Trattato di Greenwich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il trattato di Greenwich (anche conosciuto come trattati di Greenwich) conteneva due accordi entrambi firmati il 1º luglio 1543 a Greenwich tra i rappresentanti dell'Inghilterra e della Scozia. Il documento, nel complesso, comportò un piano attuato da Enrico VIII d'Inghilterra per unire i due reami (cosa che effettivamente sarebbe avvenuta solo nel 1707 con l'Atto di Unione). Il primo sotto-trattato sanciva la pace tra il Regno d'Inghilterra e il Regno di Scozia; il secondo invece proponeva un matrimonio tra il principe Edoardo e Maria Stuarda, regina di Scozia, che aveva appena sei mesi. In questa parte del documento veniva concordato che la regina Maria sarebbe stata accompagnata da un nobiluomo inglese e da sua moglie fino al suo decimo anno di vita; nel 1552 sarebbe quindi stata consegnata ufficialmente agli inglesi e avrebbe vissuto in Inghilterra nell'attesa di sposarsi. Oltre a ciò, era stabilito che il Regno di Scozia potesse mantenere le sue leggi.[1] Benché il conte di Arran avesse firmato l'accordo il 1º luglio e lo avesse ratificato il 25 agosto 1543, il Trattato di Greewich fu infine rifiutato dal Parlamento scozzese l'11 dicembre dello stesso anno;[2] infatti, Maria di Guisa, madre della regina in fasce, non era d'accordo con le nozze e rimanendo fedele all'Auld Alliance preferì far sposare sua figlia al Delfino di Francia, Francesco, figlio di Enrico II e di Caterina de' Medici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fisher, p. 459
  2. ^ Loades, pp. 59-60

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Herbert Albert Laurens Fisher, The History of England, from the Accession of Henry VII, to the Death of Henry VIII, 1485-1547 (Volume V), Londra, Longmans, Green, and Co., 1906.
  • David Michael Loades, John Dudley, Duke of Northumberland, 1504-53, Oxford, Oxford University Press, 1996.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]