Terrafugia Transition

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Terrafugia Transition
Terrafugia -- 2012 NYIAS cropped.jpg
La Terrafugia Transition presentata al Salone dell'automobile di New York nel 2012
Descrizione
Tipoauto volante
CostruttoreStati Uniti Terrafugia
Costo unitario279.000 $
Dimensioni e pesi
Lunghezza6,02 m
Apertura alare8,08 m
Larghezza2,30 m
Altezza1,98 m
Peso a vuoto440 kg
Peso carico227 kg
Peso max al decollo650 kg
Passeggeri2
Capacità combustibile87 L
Propulsione
MotoreRotax 912
Prestazioni
Velocità max185 km/h
Velocità di crociera160 km/h
Autonomia660 km più 30 minuti di riserva

La Transition dal sito ufficiale della Terrafugia

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

La Transition è un'auto volante prodotta dalla compagnia statunitense Terrafugia, fondata nel 2006 ad opera di alcuni ingegneri del MIT proprio con l'intento di progettare e produrre veicoli di tale tipo.

Caratteristiche generali[modifica | modifica wikitesto]

La vettura, lunga circa 600 cm, grazie alle ali ripiegabili è in grado di trasformarsi da auto normale ad auto volante in soli 30 secondi, premendo un solo tasto dall'interno. In questo modo la Transition diventa larga solo 2 metri e può trovare posto anche in garage. Spinta da un motore Rotax da 100 CV, in volo la Transition è in grado di raggiungere i 185 km/h ed ha un'autonomia di circa 700 km grazie a un serbatoio da quasi 90 litri. Funziona a semplice benzina verde. In strada, la trazione è sulle ruote posteriori, riducendo la velocità massima a circa 110 km/h e con un litro di benzina percorre oltre 10 km (6.7 L/100 km). Per guidarla sarà necessario avere il brevetto di volo per ultraleggeri.

Avendo già effettuato decine di test di volo, la vettura è pronta per la fase finale della produzione, e secondo la stessa compagnia, l'auto avrebbe dovuto essere sul mercato a partire dal 2019, ad un costo iniziale di 279.000 dollari.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ecco Transition, la prima auto volante arriva negli Usa nel 2019, su corriere.it, 27 settembre 2018. URL consultato il 13 aprile 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]