The Gospel According to the Meninblack

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Gospel According to the Meninblack
ArtistaThe Stranglers
Tipo albumStudio
Pubblicazione1981
Durata44:07
GenerePost-punk
Gothic rock
New wave
EtichettaLiberty Records
ProduttoreAlan Winstanley
The Stranglers - cronologia
Album precedente
(1979)
Album successivo
(1981)

The Gospel According to the Meninblack (chiamato talvolta solo The Meninblack) è un concept album esoterico dei The Stranglers pubblicato nel 1981. L'album tratta di teorie complottistiche riguardo a visite di UFO sulla Terra, dell'organizzazione governativa Men in Black (nella cultura popolare, agenti governativi che cercano di nascondere avvistamenti di UFO eliminando i testimoni), e la narrazione di ciò secondo schemi biblici. Non è la prima volta che la band si occupa di questo argomento: l'aveva già fatto in Raven e nel singolo Who Wants the World?.

Dal punto di vista musicale l'album è progressive, macabro e astratto, con batteria lenta e sintetizzatore, mentre i testi sono cupi ed elaborati. Alcuni considerano quest'album uno dei primi del goth rock.[senza fonte]

Hugh Cornwell, ex cantante e compositore della band, ha dichiarato di considerare quest'album il migliore album degli Stranglers ed il suo preferito.[1]

Nel Regno Unito i singoli estratti vendettero poco a causa dello sperimentalismo, diversamente dal successivo album La Folie

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Waltzinblack – 3:38
  2. Just Like Nothing on Earth – 3:55
  3. Second Coming – 4:22
  4. Waiting for the Meninblack – 3:44
  5. Turn the Centuries, Turn – 4:35
  6. Two Sunspots – 2:32
  7. Four Horsemen – 3:40
  8. Thrown Away – 3:30
  9. Manna Machine – 3:17
  10. Hallow to Our Men – 7:26
  11. Top Secret – 3:27
  12. Maninwhite – 4:27

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hugh Cornwell Official Site, su hughcornwell.com. URL consultato il 13 maggio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]