Trattato di Benevento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Trattato di Benevento
Firma18 giugno 1156
LuogoBenevento
Condizioniil papa incoronò Guglielmo re di Sicilia, Puglia e Capua
PartiCoA Pontifical States 02.svg Stato Pontificio
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg Regno di Sicilia
FirmatariPapa Adriano IV
Guglielmo I di Sicilia
voci di trattati presenti su Wikipedia

Il trattato di Benevento fu un importante trattato tra il Papato di Adriano IV ed i Normanni del Regno di Sicilia.

Dopo anni di relazioni turbolente, il papa si rassegnò finalmente a concludere la pace con i sovrani d'Altavilla. Nel 1156 il papa era rimasto il solo ad opporsi ai Normanni: l'esercito di Michele Paleologo era stato annientato, l'esercito di Federico Barbarossa era tornato in Germania e i ribelli all'autorità reale in Puglia, uomini come Roberto II di Capua o Riccardo II dell'Aquila, avevano deposto le armi o erano stati imprigionati. In breve, il papa non aveva alleati per continuare le ostilità. Inoltre la popolazione lo aveva scacciato da Roma ed egli si era trasferito a Benevento, che era territorio papale da oltre un secolo.

L'esercito siciliano si avvicinò a Benevento ed il papa fu costretto a scendere a patti. Il cancelliere pontificio Rolando Bandinelli (futuro papa Alessandro III) ed il nobiluomo romano Oddo Frangipane furono inviati per negoziare. Guglielmo di Tiro suggerisce che la città fosse assediata, ma testimoni oculari lo contraddicono. Re Guglielmo I di Sicilia inviò il suo ammiratus ammiratorum, Maione di Bari e due suoi primati Ugo Arcivescovo di Palermo, Romualdo II Guarna Arcivescovo di Salerno nonché il vescovo Guglielmo Calano e Marino Abate della Badia di Cava.

Partendo da una posizione di vantaggio, la delegazione siciliana ottenne un notevole successo con la firma del trattato il 18 giugno 1156. La sovranità di re Guglielmo fu riconosciuto su Sicilia, Puglia, Calabria, e Campania, così come su Capua, le città costiere di Amalfi, Napoli e Gaeta, e sui territori recentemente conquistati in Italia centrale: Marche ed Abruzzi, che erano già stati reclamati da Ruggero ed Alfonso, fratelli maggiori di Guglielmo. Il tributo al papa di 600 scifati, concordato con Ruggero II in base trattato di Mignano del 1139 fu confermato ed un altro di 400 scifati fu aggiunto per le nuove terre conquistate. Il papa ebbe il diritto di inviare legati nel reame peninsulare, ma analogo diritto ebbe il re in Sicilia, quindi il papa dovette rinunciare a molta della sua autorità sull'isola.

Nella chiesa di San Marciano il papa incoronò Guglielmo re di Sicilia, Puglia e Capua. Egli ricevette il Bacio della Pace e offrì al papa doni d'oro e argento.

Uno dei principali autori del trattato fu il giovane notaio Matteo d'Aiello, che successivamente acquisirà grande fama in Sicilia.

Il manoscritto originale è conservano nell'Archivio Segreto Vaticano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]