Torre dei venti (Bergamo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torre dei venti
A4 uscita Bergamo.jpg
Autostrada A4 con la torre sul fondo
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
LocalitàBergamo
IndirizzoColognola al Piano
Coordinate45°40′12.4″N 9°40′04.19″E / 45.67011°N 9.66783°E45.67011; 9.66783Coordinate: 45°40′12.4″N 9°40′04.19″E / 45.67011°N 9.66783°E45.67011; 9.66783
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1939-1940
StileArchitettura fascista
UsoMagazzino
Realizzazione
ArchitettoAlziro Bergonzo
ProprietarioStato

La Torre dei venti di Bergamo è un torre costruito sullo svincolo dell'uscita dell'Autostrada A4. Progettata dall'architetto Alziro Bergonzo e destinata originariamente ad accogliere un presidio della Polizia Stradale, è un alto edificio in laterizio a pianta esagonale, sormontato da una cuspide tronco-conica. Ogni facciata è mossa da una fila verticale di finestre quadrate, mentre alla sommità sono collocati 6 pannelli in cotto dello scultore soresinese Leone Lodi[1].

Per l’architetto la Torre simboleggiava il faro del progresso che dalla nostra città si affacciava sul mare della pianura lombarda, proprio attraverso le nuove comunicazioni stradali, mentre i bassorilievi sulle sei facciate, hanno i simboli del ventennio fascista[2]. L'originale collocazione prospettica del monumento è oggi un po' alterata nel suo effetto monumentale dalle recenti modifiche dei raccordi dell'autostrada.

La tradizione racconta che la torre fu costruita quale risarcimento alla città orobica per il torto subito nel 1878 quando venne esclusa dal tratto stradale che collegava Milano a Venezia passando per Treviglio[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Torre dei venti, Lombardia Beni Culturali. URL consultato il 12 maggio 2018.
  2. ^ Tra aquile e fasci, quei simboli del Ventennio Resistono testimonianze dell'architettura fascista, Corriere della sera. URL consultato il 12 maggio 2018.
  3. ^ A4, lo svincolo di Bergamo Immagini di un’ordinaria follia, Bergamo post. URL consultato il 12 maggio 2018.