Teodobaldo di Vermandois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teodobaldo I de Nanteuil
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti vescovo di Ostia e Velletri dal 1183 fino alla morte
Nato ?
Creato cardinale 1171 da papa Alessandro III
Deceduto 1188

Teodobaldo I di Vermandois de Nanteuil, in francese Thibaud Ier de Nanteuil (... – Roma, 4 novembre 1188), fu un benedettino francese che divenne abate e poi cardinale e vescovo.

Entrò in gioventù nell'Ordine benedettino. Divenne abate dell'Abbazia di Saint-Basle à Reims, quindi, nel 1140, amministratore apostolico di quella di Saint-Benoît-sur-Loire, carica che tenne fino al 1144. Nel concistoro del 1171 papa Alessandro III lo nominò cardinale con il titolo di Cardinale presbitero di Santa Croce in Gerusalemme. Nel 1180 divenne Abate di Cluny, carica che mantenne per quattro anni. Nel 1183 papa Lucio III lo nominò Cardinale vescovo di Ostia e Velletri, titoli che mantenne fino alla morte.

Nel secondo conclave del 1187, tenutosi dopo la morte di papa Gregorio VIII, venne eletto papa ma rifiutò, favorendo così la investitura del cardinale Paolo Scolari che prese il nome di Clemente III.

Morì a Roma e la sua salma venne inumata nella Basilica di San Paolo fuori le mura

Conclave[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del suo cardinalato Teodobaldo di Vermandois partecipò ai seguenti conclavi:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]