mizuno Kaoru, Aoba Koyo, Katou Julie, Suzuki Adelheid ed Enma Kozato. Mentre Tsuna si dirige a scuola, Reborn riceve una lettera dal Nono, informandolo che intende organizzare la cerimonia di successione per far diventare Tsuna il Decimo Boss della Famiglia.

    I Guardiani di Tsuna dimostrano subito di avere molte cose in comune con i Simon e Tsuna stringerà, suo malgrado, amicizia con Enma: ragazzo timido e imbranato almeno quanto lui. Si scopriranno poi essere parte della Famiglia Mafiosa Simon e che sono stati invitati alla Cerimonia di Successione, senza sapere che Tsuna non intende parteciparvi.

    Mentre il giorno della Cerimonia si avvicina Tsuna incontra il Nono, che accetta la decisione del ragazzo di non ereditare la Famiglia ma lo invita a rifletterci ancora un po': se entro il giorno prima della Cerimonia la sua risposta fosse stata ancora negativa avrebbe annullato la successione. Tsuna non riesce a prendere una decisione e si consulta con Enma, che gli confessa gli abusi che la sua Famiglia ha ricevuto da altri per lo status di Famiglia Minore. Dice anche che Tsuna è diverso dalle altre persone spaventose della mafia, e sente di poter essere suo amico. Dopo la conversazione, Enma chiama Adelheid per discutere di Tsuna: lei chiede ad Enma di testare il ragazzo, e lui decide di scrivergli una lettera nel quale simula un rapimento, chiedendogli di andare a salvarlo. Tuttavia, I-Pin farà cadere la lettera nel cestino prima che Tsuna possa vederla, lasciando Enma ad aspettarlo invano in un cantiere abbandonato.

    Più tardi, Tsuna fa visita al Nono per dargli la sua risposta: declina il ruolo di Decimo Boss Vongola ma, mentre si prepara ad andarsene, riceve una telefonata urgente da Gokudera che lo informa che Yamamoto è stato attaccato ed è in condizioni critiche all'ospedale. Reborn e Tsuna si affrettano a raggiungerlo, dove trovano tutti i guardiani e la Famiglia Simon ad aspettarlo; il medico li informa che, anche se Yamamoto dovesse sopravvivere, molto probabilmente non potrebbe più camminare. Reborn chiede ai Simon di allontanarsi per poter parlare con i Guardiani di informazioni riservate ai Vongola, ma è solo una scusa per informarli che Yamamoto, prima di perdere i sensi, ha lasciato un messaggio di avvertimento scritto con il suo stesso sangue. Reborn spiega la parola che il ragazzo aveva scritto: "Delitto", riferito alla fiala contenente il sangue di Giotto che era tradizione tra i Vongola ereditare durante la Cerimonia. L'obbiettivo del colpevole è quindi rubare il manufatto. Tsuna, deciso a voler vendicare Yamamoto, accetta di partecipare alla Cerimonia per poter far uscire il colpevole allo scoperto.

    Il giorno della cerimonia, Chrome crea un'illusione con le sembianze di Yamamoto per disorientare i colpevoli. Squalo, presente alla Cerimonia con i Varia (Xanxus escluso), e Dino sono i primi ad accorgersi del trucco interrogando Tsuna, che però non ha il tempo di spiegare loro la situazione. A Cerimonia iniziata, i colpevoli attaccano il Nono e riescono a ferirlo, distruggendo la fiala contenente il sangue; tuttavia, si rivela essere un falso: il vero Delitto è nascosto in una cassaforte. I colpevoli si rivelano essere i Simon, che rubano il sangue e lo usano per sbloccare il potere dei loro anelli della Terra. Enma rivela che il "Delitto" non è il sangue di Giotto ma quello di Cozart, primo Boss della Famiglia Simon. Adelheid racconta che ai loro tempi, Cozart e Giotto erano vicini come fratelli, ma quando i Vongola progettarono di conquistare l'Europa, usarono i Simon come esca e causarono la morte del Primo. In seguito vennero etichettati come traditori e trattati alla stregua di spazzatura. Tsuna entra in modalità Hyper per combattere Enma, ma lui mette fuori gioco lui e i Guardiani e distrugge gli Anelli Vongola. Tuttavia il loro potere non è ancora completo: gli Anelli libereranno la loro vera forza solo dopo una settimana, il tempo di assorbire il sangue di Cozart. I Varia e Dino tentano di soccorerli, ma Adelheid li intrappola in una prigione di ghiaccio per poi ritirarsi insieme al resto della Famiglia.

    In scena entra Talbot, l'artigiano del metallo dei Vongola, che afferma che non solo vi è ancora speranza di riparare i Vongola Rings ma che possono essere addirittura potenziati con il sangue di Vongola Primo: "Castigo". Se falliscono, però, gli anelli Vongola perderanno il loro spirito e non potranno mai più essere riparati. Tsuna, suo malgrado, è determinato ed accetta di potenziare gli anelli. Mentre Talbot lavorava sugli anelli, Tsuna, Ryohei, Gokudera e Timoteo commentarono quanto assurde siano le azioni dei Simon. Tsuna non riesce ancora a credere che il Primo sia un traditore e pensa che ci sia un malinteso. Talbot di presenterà quindi con delle rocce, che si riveleranno essere le forme grezze degli Anelli: per riportarli al loro splendore originario, i Guardiani dovevano mostrare la loro volontà di potenziarli. Pensando al destino di Yamamoto e Chrome, i ragazzi dimostrano la loro determinazione e liberano gli Anelli dando loro nuove forme. L'Anello di Tsuna si trasforma nell'Anello del Cielo Versione X.

    Dopo aver trovato la posizione della base dei Simon su di un'isola, Tsuna, Ryohei, Gokudera e Lambo si addentrano nel luogo e incontrano sia i Simon che i Vindice, che li informano del patto tra i Simon e i Vongola: semmai fossero entrati in conflitto, la squadra perdente sarebbe stata rinchiusa in prigione. Dopo aver accettato le trattative, Enma spiega che saranno pronti per distruggere i Vongola entro sei giorni e spariscono.

    Dopo qualche ora di cammino, incontrano lKoyo Aoba che combatte contro Ryohei. La battaglia finisce con un pareggio ed entrambi vengono portati via dai Vindice, che mostra loro una chiave contenente i ricordi di Giotto e Cozart durante il loro primo incontro. Tsuna è rattristato dal fatto che Ryohei sia stato portato via, ma Reborn gli ricorda quale sia il loro obbiettivo principale e li sprona a proseguire.

    Durante la notte, Lambo viene condotto in una fossa circondata di roccia da Rauji, che lo sfida a duello mentre Tsuna, Gokudera e Reborn vengono intrappolati in delle reti per impedire loro di intromettersi nello scontro. Lambo, determinato a giocare con lui, libera il suo Vongola Gear ma non è capace di usarlo e viene colpito da Rauji. Si spara quindi col Bazooka dei Dieci Anni facendo arrivare la sua controparte adolescente, che riesce ad utilizzare il Vongola Gear. Tsuna rimane stupito ed è felice che non sia completamente indifeso, ma quando Rauji minaccia di far cadere Lambo giù dal ring il ragazzo ha troppa paura per farsi avanti. Gokudera cerca di spronarlo a combattere ma ottiene l'effetto contrario e lo fa demoralizzare. Reborn si assume quindi la piena responsabilità dell'accaduto, poiché era stato lui a scegliere Lambo come Guardiano del Fulmine senza rendersi conto che il bambino non era in grado di ricoprire quel ruolo. Lambo sembra riprendersi e nega tutto, ammettendo che da piccolo ammirava i Guardiani e non vedeva l'ora di entrare nel loro mondo, pregando Tsuna di continuare ad essere paziente con lui. Risveglia quindi il potere della sua nuova arma e sconfigge Rauji che, prima di essere portato via dai Vindice, chiede al ragazzo se credeva che Tsuna fosse un ottimo Boss. Lambo nega, stupendoli tutti, dicendo di non aver mai visto Tsuna come tale ma di averlo sempre considerato come un bravo fratellino. Sbloccano quindi una seconda chiave dove vengono a conoscenza di come la Famiglia Vongola è stata fondata.

    Il gruppo arriva in una città, replica esatta del posto dove Cozart e Giotto s'incontrarono per la prima volta, e incontrano Shitt P. che ingaggia battaglia con Gokudera. La ragazza rivela al suo sfidante tutti gli aspetti imbranati di Tsuna, con grande sgomento del ragazzo. Tuttavia, Gokudera dichiara di conoscerli già tutti e di averli accettati perché sono una parte di lui. Dopo la sconfitta di Shitt P., Enma si confronta direttamente con Tsuna, sfidandolo e rivelandogli che suo padre, Iemitsu, ha ucciso la sua famiglia. La notizia sconvolge molto il ragazzi, abbastanza da fargli perdere la volontà di combattere. Enma è pronto a dare il colpo di grazia, ma il suo Anello va fuori controllo e lo costringe a ritirarsi. Tsuna inizia a dubitare del motivo per cui combatte.

    Hibari li raggiunge a sorpresa e ingaggia battaglia con Adelheid, riuscendo a sconfiggerla. La ragazza lo interroga sul perché difende Tsuna ma lui nega, affermando che combatte solo per sé stesso. Tuttavia, aggiunge che "È solo grazie al cielo se le nuvole possono muoversi liberamente" e che l'orgoglio è qualcosa che non può mai essere abbandonato, se davvero si crede in esso. Dopo aver visto la quarta chiave, Katou Julie entra in scena accompagnato da Chrome: egli si rivela essere Daemon Spade, Guardiano della Nebbia di Prima e Seconda Generazione. È lui la mente dietro i conflitti tra i Vongola e i Simon, ed è stato lui a tradire Cozart per farlo uccidere. Adelheid si sente in colpa per tutto l'accaduto e prega Tsuna di salvare Enma.

    Incontreranno poi Mizuno che ingaggerà battaglia con Tsuna, interrotti dall'arrivo di Yamamoto completamente ripresosi grazie a Byakuran. Mizuno verrà a sapere la verità su Daemon e cerca di fermarlo, ma il ragazzo lo sconfiggerà facendolo arrestare dai Vindice. La quinta chiave, però, mostra la verità su ciò che è accaduto la notte che Cozart è morto: Giotto, venuto a conoscenza del tradimento di Daemon, manda i suoi Guardiani ad aiutare i Simon mentre G. porta Cozart dal Primo. I due si mettono d'accordo e Cozart si ritira insieme alla Famiglia su un'isola, facendo credere al mondo intero di essere morto. Yamamoto consegna a Chrome, sotto il controllo di Daemom, la versione grezza dell'Anello della Nebbia prima che lei sparisca. Tsuna è determinato a sconfiggere Daemon e salvare Enma e Chrome, affermando che non perderà mai più il suo orgoglio.

    Arrivati nel cuore del castello, Tsuna affronta Enma che ormai ha perso la ragione ed è consumato dall'odio e dal desiderio di uccidere Tsuna per vendicarsi. Tsuna decide di caricare Enma in uno contro uno. Proprio mentre sta per essere risucchiato da uno dei buchi neri di Enma, Tsuna ordina a Natsu di trasformarsi nel nuovo cambio froma e riesce a distruggerlo con il nuovo XX-Burner. La voce di Tsuna raggiunge finalmente Enma, che si libera dal controllo dell'Anello e acquisisce i ricordi di Cozart e Giotto scoprendo la verità.

    Nel bel mezzo della loro riconciliazione, appaiono i Vindice che intendono portare via Enma poiché uscito sconfitto e mostrano la sesta chiave, un ciucciotto trasparente. Tsuna è sorpreso nel vedere Reborn infastidito dall'oggetto e si chiede quale sia il motivo. I Vindice dicono loro che, come Boss dei Simon, Enma deve assistere fino alla fine all'ultima battaglia: quella tra Chrome e Daemon Spade.

    Tsuna e gli altri raggiungono i sotterranei, dove scoprono che Mukuro ha già sconfitto Daemon. Mukuro lasciò il corpo di Chrome ma è costretto a tornare subito dopo in quello di Mukurou, poiché non riesce a tornare nel proprio. Il motivo è semplice: Daemon, dopo essere stato sconfitto, ha preso il controllo del corpo di Mukuro mentre egli possedeva quello di Chrome. Quando i Vindice fanno la loro comparsa, Tsuna ed Enma fanno un patto con loro: se riescono a sconfiggere Daemon loro libereranno i Simon e i Vongola imprigionati. Tsuna riesce a sconfiggere Daemon unendo il suo Anello a quello dei Simon. Daemon ha intenzione di scappare usando il portale del teletrasporto dei Vindice. Tuttavia, Bermuda lo respinge poiché può essere usato solo da qualcuno con un corpo fisico. Mentre l'anima di Daemon inizia lentamente a svanire, l'orologio da tasca che teneva sempre con sé si apre mostrando una fotografia di Giotto e i Guardiani con una donna, vicino a Daemon.

    Daemon racconta che lei è Elena, la donna di cui era innamorato e a cui aveva dedicato la costruzione dei Vongola. Quando Giotto sciolse le forze militari per evitare scontri, causò un attacco alla loro base e la morte della donna. Fu per lei che giurò di rafforzare i Vongola. L'uomo minaccia Tsuna, affermando che se avesse portato disonore ai Vongola sarebbe tornato dall'oltretomba per perseguitarlo. I Vindice mantengono la parola data e liberano i prigionieri, permettendogli di tornare alla loro vita di sempre.

    Chrome si trasferisce a Namimori, con sorpresa di tutti, ma sembra molto giù di morale. Reborn speiga che Mukuro l'aveva abbandonata ed era partito per chissà dove insieme al resto della squadra. Gokudera arriva alla conclusione che Mukuro non ha più bisogno di lei dal momento che finalmente è libero, dimostrandosi disgustato dal suo comportamento; Tsuna però si mostra dubbioso a tal proposito.

    Più tardi, Reborn chiede a Tsuna e Dino di combattere per lui in una battaglia fra rappresentanti per spezzare la maledizione degli Arcobaleno. I due ragazzi accettano e arruolano il resto dei Guardiani per formare una Squadra. Il giorno seguente, mentre si dirigono a scuola, incontrano Mukuro e la sua Gang, che nel frattempo ha arruolato Fran, che dichiara guerra a Tsuna. Lui rifiuta di combattere ma Mukuro lo informa di essere il rappresentante di Verde nella Battaglia degli Arcobaleno e che quindi non può sottrarsi alla Battaglia.

    Tsuna e Reborn si dirigono poi all'hotel dove alloggia Dino, ma il ragazzo viene tempestivamente rapito da Belphegor e Mammon e portato nella stanza dove alloggiano i Varia, al cospetto di Xanxus. Quí scopre che i Varia sono i rappresentati di Mammon e Xanxus minaccia Tsuna di distruggere lui e la sua squadra. Wonomichi, organizzatore dell'evento, piomba all'improvviso nella stanza e annuncia che la Battaglia Rappresentativa degli Arcobaleno avrà inizio quattro giorni dopo.

    Il primo giorno della Battaglia, Tsuna è inizialmente nervosa ma si lascia contagiare dalla tranquillità dei suoi amici. Dopo la scuola, tuttavia, gli orologi da polso annunciano l'inizio della prima Battaglia dove Tsuna è costretto a combattere nientemeno che suo padre, Iemitsu, rappresentante di Colonnello. All'inizio della battaglia, Tsuna ha vari rimpianti per aver affrontato suo padre; tuttavia, si arrabbia rapidamente per le risposte del padre alla sua preoccupazione e si prepara a combattere. Tsuna colpisce Iemitsu, che non accusa minimamente il colpo; il ragazzo attiva quindi il Cambio Forma senza ottenere alcun risultato. Iemitsu entra in Hyper Mode e colpisce Tsuna con un pugno, facendogli perdere i sensi.

    Quando il gruppo si ritrova, poco dopo, Tsuna è seriamente turbato di come suo padre lo abbia battuto facilmente ma non abbia distrutto il suo orologio. Reborn li informa dell'accordo con Iemitsu: se non avesse distrutto l'orologio di Tsuna, avrebbero stretto un'alleanza con la squadra di Colonnello. All'improvviso, tutti gli orologi si accendono iniziando a parlare: l'interlocutore si presenta come Checker Face e si congratula con tutti i partecipanti. Gli orologi mostrano i risultati della battaglia del primo giorno: la squadra di Verde risulta l'unica a non aver subito alcuna perdita. Gokudera suggerisce di saltare la scuola per concentrarsi sulla battaglia, ma Reborn non glielo permette. Dino si scusa per non aver combattuto con loro e decide di rimanere vicino alla scuola. Tsuna non vuole tornare a casa per incontrare suo padre e Yamamoto invita lui e Gokudera a casa sua, dove passeranno la notte.

    Il giorno dopo a scuola, Dino si presenta come nuovo insegnante di inglese, copertura per stare vicino ai ragazzi durante le battaglie. Nel pomeriggio si dirigono verso una villa in mezzo alla foresta dove incontrano Uni, in squadra con Gamma, Nosaru, Tazaru e Byakuran. Uni rivela che la sua maledizione da Arcobaleno è una vita breve e propone un'Alleanza con Tsuna, rivelando che nel prossimo turno saranno eliminate due squadre. Byakuran sa come contrastare le macchine di Verde e fa entrare Spanner e Shoichi, che li aiuteranno nell'impresa. Senza preavviso, gli orologi annunciano l'inizio della battaglia.

    Il Team di Verde è il primo ad attaccare. Byakuran e Tsuna si preparano a difendere la base dall'alto e, una volta avvistato Mukuro, Tsuna lo attacca, seppur essendo ancora insicuro dopo la sconfitta subita dal padre.

    Abilità[modifica | modifica wikitesto]

    Il suo stile di lotta è uguale a quello del Primo Boss della Famiglia Vongola; infatti quando Reborn gli spara con la Pallottola dell'Ultimo Desiderio, Tsuna diventa molto potente e finché il suo desiderio non viene esaudito ha una forza e una velocità sovrumana, facendo provocare in diverse persone l'interessamento alla sua abilità.

    Nella saga della lotta contro Mukuro Rokudo, Tsuna grazie a Leon entra in possesso degli X-Gloves, speciali guanti formati dallo stesso materiale che forma il Proiettile dell'Ultimo Desiderio e grazie ai quali potrà infiammare anche le sue mani ed usare lo stesso fuoco emanato dai guanti come propulsore per volare o per gli spostamenti rapidi. Gli X-Gloves vanno accompagnati dalla Pallottola del Rimprovero sparata da Reborn che rimuove i limiti del suo corpo e gli permette di mantenere la lucidità, entrando nella modalità "Hyper Dying Will Mode".

    Nella saga dei Varia, Tsuna fa un allenamento seguito da Reborn e aiutato da Basil in dieci giorni impara lo Zero Point Breakthrough, una tecnica inventata dal Primo Boss dei Vongola che è in grado di congelare gli oggetti, le fiamme e i nemici di Tsuna in un ghiaccio distruggibile solo da fiamme dell'ultimo desiderio. Tsuna crea anche una propria versione dello Zero Point Breakthrough chiamata Zero Point Breakthrough - Revised che consente di assorbire le fiamme e di convertirle in energia per lui.

    Nella lotta contro il Millefiore, Tsuna ottiene la Vongola Sky Box, che contiene l'animale "Natsu" (ナツ?) un piccolo leone in grado di pietrificare le fiamme attraverso l'armonizzazione con Tsuna ed è in grado di trasformarsi in armi appartenenti al Primo Boss Vongola. Inoltre grazie al potere dei precedenti boss Tsuna potenzia i suoi X-Gloves trasformandoli nei X-Gloves versione Vongola Ring. Grazie all'aiuto del tecnico dei millefiore Spanner, Tsuna acquisisce delle lenti a contatto e delle cuffie che gli permettono di migliorare la precisione dei suoi attacchi e di rendere possibile la sua nuova tecnica, l'X-Burner.

    Nella saga della successione, dopo la distruzione dei vongola ring, Tsuna acquisisce il Vongola Gear, la versione definitiva degli anelli vongola. Grazie a questo Tsuna potenzia i suoi X-Gloves permettendo l'uso di un nuovo attacco, l'XX-Burner. Inoltre scopre che se unisce il suo Vongola Ring al Simon Ring di Kozato Enma riesce a fondere i due anelli per potenziare i suoi colpi.

    Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

    • Il suo soprannome, "Tsuna", è spesso collegato all'inglese "Tuna" ovvero "tonno". La porta della sua camera da letto ha un tonno con sopra il suo nome. Una comune stenografia del suo nome usata tra i fan è "27": in giapponese l'inglese "Two", ovvero 2, suona come "Tsu" e 7 è pronunciato "Nana". Quindi, "Tsu-na".
    • Tsuna non era in grado di andare in bicicletta senza ruote fino alla quinta elementare.
    • I capelli di Tsuna sono in disordine sin dalla nascita, nemmeno il gel può tenerli giù.
    • Tsuna è il primo discendente giapponese di Giotto ad ereditare la posizione di boss dei Vongola: le generazioni da due a nove sono italiane e Iemitsu non può ereditarlo perché è il capo del CEDEF.
    • Secondo Fuuta Tsuna è al primo posto tra i boss che non possono rifiutare una richiesta e tra quelli senza alcuna ambizione.
    • La velocità di sprint di Tsuna è al 86.202° posto su 86.202 membri della mafia, la sua forza alle gambe è al 85.900° e la sua resistenza al 86.182°, quindi la classifica generale di Tsuna è all'ultimo posto.
    • Tsuna è 872° su 872 boss della mafia in termini di capacità combattive e intelligenza.
    • Tsuna è al primo posto nella classifica delle persone a cui rubano il pranzo.
    • Tsuna è al primo posto nella classifica delle persone più facilmente spaventabili nella mafia.
    • Sin dal suo scontro con Mukuro durante l'arco di Kokuyo, Tsuna ha sviluppato la capacità di percepire Mukuro ogni volta che si trova nelle vicinanze.
    • Nel manga è stato svelato che il soprannome di Tsuna era "Inutile Tsuna" in seconda elementare, che è poi diventato "ImbranaTsuna".
    • Tsuna è l'unico membro della Decima Generazione a non essere stato mostrato nel futuro.
    • Nel sondaggio più recente, Tsuna si è classificato secondo per popolarità e primo per forza.
    • Secondo Reborn, Tsuna è molto popolare tra i suoi subordinati.
    • In un sondaggio su Internet del 2008, "Il personaggio che voglio sposare" Tsuna si è classificato al sesto posto. Nel sondaggio del 2009, si è classificato settimo.
    • Nel manga, la malattia Skullite di Tsuna ha rivelato che lui ha molta paura degli scarafaggi.
    • In un saggio di seconda elementare, il suo sogno era diventare un robot gigante. Il suo sogno attuale è sposare Kyoko.
    • Come rivelato nel "Test di coraggio" da Fuuta, la paura numero uno di Tsuna sono i pipistrelli.
    • Nel gioco Jump Ultimate Stars, dove Tsuna e Reborn sono tra i personaggi, quando Reborn spara a Tsuna con un proiettile, la Fiamma di Tsuna è blu invece che arancione. Questo è probabilmente dovuto alla confusione tra Basil e le Fiamme di Tsuna, e quando è stato rilasciato Jump Ultimate Stars, Reborn! non aveva ancora stabilito il sistema delle Fiamme.
    • Secondo Uni, Tsuna è noto per essere il boss dei Vongola che combatte sempre con le sopracciglia corrugate e i pugni oscillati nella parvenza di una preghiera.
    • Alcuni dei suoi beni hanno il numero "27" su di essi, come la forma dormiente degli X-Gloves, l'airbike, gli auricolari e alcuni dei suoi vestiti.
    • L'orgoglio di Tsuna sono i suoi amici e compagni.
    • Le sillabe di Tsuna al contrario sono pronunciate Natsu, ovvero 72, come la sua Box Animal.
    • Come suo padre e Giotto, i loro nomi giapponesi (Tsunayoshi, Iemitsu e Ieyasu) sono gli stessi degli Shogun Tokugawa.
    • Secondo Checker Face, Tsuna è in cima alla lista dei candidati che ha i requisiti necessari per diventare un Arcobaleno.
    • Tsuna è uno dei tre personaggi ad avere una modalità storia nel videogioco Katekyo Hitman Reborn! Kindan no Yami no Delta. Gli altri due sono Xanxus e Chrome (insieme a Mukuro).
    • Tsuna ha rivelato molti segreti imbarazzanti sotto l'effetto dello Skullitis.
      • Non ha mai ottenuto il massimo punteggio in un test.
      • Salta la scuola nei giorni della foto.
      • Non riesce a bere il caffè.
      • Non conosce la tabellina del sette
      • Una volta è andato all'ospedale per con un fagiolo conficcato nel naso.
      • Non sa cosa sia un anno bisestile.
      • Ha paura delle lumache.
    • Tsuna ha 308 cibi preferiti: la bistecca di Salisbury è classificata al 1° posto, le uova fritte sono all'ottavo posto.
    Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga